Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 11 comments

Le false apparizioni di Maria

madonne-opera-satanica

Quando si parla di Maria e del culto che i Cattolici romani le rivolgono non si può non accennare a queste apparizioni di Maria di cui tanti di loro parlano. I Cattolici romani ci tengono particolarmente a queste apparizioni di Maria perché esse confermano le loro dottrine e particolarmente quella dell’intercessione di Maria. In altre parole queste visioni per loro costituiscono un sostegno per le loro false dottrine fra cui il loro culto a Maria. Per questa ragione dunque esse devono essere considerate delle imposture scaturite dalla mente carnale di coloro che dicono di averle avute. Qualcuno dirà: ma allora non credete alle visioni? Sì che crediamo nelle visioni, ma in quelle di Dio che confermano pienamente la verità proclamata dalla Scrittura e non in quelle inventate dai devoti di Maria per fare rimanere gli uomini nell’idolatria ed al servizio della superstizione e delle svariate eresie della chiesa romana. Difatti, se consideriamo bene il contenuto di queste apparizioni di Maria si giunge alla conclusione che esse servono a radicare nel cuore dei Cattolici il culto a Maria, e la loro vana fiducia in questa santa donna morta e sepolta da secoli, e a farli rimanere attaccati alle false dottrine della chiesa romana. Vediamo adesso di esaminare alcune di queste apparizioni di Maria al fine di dimostrare quanto sin qui detto.

Lourdes e Medjugorje

Secondo una giovane di nome Bernardetta, l’11 febbraio 1858 le apparve a Lourdes una donna vestita di bianco con un rosario tra le mani e pareva recitasse questa preghiera poiché si vedevano i grani scorrere a vicenda tra le sue dita. Ella non le disse nulla, si fece il segno della croce e scomparve. Seguirono altre apparizioni di questa donna. In una di queste, avvenuta il 25 Marzo di quello stesso anno questa figura le apparve sempre con un rosario e questa volta alla domanda della giovane che voleva sapere chi ella fosse questa figura le disse: ‘Io sono l’Immacolata concezione’. Ma come si possono credere tali apparizioni quando Maria si definì sulla terra “l’ancella del Signore” (Luca 1:38) e quando anche lei era nata col peccato originale e non immacolata, tanto che chiamò Dio “mio Salvatore” (Luca 1:47)? Come si possono accettare tali apparizioni quando farsi il segno della croce non è biblico e neppure tenere tra le mani il rosario? Come si può credere in una tale apparizione nel sentire che quella donna recitava il rosario? E per giunta a se stessa, dato che dicono che quella figura era Maria! Come potete vedere le parole attribuite a Maria da quella giovinetta, messe a confronto con la Scrittura, dimostrano di essere false. Ma poi, è assurdo che ella abbia detto: ‘Sono l’Immacolata concezione’, perché Immacolata concezione non é di per sé stesso neppure un nome ma un attributo, per giunta falso dato a Maria. Sarebbe come dire che un uomo appare a qualcuno e gli dice: ‘Io sono l’infallibilità del papa’! Che senso avrebbe la frase? Eppure ci sono milioni di persone che credono che a Lourdes Maria sia veramente apparsa a quella giovane e le abbia detto quelle cose. Risultato? Lourdes, come ben sapete, è diventato un luogo molto frequentato, dove le persone vanno a chiedere a Maria miracoli, guarigioni e ogni tipo di grazia. Tutto questo naturalmente per la gioia della curia romana che vede in Lourdes una conferma all’immacolata concezione di Maria e alla sua intercessione. Ecco invece quello che Maria avrebbe detto in alcune delle sue apparizioni a Medjugorje.

Ÿ 6 Agosto 1981: ‘Io sono la Regina della pace’ (Renè Laurentin, Messaggio e pedagogia di Maria a Medjugorje, Brescia 1988, pag. 143). Falso; non c’è la regina della pace, ma solo il Principe della pace che è Cristo Gesù. Se Maria è la Regina della pace questo significa che lei dona la pace agli uomini; e questo non può essere perché va contro quello che ha detto Gesù: “Io vi lascio pace; vi do la mia pace…” (Giov. 14:27). Ma quando mai Maria mentre era in terra dette la pace a qualcuno? Mai; come mai dunque adesso che è in cielo (non con il corpo) è in grado di dare pace? Come potete vedere le suddette parole non reggono dinanzi alla verità che è in Cristo Gesù.

