Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

I tanti motivi per cui sono uscito dalle ADI

Aldo prendiPace a tutti i fratelli nel Signore. Mi chiamo Aldo Prendi e mi sono convertito al Signore Gesù Cristo nell’agosto del 2010, e ora Lo amo e voglio servirLo con tutto me stesso.

In breve la mia conversione

Io sono uscito dalla depressione in cui ero caduto dopo che sono arrivato qui in Italia, e quando ero depresso pensavo di abbandonare questa vita, quindi di suicidarmi, perché non vedevo niente di buono in questa vita, e pensavo che con la morte sarebbe finita la sofferenza, ma piano piano Dio mi aprì il cuore e mi spinse nella sua via, dandomi la paura dell’inferno che mi spinse a cercare la verità, e poi l’ho trovata, e ora grazie a Dio sono del tutto cambiato, sono un altra persona. Con il passare del tempo, però, le cose non andavano bene come pensavo.

Fuori dall’organizzazione religiosa

Dopo la mia conversione in Albania, dovevo ritornare qui in Italia, e mio zio mi disse di cercare una comunità evangelica per frequentare i culti, e io quando arrivai qui in Italia, mi studiai di cercare una comunità evangelica, perché ero trasformato, ed avevo altri desideri, cioè volevo stare con le persone che si erano convertite come me per servire insieme il Signore. Poi, cominciai a cercare una comunità evangelica su internet, e quando la trovai, andai emozionato per incontrare i nuovi fratelli, ma la porta era chiusa e quindi ritornai indietro senza incontrare nessuno. Cercai di nuovo su internet e trovai un altra comunità ma anche in questa trovai la porta chiusa, e non ci andai più. Poi cercai di nuovo, e alla fine, trovai una Chiesa delle Assemblee di Dio in Italia.
All’inizio quando ho cominciato a frequentare le ADI, pensavo di trovare la verità (e non la menzogna), perché pensavo (visto che sono credenti evangelici) di trovare il vero amore di Dio, cioè quello che ti porta a mettere in pratica la Parola di Dio, ma con mia delusione non è stato così.

Un peccato che ho commesso

Voglio ora raccontarvi brevemente una cosa per cui mi sono pentito di averla fatta. Quando io avevo una fede cieca nei credenti – pensando che erano come me, che volevo servire il Signore con tutte le forze – invitai anche i miei genitori a frequentare questa Chiesa ADI, perché io pensavo che lì c’era davvero la sincerità, e l’amore, ma mentre dicevo a mia madre che le ADI sono diverse dalla Chiesa Cattolica, e che gli Evangelici sono meglio dei Cattolici, mia madre (anche se non era convertita) mi disse: “ma anche lì passano il cestino delle offerte come i cattolici” come per dirmi “vedi, anche loro fanno una cosa sbagliata come i Cattolici”, ma io accecato dalla fede che avevo nei credenti, dissi a mia madre: “non ti devi preoccupare, perché è giusto che il cestino sia passato”, ma mentre dicevo queste cose, la coscienza mi riprese, e poi cambiai discorso, e alla fine, sono molto dispiaciuto e addolorato di averli invitati con tanta premura nelle ADI, veramente molto. E ora che – grazie a Dio – ho più discernimento di prima, sono convinto che ho peccato contro i miei genitori e contro Dio, nell’averli invitati ad andare nelle ADI. E ora vi spiego il perché.

Il fuoco quasi si spegne

Il tempo passava, e lo zelo iniziale venne a diminuire così in maniera graduale, che non riuscii nemmeno ad accorgermene. Stavo diventando sempre più malvagio, e ora capisco il motivo, perché la Scrittura dice: “Chi va coi savi diventa savio, ma il compagno degl’insensati diventa cattivo” (Proverbi 13:20), e anche: “Non v’ingannate: Le cattive compagnie corrompono i buoni costumi.” (1 Corinzi 15:33).

