Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Come DIO si usò di una bambina, in una lingua che non conosceva, per confermare la Sua opera ad un missionario

‘In quegli anni, nelle miniere d’oro di quella zona lavoravano dei cinesi. Per poterli curare spiritualmente venne a Johannesburg un missionario cinese chiamato John, un uomo grande, intelligente, e conosciuto per la sua sincerità.

Un missionario lo portò a una radunanza e tutto ciò che John qui vide era per lui completamente nuovo. Si sentì così a disagio e si domandò se quel risveglio fosse da Dio. Preso da questi dubbi, pregò fervidamente nel suo spirito, dicendo al Signore di dargli chiarezza. Ad un tratto una bambina che era seduta davanti a lui gli disse in cinese perfetto: ‘Quest’opera è da Dio’. Ciò fu un triplice miracolo perché la bambina, senza conoscerlo e senza sapere nulla del suo problema, sentì che doveva dire quelle parole a lui, gli diede la risposta esatta proprio riguardo al suo dubbio e parlò in cinese, una lingua che non conosceva.

John, pieno di stupore, chiese a Dio di battezzarlo nello Spirito Santo e ciò avvenne. Rivestito di questa santa armatura ritornò in Cina per portare quel messaggio ai suoi connazionali.

 
[Tratto da: John G. Lake, Il deserto fiorirà. Testimonianze di RISVEGLIO del SUDAFRICA e predicazioni di fede, Brindisi 1985, pag. 25]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Le menzogne dette da Roberto Benigni sui Dieci Comandamenti

 Fratelli nel Signore, mi sono trovato costretto a scrivere in merito a quanto detto di recente dall’attore Roberto Benigni in...

Per Paolo Ricca, teologo valdese, l’omosessualità non è peccato

Ecco cosa scrive il noto teologo Valdese Paolo Ricca ad una lettrice in merito all'omosessualità: ‘Lei mi chiede di dirLe «sinceramente» se...

DIO è pietoso

DIO è pietoso. Egli ha pietà del Suo popolo e dei Suoi servi. Come un padre è pietoso verso i...

Chiudi