Ÿ 15 Novembre 1981: ‘Il mondo sta ricevendo grandi favori da parte mia e da parte di mio Figlio..’ (Renè Laurentin, op. cit., pag. 156). Quindi le grazie non vengono più dispensate solo da Dio e da Cristo Gesù, ma pure da Maria. Anche questo è falso perché Maria non accorda favori proprio a nessuno; lei non ha il benché minimo potere di accordare alcun favore agli uomini sulla terra. Come d’altronde non ce l’aveva quando era ancora sulla terra. Pietro chiama Dio “l’Iddio d’ogni grazia” (1 Piet. 5:10); Paolo saluta i santi dicendogli: “Grazia a voi e pace da Dio nostro Padre e dal Signor Gesù Cristo” (Fil. 1:2), e quindi ogni grazia ci è concessa da Dio e dal suo Figliuolo. Maria non c’entra proprio nulla.

Ÿ 13 Maggio 1982 (dopo l’attentato contro Giovanni Paolo II): ‘I suoi nemici volevano ucciderlo, ma io l’ho protetto’ (Renè Laurentin, op. cit., pag. 167). Falso; Maria non protegge proprio nessuno. La Scrittura dice: “All’Eterno, al Signore, appartiene il preservar dalla morte” (Sal. 68:20); quindi se Giovanni Paolo II non morì in quell’attentato è perché Dio non ha permesso che il suo attentatore riuscisse ad ucciderlo. Fu Dio quindi a proteggerlo e ad impedire che morisse in quel giorno perché ancora il suo tempo non era ancora giunto. E lui deve quindi ringraziare Dio, e non Maria.

Ÿ 21 Luglio 1982: ‘Nel purgatorio ci sono molte anime. Ci sono anche persone consacrate a Dio: sacerdoti e religiosi. Pregate per loro, almeno 7 ‘Pater’, ‘Ave’ e ‘Gloria’ e il ‘Credo’. Ve lo raccomando. Molte anime sono in purgatorio da molto tempo, perché nessuno prega per loro’(Renè Laurentin, op. cit., pag. 169). Falso; il purgatorio non esiste e lo abbiamo dimostrato ampiamente con le Scritture. Di conseguenza anche le dottrine ad esso collegate sono false.

Ÿ 24 Luglio 1982: ‘…Chiunque ha fatto molto male durante la vita può andare diritto in cielo se si confessa, rinnega ciò che ha fatto e si comunica alla fine della vita’ (ibid., pag. 170). Falso; chi è schiavo del peccato se vuole andare in cielo non deve confessarsi al prete e neppure prendere l’eucarestia prima di morire; ma deve ravvedersi dei suoi peccati e confessarli a Dio che ha il potere di rimetterglieli. Il ladrone sulla croce prima di morire non si andò a confessare a nessun sacerdote, e non prese la cena del Signore eppure Gesù gli assicurò che in quel giorno stesso sarebbe andato in paradiso. La Scrittura dice che “chiunque avrà invocato il nome del Signore, sarà salvato” (Rom. 10:13); quindi anche questa rivelazione mariana si palesa un’impostura a confronto con la sacra Scrittura.

Ÿ 28 Maggio 1983: ‘E’ molto bello fermarsi il giovedì per l’adorazione di mio Figlio nel santissimo Sacramento dell’altare. E’ anche bello venerare la croce ogni Venerdì….’ (Renè Laurentin, op. cit., pag. 179). Falso; l’adorazione dell’ostia che i Cattolici chiamano santissimo Sacramento è una cosa abominevole agli occhi di Dio come anche la venerazione della croce; quindi non sono cose belle ma brutte.

Ÿ 11 Novembre 1983: ‘….Mettete un’immagine dei Cuori di Gesù e di Maria nelle vostre case’(ibid., pag. 188). Questo è un istigazione all’idolatria; la Scrittura dice di non farsi immagine di cosa alcuna e di non prostrarsi dinanzi ad essa e di non servirla.