Pregiudizi su uno sconosciuto

Io andavo spesso su Facebook, e mi ricordo che vidi una “pagina” dove parlavano male a più non posso di una persona, e capii che questa persona si chiamava Giacinto Butindaro, e io vidi la foto che avevano messo in quella “pagina”, e credendo alle male parole che si dicevano contro di lui, mi misi a guardare la foto, e cominciai ad avere dei pregiudizi riguardo a Giacinto, perché credevo alle accuse gravissime che si dicevano in quella “pagina”. Io, da ingenuo di poca esperienza, ci cascai nella loro rete diabolica, e credetti alle loro calunnie, e ai loro oltraggi.

Un fascio di luce

Se non ricordo male, un giorno, mi volevo informare su una dottrina della Bibbia, e mi misi a cercare su internet, e vidi che predicava la persona che era stata oltremodo insultata nella “pagina” Facebook, e io con arroganza, e con pregiudizi negativi su di lui, cominciai a sentire questa predicazione, e sentivo una certezza che aveva nel parlare che non avevo visto in nessun uomo di Dio, neanche nel mio zio che mi aveva parlato di Dio. E diceva le cose con autorità, e non come quelli delle ADI che avevano un parlare indiretto, poco chiaro, vago, impreciso, ambiguo e non franco. E confrontando con la Bibbia quello che diceva, sentii nel profondo del mio cuore che questa persona aveva la sincerità, e la purità del cuore, che io pensavo che era in tutti quelli che si dicevano “Evangelici”. E ringraziai Dio nel mio cuore per avere avuto la certezza su quella dottrina (che riguardava la bestemmia contro lo Spirito, e la perdita della salvezza), e per averla capita seguendo la predicazione che mi colpì molto, e così cominciai a consultare i suoi insegnamenti (cioè le dottrine bibliche che lui insegnava) e che mi fece ricredere alle cose negative che avevo letto in quella infame “pagina”. Poi lo ringraziai tramite e-mail, e gli dissi giustamente la verità: “mi si stanno aprendo gli occhi”. E poi ascoltando le predicazioni, la mia ira andava infiammandosi sempre di più, come quella di Mosè, quando vide che il popolo di Dio si era corrotto (Esodo 32:19). Questa ira si faceva sentire perché cominciavo a comprendere che c’erano tante menzogne nelle ADI, e che mi avevano deluso, perché mi fidavo ciecamente di loro, pensando che non possono ingannare le persone visto che si dicono “Evangelici”. Ma le cose non stavano come pensai con la mia mente ignorante che avevo prima. La verità era che i credenti delle ADI avevano voltato le spalle alla Parola di Dio, e non la mettevano in pratica. Da questa cosa io capii che l’amore loro era falso e solo apparente, perché ora misuravo le cose non basandomi sull’apparenza, ma basandomi sulla Parola di Dio, e la Parola di Dio dice: “E questo è l’amore: che camminiamo secondo i suoi comandamenti” (2 Giovanni 6).

Ho agito scorrettamente, e chiedo perdono ai membri della Chiesa ADI che frequentavo

Certo che ho fatto degli sbagli anche io, e chiedo scusa a tutti quelli delle ADI quando ho parlato a loro in maniera arrogante e a volte senza amore, ma grazie a Dio leggendo la Parola, pregando e ascoltando i consigli dei fratelli che ho incontrato fuori dalle ADI, mi sono migliorato, e ora sono diverso. Agivo in quella maniera perché nelle ADI stavo andando di male in peggio come vi dicevo prima, perché in quella comunità dove andavo, frequentavo persone insensate, e la Scrittura dice: “Chi va coi savi diventa savio, ma il compagno degl’insensati diventa cattivo” (Proverbi 13:20).
Volevo inoltre chiedere scusa anche perché sono andato via dalle ADI senza spiegare pienamente il perché ai membri di quella comunità. Ero troppo impreparato, e senza forze in quel momento, e avevo paura che con le loro parole mi avrebbero chiuso la bocca nonostante io avessi ragione, perché non conoscevo le Scritture, e ero incapace a rispondere bene. Ora sono diverso, e posso parlare con loro e dimostrare che le comunità delle ADI stanno affondando come una nave.

