Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

In difesa degli Scritti Sacri

Se ogni Scrittura è ispirata da Dio (cfr. 2 Timoteo 3:16), in quanto

“degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo” (2 Pietro 1:21),

la Scrittura è la Parola di Dio. Ecco perché Paolo scrivendo a Timoteo usa l’espressione “gli Scritti Sacri” (2 Timoteo 3:15) in riferimento alla Scrittura. E badate bene che sono Scritti Sacri non solo gli scritti che vanno dalla Genesi a Malachia – che formano la Bibbia ebraica -, ma anche quelli che vanno da Matteo all’Apocalisse, che sono stati scritti sotto la grazia, infatti l’apostolo Pietro afferma che nelle epistole di Paolo ci

“sono alcune cose difficili a capire, che gli uomini ignoranti e instabili torcono, come anche le altre Scritture, a loro propria perdizione” (2 Pietro 3:16) –

notate come Pietro metta le epistole di Paolo tra le “Scritture” – e Paolo scrivendo a Timoteo mette un passo scritto da Luca sullo stesso livello di un passo scritto nella legge di Mosè, infatti gli dice: “…la Scrittura dice: Non metter la museruola al bue che trebbia; e l’operaio è degno della sua mercede” (1 Timoteo 5:18). Il passo di Luca è questo: “L’operaio è degno della sua mercede” (Luca 10:7), mentre quello citato dalla legge è il seguente: “Non metterai la musoliera al bue che trebbia il grano” (Deuteronomio 25:4).

Quello che sta scritto dunque – non importa se nella Genesi o nei Salmi o in Isaia o in Matteo o negli Atti o nell’epistola ai Filippesi o nell’Apocalisse – è la Parola di Dio. Guai dunque a coloro che adulterano, annullano e contrastano la Parola di Dio. E se qualcuno viene a voi e vi dice che la Scrittura non è la Parola di Dio, guardatevi da lui, perché è sicuramente un ribelle, un cianciatore e un seduttore di menti. Non vi mettere con lui, anche se vi dice che è un Cristiano, perché vuole sedurvi e farvi del male.

[tratto dalla bacheca facebook di G. Butindaro]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Francesco Toppi: I discepoli antichi a Gerusalemme avevano smesso di lavorare perché ritenevano che il ritorno di Cristo fosse imminente

Francesco Toppi, ex presidente delle Assemblee di Dio in Italia, ha scritto: ‘Un altro esempio molto citato è quello dell’entusiastico...

Come IDDIO guidò una sua figliuola nel buio e nella nebbia con una luce splendente

Nel Gennaio del 1998, Lan, una Cristiana della Cina NordOrientale, andò a visitare suo fratello con suo nipote. Mentre erano...

Il caso della Mongolia che dimostra che l’immunità di gregge non funziona

La copertura vaccinale della Mongolia con due dosi di vaccino contro il morbillo è superiore da anni al 95%. Nel...

Chiudi