Come vedete Maria dopo avere vissuto sulla terra una vita al servizio di Dio, una volta che i Cattolici l’hanno fatta risuscitare e ascendere in cielo si sarebbe corrotta ed avrebbe apparizioni-sataniche-a-medugorjecominciato ad apparire agli uomini per confermargli che l’idolatria è cosa bella, che lei protegge gli uomini, concede favori, che esiste il purgatorio e che bisogna pregare per le anime che vi sono e via di seguito. Questa è la ragione per cui noi rigettiamo in blocco queste cosiddette apparizioni di Maria, perché esse si oppongono alla verità. Avete notato? In tutte queste apparizioni Maria non ha mai detto a nessuno di non pregarla, di distruggere le statue che la raffigurano, di bruciare le sue immagini, e neppure di pregare Dio senza la sua intercessione, di adorare solo Dio in ispirito e verità, e di invocare Cristo Gesù per la salvezza dell’anima loro perché lei non può fare nulla per loro lassù in cielo, ed infine non ha mai detto di uscire dalla chiesa romana! Per certo se qualcuno dicesse che Maria gli è apparso e gli ha detto tutte queste cose sarebbe subito reputato uno che si inventa le cose per fare apostatare i Cattolici dalla fede!

Qual’è il fine delle visioni che Dio da a coloro che non lo conoscono

Sappiate fratelli che tutte le visioni che Dio dà a coloro che ancora non lo conoscono contribuiscono a salvarli e non a farli rimanere nella via della perdizione. Questo è confermato dalle parole di Elihu a Giobbe: “Iddio parla, bensì, una volta ed anche due, ma l’uomo non ci bada; parla per via di sogni, di visioni notturne, quando un sonno profondo cade sui mortali, quando sui loro letti essi giacciono assopiti; allora egli apre i loro orecchi e dà loro in segreto degli ammonimenti, per distoglier l’uomo dal suo modo d’agire e tener lungi da lui la superbia; per salvargli l’anima dalla fossa, la vita dal dardo mortale” (Giob. 33:14-18). (Faccio notare che le visioni possono essere anche diurne e non solo notturne). Come si possono quindi accettare le apparizioni di Maria quando queste ‘visioni’ non servono affatto a distogliere i Cattolici o i mariani dal culto a Maria ma anzi a fortificare le loro mani in quest’opera iniqua, quando esse non servono ad allontanare da loro la superbia di cui sono pieni ma a gonfiarli ancora di più di orgoglio, quando esse non contribuiscono alla salvezza dell’anima loro ma bensì a farli rimanere nella fossa di perdizione? Non sarebbe una follia farlo? Certo, che lo sarebbe perché ci metteremmo a credere che Dio da delle visioni per fare rimanere i Cattolici romani sotto il peccato a servire gli idoli muti anziché per riscattarli dal peccato e farli smettere di servire gli idoli. Badate dunque a voi stessi e nessuno vi seduca.

Per farvi comprendere ora come le visioni che dà Dio contribuiscono alla salvezza di chi le riceve voglio citarvi l’esempio scritturale di Cornelio. Quest’uomo era un centurione; “era pio e temente Iddio con tutta la sua casa, e faceva molte elemosine al popolo e pregava Dio del continuo. Egli vide chiaramente in visione, verso l’ora nona del giorno, un angelo di Dio che entrò da lui e gli disse: Cornelio! Ed egli guardandolo fisso, e preso da spavento, rispose: Che v’é, Signore? E l’angelo gli disse: Le tue preghiere e le tue elemosine son salite come una ricordanza davanti a Dio. Ed ora, manda degli uomini a Ioppe, e fà chiamare un certo Simone, che è soprannominato Pietro. Egli alberga da un certo Simone coiaio, che ha la casa presso al mare” (Atti 10:2-6). Cornelio fece come l’angelo del Signore gli aveva detto in visione e mandò a chiamare l’apostolo Pietro, il quale si recò presso di lui, annunziò a lui e alla sua casa il Vangelo ed essi credettero e furono battezzati. E’ vero che Cornelio, quando ricevette la visione dell’angelo era ancora perduto, ma è altresì vero che l’angelo gli disse di mandare a chiamare Pietro il quale gli avrebbe parlato di cose per le quali sarebbe stato salvato lui e la sua casa; e difatti poi successe proprio quello che l’angelo gli aveva detto.