Uno delle ADI cerca di ‘illuminarmi’

Un membro di quella comunità ADI che si trova a Prato, mi fece gli auguri di compleanno, e io gli spiegai che non si devono fare gli auguri, perché è una tradizione umana, e non biblica. Poi lui mostrò tutta la sua stoltezza che aveva nel cuore, e mi scrisse delle calunnie verso dei fratelli, e delle brutte parole verso di me. Al che io lo ripresi severamente, e da quel giorno ho sempre evitato i contatti con quella persona corrotta. Perché la Scrittura ci ORDINA di mantenere le distanze da chi si fa chiamare fratello ed è un oltraggiatore, o calunniatore (cfr. 1 Corinzi 5:11; 2 Timoteo 3:1-9).

Sono andato via dalle ADI perché ….

– Chiedono soldi come dei mendicanti PASSANDO IL CESTINO DELLE OFFERTE, praticando quello che non sta scritto, come fa la Chiesa Cattolica Romana. La Bibbia ci insegna che bisogna mettere una cassa per le offerte.

– Il pastore corrotto e gli altri predicatori corrotti non predicano a favore della santificazione e contro la carne entrando nei dettagli con parole CHIARE del tipo: “gettate la televisione all’immondezzaio”, “smettete di andare a spogliarvi per prendere il sole”, “non andate nei cinema, e al teatro” ecc.

– Alcune donne nella comunità portano dei vestiti sensuali che mettono in risalto le forme del corpo, spingendo al peccato gli uomini. Il pastore corrotto, che non serve Dio, sta zitto riguardo a queste cose, oppure non prende una posizione CHIARA ripetendo quando è necessario come si devono vestire le donne Cristiane.

– L’ammaestramento in generale fa dormire, quando invece dovrebbe scuotere l’uditorio.

– Il pastore corrotto Giuseppe Tilenni, ci tiene molto a sostenere la falsa dottrina che dice: “Gesù può ritornare anche questa sera”, dicendo spesso: “ci vediamo la prossima domenica, se Gesù non ritorna”.

– Il pastore corrotto non pastura le pecore ma le ignora e non gli interessa se stanno camminando nella verità o nella menzogna. E questo è grave. Basterebbe SOLO questo motivo per far capire che bisogna abbandonare quella comunità.

– Vendono libri che concernono il regno di Dio, mentre dovrebbero donare gratis i loro ammaestramenti, secondo il COMANDO di Gesù: “gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.” (Matteo 10:8)

– Negano una dottrina biblica fondamentale che dà gloria a Dio, cioè la “predestinazione” chiamata anche “proponimento dell’elezione di Dio”, e al suo posto insegnano quella falsa del ‘libero arbitrio’ che sostiene che l’uomo il destino se lo crea da sè.

– Nella comunità, non lasciano dare degli insegnamenti a chi si sente di parlare e dare un esortazione, come sta scritto: “Quando vi radunate, avendo ciascun di voi un salmo, o un insegnamento, o una rivelazione, o un parlare in altra lingua, o una interpretazione, facciasi ogni cosa per l’edificazione.” (1 Corinzi 14:26) Badate bene, sta scritto CIASCUN DI VOI, e non solo i conduttori. Ma si vede che la censura nelle ADI è attiva, perché qualcuno potrebbe dire qualche verità “scomoda” e smascherare così il lavoro sporco delle ADI. VERGOGNA, GENTE CORROTTA.

– Annullano la Parola di Dio come i farisei, festeggiando i compleanni, e facendo dei regali ai fratelli che stanno bene economicamente, ignorando così i comandamenti di dare ai poveri.

