Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Una gamba rotta

9030174-paziente-con-le-stampelle-con-la-gamba-rotta-nel-castLa regina d’Inghilterra Maria Tudor (1516-1558) soprannominata Maria la sanguinaria fece perire, si dice, più di trecento persone sul rogo e lasciò in prigione numerosi credenti. Uno di loro, Bernardo Gilpin, fu a sua volta condannato a morire per la sua fede. Durante il suo imprigionamento nella purtroppo celebre torre di Londra, egli amava ripetere il versetto biblico che lo sosteneva: “Non sappiamo pregare come si conviene …. Ma sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio” (Romani 8:26,28).
Un giorno, Bernardo Gilpin cadde lungo la scala della torre e si ruppe una gamba. Mentre gemeva dal dolore, il guardiano si beffò della sua fede e del suo testo preferito. Ah! ah! Questa volta non mi verrà a dire che la sua gamba rotta è una buona cosa che le è accaduta! Ebbene, rispose il prigioniero, nonostante tutto, ciò è vero poiché Dio l’ha detto: “Tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio” anche quando non lo comprendiamo.
Infatti l’indomani era il giorno previsto per l’esecuzione; il trasporto del condannato ferito, per questo motivo, diventava problematico, e pertanto fu momentaneamente lasciato in prigione. Poco tempo dopo la regina Maria morì. Elisabetta I salì sul trono e ordinò la cessazione delle persecuzioni. Qualche giorno più tardi, Bernardo Gilpin fu messo in libertà.

 

Da: Il Buon Seme, Edizioni Il Messaggero Cristiano, 15048 Valenza

 

 

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Giusy Gozzi
Una parola per la ‘pastora’ Giusy Gozzi e le sue ‘colleghe’

  Giusy Gozzi t...

images
Il pastorato femminile nella Chiesa Evangelica Internazionale (CEIAM)

Come vedrete nei vid...

sana-dottrina
Confutazione dottrina: “lingue + interpretazione corrispondono alla profezia”

    Questa dottrina ...

Chiudi