Alcuni sogni e alcune visioni dati dal nostro Dio a uomini e donne per affrancarli dal giogo della chiesa cattolica romana

Sono a conoscenza di alcune testimonianze di persone che mentre erano nella chiesa cattolica romana sono state visitate da Dio sia con dei sogni che con delle visioni in cui Dio gli ha fatto comprendere in una maniera o nell’altra che esse erano perdute in mezzo alla chiesa romana ed avevano bisogno di essere salvate. Ed in seguito a questi sogni e a queste visioni esse sono state salvate dai loro peccati e sono usciti dalla chiesa romana e si sono uniti ai santi. Queste testimonianze confermano quanto detto prima, e cioè che quando Dio da un sogno o una visione a qualcuno che è ancora sotto il giogo del peccato lo fa per salvarlo. Vi assicuro quindi che quando un Cattolico romano riceve un sogno o una visione da Dio, egli comprende in una maniera o in un altra di essere nell’errore, e cessa di sentirsi al sicuro nella chiesa romana e comincia sia a cercare il Signore che i santi da lui salvati. Non importa se gli appare Gesù stesso, un angelo, o Dio stesso gli parla con la sua voce, o vede qualcosa d’altro; egli comprenderà di essere perduto anche se è stato battezzato da fanciullo, anche se ha ricevuto la cresima e prende la comunione, si confessa al prete ecc. E sentirà la necessità di riconciliarsi con Dio e di invocare lui direttamente affinché lo perdoni e lo tiri fuori dalla chiesa romana. Ecco le testimonianze.

Il fratello Giovanni, ora deceduto, raccontava che era un fervente Cattolico assetato di conoscere il Signore, e che per cercare di dissetare questa sete aveva deciso di farsi prete e perciò era entrato in un istituto salesiano. Egli pregava sempre, pregava Maria, pregava tanto Luigi e tanti altri santi. Si andava a confessare dai frati e si studiava di confessare tutti i suoi peccati essendo in questo molto scrupoloso. Ma nonostante tutto ciò nulla cambiava nella sua vita, cioè non vedeva nessun cambiamento in lui, e a motivo di ciò era scoraggiato. Ma una notte ebbe questo sogno. Gli apparvero due uomini giganteschi, molto alti e robusti i quali gli domandarono: Che cosa stai facendo là? Lui stava contemplando il mare, dove c’era molta gente, e lo guardava da lontano. E quegli uomini gli dissero ancora: ‘Perché te ne stai qui? Andiamo a divertirci, uniamoci alla folla. Ma lui rispose loro: Non vengo, non posso venire. Allora quei due uomini lo hanno preso, uno di qua e l’altro di là, e lo hanno cominciato a trascinare con violenza verso quel posto. Allora apparve dal cielo un angelo del Signore con una spada fiammeggiante, con un viso raggiante e glorioso, e vibrò un colpo alla sua destra e un altro alla sua sinistra e quei due colossi scomparvero e lui non li vide più. Rimasto solo con l’angelo, gli disse: ‘Abbi pietà di me’, e l’angelo gli rispose: Non temere, stai tranquillo, da qui a poco tempo sarai salvato. E così avvenne perché poco tempo dopo incontrò a Roma alcuni fratelli che gli parlarono del nome del Signore e lui credette ottenendo il perdono dei suoi peccati. Questo avvenne nel 1936 quando in Italia infieriva la persecuzione fascista contro i santi.

La sorella Olga invece racconta che lei era molto cattolica e non desiderava lasciare la sua religione. Suo marito era già un credente e la invitò al culto. Mentre si trovava nel locale di culto di questa Chiesa evangelica vide in visione un chiarore molto forte che illuminò tutto, uno splendore che non aveva mai visto prima. E vide un popolo santo, molto bello, le persone avevano dei visi come d’angeli, avevano dei capelli e degli occhi splendenti, e tutti lodavano e glorificavano Dio dicendo sempre: Alleluia. Allora ella disse: ‘Dio mio che cosa è questo che vedo? E subito una voce potente, ma molto soave le disse: E’ vita! Si voltò per vedere chi le aveva parlato, ma voltatasi non vide nessuno. Pochi giorni dopo si trovava nel luogo di culto della chiesa cattolica ad assistere alla messa, quando all’improvviso vide tutto scurirsi come quando si fa notte, e vide degli uomini e delle donne magri con dei vestiti sporchi e vecchi, con dei visi pallidi come se fossero state delle persone sul letto d’infermità. Impaurita disse: ‘Dio mio che cosa è questo che vedo? La stessa voce che aveva sentito nel locale di culto della Chiesa evangelica le rispose: ‘E’ morte!’. Quando ella udì quella voce cominciò a piangere e alzò gli occhi in alto, e vide in mezzo a quell’oscurità delle teste di persone che erano come delle piccoli luci. Quelle piccole luci erano i santi in questo mondo di tenebre. Dopo queste rivelazioni lei si convertì al Signore e si unì ai santi del Signore.