– Predicano sopratutto con sapienza umana, e non con sapienza Divina, che viene dalle Scritture. Era inevitabile; si capisce dal fatto che hanno voltato le spalle alla dottrina di Dio.

– Il pastore corrotto una volta diceva: “andate a dire a uno per strada che è un peccatore, e vedrete cosa succede” queste parole avevano lo scopo di scoraggiare i credenti dall’annunziare l’Evangelo nella sua pienezza. Ma dico io, se non si dice ai peccatori che sono peccatori che senso ha l’Evangelo? Da che cosa si devono ravvedere i peccatori?
Pensate che nelle ADI sono rimasto circa un anno, e vedete quante cose ho scoperto che non vanno bene. Immaginate se stavo nelle ADI per dieci anni…
Consigli ai membri delle ADI

Fratelli delle ADI, informatevi, perché la vostra organizzazione ormai ha preso una strada sbagliata, e sta trascinando anche voi nella fossa. Se un cieco segue un altro cieco, ambedue cadranno nella fossa. Credete ai fatti evidenti e alle numerose prove che dimostrano che la vostra organizzazione vi porta a ribellarvi a Dio. Smettete di dare i vostri soldi a quelli che vi mettono il cestino davanti (perché loro praticano quello che non sta scritto), e uscite da quelle comunità, perché non vi migliorano, ma aggravano la vostra situazione. Vi consiglio di leggere la Bibbia e di pregare tutti i giorni, ma anche di leggere il libro “La Massoneria smascherata” (scaricabile gratis in PDF su internet) perché dice cose che vi riguardano da vicino, e smaschera la Massoneria che si è infiltrata nelle vostre comunità per corromperle e distruggerle. Sto parlando senza paura di sbagliarmi, perché questo che vi sto dicendo è PROVATO con prove inconfutabili. Non è stato fatto poco lavoro per il vostro bene, ma tanto lavoro. Parlo delle confutazioni che sono su internet, e che riguardano la vostra organizzazione, che ormai è diventata nemica di Dio. Ripeto, informatevi e credete alle prove.

Or io v’esorto, fratelli, tenete d’occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l’insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro. Poiché quei tali non servono al nostro Signor Gesù Cristo, ma al proprio ventre; e con dolce e lusinghiero parlare seducono il cuore de’ semplici.” (Romani 16:17-18)

Spinto dall’amore che ho per voi, ho scritto questa testimonianza, perché il mio cuore desidera vedervi crescere nella sana dottrina del Signore Gesù, e desidera che voi cominciate a riunirvi nelle case, per il vostro bene. Non vi preoccupate per le difficoltà, insulti e persecuzioni che avrete dai vari “Cristiani” delle comunità ADI. Dio sarà con voi, perché è Lui stesso che si prende cura delle Sue pecore.

La pace sia con voi, fatevi coraggio.

Aldo Prendi, 24 Luglio 2013

E-mail: aldoprendi1@gmail.com

 

Blog personale in Italiano: http://prendialdo.wordpress.com/
Blog personale in Albanese: http://aldoprendi1.wordpress.com/

 

 

Tratto dal blog di Aldo Prendi

 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
L’industria dei cartoni animati in mano agli illuminati e alla massoneria servi di Lucifero

  Cosi come l'industria della musica, anche l'industria dei cartoni animati, la quale raggiunge ogni giorno miliardi di bambini in...

DIO è tremendo ed Egli fa tremare la terra.

“poiché l’Eterno, il vostro Dio, è l’Iddio degli dèi, il Signor dei signori, l’Iddio grande, forte e tremendo, che non ha...

L’ombra della massoneria sulle Assemblee di Dio in Italia (ADI) – parte 7

HENRY H. NESS: IL RAPPRESENTANTE DELLE ADI CHE, AIUTATO DALLA MASSONERIA, INCONTRO’ PIO XII PER CHIEDERGLI LA FINE DELLA PERSECUZIONE...

Chiudi