Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Ma il fuoco dell’Ades è metaforico o letterale?

Da quello che ha detto Gesù Cristo esso è letterale; si tratta però di un fuoco non attizzato da mano d’uomo come è scritto nel libro di Giobbe (cfr. Giob. 20:26)

Ma vediamo ora quanto ha detto Gesù sull’Ades quando ha parlato della storia del ricco e di Lazzaro. “Or v’era un uomo ricco, il quale vestiva porpora e bisso, ed ogni giorno godeva splendidamente; e v’era un pover’uomo chiamato Lazzaro, che giaceva alla porta di lui, pieno d’ulceri, e bramoso di sfamarsi con le briciole che cadevano dalla tavola del ricco; anzi perfino venivano i cani a leccargli le ulceri. Or avvenne che il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno d’Abramo; morì anche il ricco, e fu seppellito. E nell’Ades, essendo ne’ tormenti, alzò gli occhi e vide da lontano Abramo, e Lazzaro nel suo seno; ed esclamò: Padre Abramo, abbi pietà di me, e manda Lazzaro a intingere la punta del dito nell’acqua per rinfrescarmi la lingua, perché son tormentato in questa fiamma. Ma Abramo disse: Figliuolo, ricordati che tu ricevesti i tuoi beni in vita tua, e che Lazzaro similmente ricevette i mali; ma ora qui egli è consolato, e tu sei tormentato. E oltre a tutto questo, fra noi e voi è posta una gran voragine, perché quelli che vorrebbero passar di qui a voi non possano, né di là si passi da noi. Ed egli disse: Ti prego, dunque, o padre, che tu lo mandi a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli, affinché attesti loro queste cose, onde non abbiano anch’essi a venire in questo luogo di tormento. Abramo disse: Hanno Mosè e i profeti; ascoltin quelli. Ed egli: No, padre Abramo; ma se uno va a loro dai morti, si ravvedranno. Ma Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i profeti, non si lasceranno persuadere neppure se uno dei morti risuscitasse” (Luca 16:19-31). Come si può vedere in questa storia, il ricco che si trovava nell’Ades era tormentato da una fiamma ed a motivo di questo tormento voleva che gli si rinfrescasse la lingua con dell’acqua. Se quell’uomo dunque parlò di fiamma vuol dire che si trovava avvolto da del fuoco. Che sia così, cioè che le anime nell’Ades si trovino in mezzo a del fuoco che fa loro patire sofferenze terribili è stato confermato da tutti quei fratelli che Dio ha voluto vedessero l’Ades. Le loro parole sono eloquenti; nell’Ades c’è il fuoco.

 

Fonte

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
DIO è puro. Egli ha gli occhi troppo puri per sopportare la vista del male.

DIO è puro. Egli si mostra puro con il puro. Il Suo comandamento e il Suo timore sono puri. Le...

Una banda di affaristi si è insinuata fra noi

Giovanni ha scritto: "Or la Pasqua dei Giudei era vicina, e Gesù salì a Gerusalemme. E trovò nel tempio quelli...

Massoneria e ‘Ndrangheta

C’è commistione anche tra la Massoneria e la ‘ndrangheta calabrese, una delle più potenti organizzazioni criminali in Italia, anzi la...

Chiudi