La sorella Maria, che prima era una cattolica devota soprattutto al ‘sacro cuore di Gesù’, dopo che le era stato parlato del Signore, in una visione sotto una tenda di evangelizzazione vide inizialmente il Signore Gesù che soffriva sanguinante sulla croce, dopodiché le fu mostrato a poca distanza da lei un immagine idolo che aveva sulla testa una corona (per mostrarle cosa lei aveva adorato nella sua ignoranza), e nel mentre lei chiedeva perdono al Signore per tutti i suoi peccati. Dopodiché, sempre nella visione, si trovò in cielo a cantare dei cantici al Signore assieme ad una moltitudine di giovani festanti. Molti anni prima di questa visione ella aveva sognato di trovarsi in una basilica cattolica, e mentre si trovava nel confessionale sentì una voce tuonante e rimbombante che le disse: Io sono il Signore Iddio tuo, non avrai altro dio all’infuori di me. Dopodiché, mentre lei si accingeva ad andare dal prete a prendere la comunione, vide camminare sopra il prete una grossa bestia spaventosa con una lunga coda.

Il fratello Chiniquy (deceduto alla fine del secolo scorso) racconta che dopo che egli si rifiutò di sottoscrivere un atto di sottomissione al suo vescovo in cui egli doveva dichiarare di sottomettersi, assieme ai fedeli della sua parrocchia, al vescovo e fare qualsiasi cosa egli avrebbe ordinato loro, e il vescovo gli rispose che stando così le cose egli non poteva più essere un prete cattolico romano, partì e se ne andò all’hotel dove stava ed entrato nella stanza chiuse la porta e si buttò in ginocchio alla presenza di Dio per considerare quello che egli aveva fatto poco prima. Comprese che la chiesa cattolica romana non poteva essere la Chiesa di Cristo perché era nemica della Parola di Dio e quindi egli non poteva più rimanere nel suo mezzo. E chiese a Dio dove fosse la sua Chiesa, e dove doveva andare per essere salvato. Per più di un ora pregò Dio piangendo senza una risposta. Pensava quindi che Dio lo avesse abbandonato. Pensò pure alla guerra che il papa, i vescovi e i preti gli avrebbero fatto per questa sua decisione. Quindi, nella disperazione pensò che la cosa migliore fosse morire; prese un coltello per tagliarsi la gola ma Dio gli impedì di suicidarsi perché fermò il suo braccio e il coltello cadde sul pavimento. Continuò a gridare a Dio chiedendo aiuto. All’improvviso si ricordò di avere un Nuovo Testamento con lui e pensò che la risposta l’avrebbe trovata in quel libro. Lo aprì a casaccio e i suoi occhi si posarono sulle parole di Paolo ai Corinzi: “Voi siete stati riscattati a prezzo; non diventate schiavi degli uomini” (1 Cor. 7:23). Leggendo quelle parole trovò sollievo all’anima sua perché comprese che Gesù lo aveva comprato con il suo sangue e perciò la sua salvezza non dipendeva dalle sue preghiere a Maria, ai santi, dalle sue confessioni e dalle indulgenze. Ma improvvisamente le tenebre avvolsero la sua anima. Ecco cosa lui racconta a questo punto: ‘Nonostante quelle tenebre fossero profonde, un oggetto ancora più scuro si presentò davanti alla mia mente. Era una montagna molto alta: ma non una montagna composta di sabbia o di pietre, era la montagna dei miei peccati. Io li vidi tutti davanti a me. E fui ancora più inorridito quando la vidi muoversi verso di me come se con una potente mano volesse schiacciarmi. Cercai di scappare, ma invano. Mi sentii legato al pavimento, e il momento dopo, sarebbe caduta su di me. Mi sentii come schiacciato sotto il suo peso; perché era pesante come il granito. Potevo a mala pena respirare! La mia unica speranza era di gridare a Dio per aiuto. Con una voce forte, che fu sentita da molti nell’hotel, gridai: ‘O mio Dio, abbi misericordia di me! I miei peccati mi stanno distruggendo! Sono perduto, salvami! Ma sembrava che Dio non mi potesse sentire. La montagna era nel mezzo ed impediva che le mie grida lo raggiungessero e gli nascondeva le mie lacrime. Improvvisamente pensai che Dio non avrebbe voluto avere niente a che fare con un tale peccatore, ma avrebbe solo aperto le porte dell’inferno per gettarmi in quella ardente fornace preparata per i suoi nemici e che io avevo così riccamente meritato! Ma mi ero sbagliato; dopo circa otto o dieci minuti di indicibile agonia, i raggi di una nuova e bella luce cominciarono a penetrare attraverso la nuvola scura che pendeva su di me. In quella luce, io vidi chiaramente il mio Salvatore. Era là, piegato sotto il peso della sua pesante croce. La sua faccia era coperta di sangue, la corona di spine era sulla sua testa e i chiodi erano nelle sue mani. Egli mi guardava con una espressione di compassione, di amore che nessuna lingua può descrivere. Venendo a me, egli disse: ‘Ho sentito le tue grida, ho visto le tue lacrime, vengo a offrirti me stesso come DONO. Ti offro il mio sangue e il mio corpo fiaccato come DONO per pagare i tuoi debiti; mi vuoi dare il tuo cuore? Vuoi prendere la mia Parola per la sola lampada ai tuoi piedi e la sola luce per il tuo sentiero? Io ti porto la vita eterna, come dono! Io risposi: ‘Caro Gesù, come sono dolci le tue parole all’anima mia! Parla, parla ancora! Sì, amato Salvatore, io voglio amarti; ma non vedi la montagna che mi sta schiacciando? Oh, rimuovila! Togli i miei peccati! Non avevo finito di parlare quando vidi la sua potente mano stesa. Egli toccò la montagna, ed essa scivolò nell’abisso e scomparve. Nello stesso momento, io sentii come se una doccia di sangue dell’Agnello cadesse su di me per purificare la mia anima. Ed improvvisamente la mia umile stanza fu trasformata in un paradiso reale. (..) Con una gioia ineffabile io dissi al mio Salvatore: Caro Gesù, il DONO di Dio, io ti accetto! Tu hai offerto il perdono dei miei peccati come un dono, io accetto il dono. Tu mi hai portato la vita eterna come dono! Io l’accetto (…) Questa improvvisa rivelazione della meravigliosa verità della salvezza come un DONO, mi aveva così completamente trasformato che io mi sentii completamente un uomo nuovo. L’indicibile angoscia della mia anima era stata cambiata in una gioia ineffabile. Le mie paure erano andate via per essere rimpiazzate da un coraggio e da una forza tali che non avevo mai sperimentato’ (Pastor Chiniquy, Fifty years in the Church of Rome, London 1886, pag. 794-796).

Documentario che smaschera i falsi ‘Messaggi dal cielo’ della cosiddetta madonna

Conclusione

Alla luce delle sacre Scritture e degli esempi sopra citati concludiamo dicendo questo. Tutte quelle visioni o sogni che tanti Cattolici dicono di avere ma li portano a restare nella chiesa romana ad osservare la tradizione di questa religione con più zelo, non possono provenire da Dio perché Dio ama la giustizia; Egli ama la verità e vuole che le persone la conoscano e non che rimangano a dibattersi nel fango delle eresie della madre delle meretrici e delle abominazioni della terra. Se la chiesa romana fosse la vera Chiesa o come essi dicono la Madre delle chiese, di certo Dio non avrebbe dato e non darebbe tuttora delle visioni e dei sogni a molti dei suoi membri per tirarli fuori da essa perché egli non è diviso contro se stesso; perciò anche le visioni e i sogni che tanti nostri fratelli e sorelle hanno avuto prima di unirsi a noi mentre erano ancora tra i Cattolici stanno a dimostrare che i Cattolici romani sono nell’errore.

Ma se da un lato Dio vuole trarre i Cattolici romani dal carcere nel quale sono, dall’altro c’é l’avversario che cerca in tutte le maniere di tenerli rinchiusi nelle segrete e di non fargli vedere la luce. E come fa? Concedendo a diversi membri della chiesa romana delle false apparizioni nelle quali fa vedere soprattutto una figura femminile che si presenta con il nome di Maria, papi che sono morti nei loro peccati, familiari morti nei loro peccati che guarda caso fanno tutti comprendere loro in una maniera o nell’altra che o Maria è la porta del cielo e perciò bisogna invocarla per la propria salvezza, o che il falso profeta che ha la sua residenza nella città del Vaticano è il capo della Chiesa, o che devono compiere opere buone per meritarsi il paradiso. Insomma il diavolo con la sua astuzia riesce a sedurre i Cattolici servendosi anche di manifestazioni soprannaturali che lui ha il potere di concedere. Le visioni che costoro hanno di Maria sono come le visioni che avevano i falsi profeti al tempo di Geremia perché servono a fortificare le mani ai peccatori e se fosse possibile a sedurre anche gli eletti. Dio tramite Geremia disse al popolo: “Non ascoltate le parole de’ profeti che vi profetizzano; essi vi pascono di cose vane; vi espongono le visioni del loro proprio cuore, e non ciò che procede dalla bocca dell’Eterno” (Ger. 23:16); e noi vi diciamo la stessa cosa o Cattolici, non date retta alle parole di queste persone che dicono che Maria gli é apparsa e gli ha detto questa o quell’altra cosa incoraggiandoli a praticare l’idolatria, perché esse proferiscono delle menzogne e non la verità che procede da Dio. Date invece ascolto alla Parola di Dio e uscite dalla chiesa romana! A voi invece diletti fratelli diciamo, state in guardia e guardate che nessuno faccia di voi sua preda mediante le sue proprie visioni per farvi allontanare dal Signore e dalla fratellanza. Riprovate con forza queste opere infruttuose delle tenebre che la chiesa romana sbandiera per il mondo intero. L’apostolo Paolo disse: “Riprendetele; poiché egli è disonesto pur di dire le cose che si fanno da costoro in occulto” (Ef. 5:11,12); fatelo in difesa del Vangelo, alla gloria di Dio.

[Tratto dal libro di Giacinto Butindaro, ‘La Chiesa Cattolica Romana’, pag. 262-266]

11 Comments

  1. cè da dire che satana si veste come angelo di luce sotto qualsiasi forma, e dal momento che conosce la verita’, e gli eventi ,tramuta tutto in menzogna creando anche delle apparizioni usandosi di determinate persone anche con prodiggi e miracoli per sedurre grandi folle . gli esempi ce li abbiamo nei secoli fino ad oggi, persone con stimmate, statue che piangono,ecc.percui io credo che molte di queste persone siano state vittima e strumenti nelle mani del maligno ,ma la parola dice:…che,se venisse anche un angelo dal cielo e vi annunciasse un’ altro vangelo sia ANATEMA, ma la gente non conoscendo la parola ed essendo nell’ ignoranza periscono , Infatti la parola dice:…il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza,e nel popolo cattolico l’ignoranza dilaga,insieme alla tradizione e la presunzione.

  2. Sei credente giusto? Beh, dire che ”le apparizioni mariane non esistono” ti rendono tutto tranne credente cristiano. O ci credi e quindi sei credente, o cristiano non sei, anche se credi in Dio. Il cristianesimo, l’islam e l’ebraismo sono delle religioni, Dio è una cosa a parte. Se non credi in ciò che ha da offrire una fede non sei di quella religione, questo però non significa nemmeno che tu non creda in Dio. Le apparizioni mariane, di angeli, ecc.. sono tutte cose che il cristianesimo ha da offrire e sono cose in cui un vero cristiano CREDE, sempre. Spero non prenderai a male questo mio punto di vista, è solo una breve e personale riflessione.

    • Io sono Cristiano e quindi credente nel Figlio di DIO Gesù e nell’IDDIO vivente. Un vero Cristiano ascolta la parola di DIO e segue solamente quanto vi è scritto in essa. Le apparizioni mariane sono opere di spiriti maligni seduttori che hanno lo scopo di ingannare e sedurre le persone per portarle in perdizione. Io, come Cristiano, figlio della luce, sono chiamato a riprovare quest’opera delle tenebre.
      Stai attenta che molte delle cose del cattolicesimo non hanno niente a che fare con il Cristianesimo biblico.

      • Non abbiamo prove materiali per assicurarci che si tratta delle opere di spiriti maligni, inoltre se cosi fosse si avvertirebbe la loro energia negativa quando si presentano, perchè tutto si può nascondere tranne un essenza negativa, disagiata, impura e malvagia.
        La riconosci subito se sei abbastanza sensitivo e si da il caso che chi veda gli spiriti lo sia 🙂 e comunque io sono un Uomo.
        Grazie.

        • Certamente si trattano di spiriti maligni perchè le cose che dicono sono contrarie alla volontà di DIO e alla sua parola. Infatti continuano a incitare le persone all’idolatria e a servire la creatura anzichè il Creatore. Ricordati che “anche Satana di traveste da angelo di luce” (2Corinzi 11:14). Quindi essendo che anche lui lo fa evidentemente lo faranno anche gli altri spiriti maligni. E bada bene che si TRAVESTONO e quindi si NASCONDONO molto bene altrimenti sarebbero subito scoperti. Non ti lasciare sedurre anche tu da loro.

  3. Io, avendo adorato sempre la figura della Mamma celeste, sono stato sin dall’inizio attento a quanto succede a Medjugorje. Inizialmente contento e credente nei messaggi, ora sono tra gli scettici più negazionisti, in quanto, dal mio punto di vista, i conti non tornano. C’è un solo modo per ” tagliare la testa al toro “. Uno qualsiasi dei presunti veggenti pongano alla Madonna la seguente domanda: Quando nasce un bambino cieco, sordomuto, malformato ecc., di chi è la colpa?. Di Dio che si è sbagliato o del neonato stesso a causa di una sua precedente colpa?. Nessun prete, a tutt’oggi, ha saputo darmi una risposta razionale ed accettabile.

    • Michele, a Medjugorje ci sono inganni e manifestazioni demoniache.Comunque per rispondere alla tua domanda se un bambino nasce malformato, cieco o sordomuto le motivazioni possono essere varie: è cosi affinchè DIO manifesti in lui la Sua gloria guarendolo oppure è così perchè IDDIO ha punito l’iniquità dei suoi padri su di lui oppure è cosi perchè DIO vuole cosi per un Suo preciso scopo a noi oscuro oppure è cosi perchè è legato da qualche spirito maligno.

  4. p.s comunque vi suggerisco di fare anche qualche ricerca, per un confronto tra la vere Dee e il culto che la chiesa cattolica ha scopiazzato dalle Dee per costruire il loro modello di maria.
    Vi lascio qualche breve suggerimento:

    verginità = Dee vergini come Atena o Diana

    l’idea che maria sia “madre di dio e partorisca il dio che deve morire” = la Grande Madre (statuette del Neolitico)

    maria col bambino = Iside

    culto di sant’anna/maria bambina (qualche raro e antiquato santino cattolico) = Dea Anna (area celtica/nordica)

    santini cattolici con maria che ha in mano le spighe o cesti di cibo o simili = Demetra

    santini cattolici di maria “stella maris” sul mare = Venere/Yemanja

    maria “regina del cielo” = titolo rubato dalla Dea Inanna poi venerata come Ishtar

    maria che scende agli inferi o aiuta le anime dei dannati = Ishtar

    maria con la luna (in genere sotto ai piedi, ma in qualche santino cattolico la trovate anche vicino alla testa) = Selene

    maria con fiori vari tipo rose ecc = la Dea Flora

    maria attorniata da uccellini, fiorellini ecc = Vesna o Rhiannon, legate alla natura e alla primavera

    anche “santa brigitta” è presa dalla Dea Brigit.

    se fate una breve ricerca anche iconografica mettendo a confronto i santini cattolici con le immagini dei Pagani, noterete tutti gli scippi che la chiesa cattolica ha messo in atto.
    danno fastidio anche a me, queste cose!

  5. Bruno Cornacchiola protestante anti-cattolico vede la Madonna …leggete la sua storia

    • Anche se quelle esperienze fossero vere, si trattano di spiriti maligni che si travestono da ‘angeli di luce’ o da ‘esseri spirituali di luce’ e cosi ingannano le persone in modo da farle rimanere nell’errore e non trovar la verità. Non c’è da meravigliarsi ‘perché anche Satana si traveste da angelo di luce.’ ( 2 Co 11:14). Inoltre l’obiettivo principale di questi spiriti che si travestono è quello di far in modo che le persone dipendano da queste visioni e dalle parole che essi dicono in queste esperienze. Cosi facendo le persone tralasciano le Sacre Scritture o danno un importanza secondaria ad esse. E questa è una cosa grave perché sono le Scritture a guidare il credente verso il regno di DIO. Infatti “abbiamo pure la parola profetica, più ferma, alla quale fate bene di prestare attenzione, come a una lampada splendente in luogo oscuro,..’ (2 Pi 1:19). Se non volete rimanere vittime delle astuzie e delle seduzioni del diavolo dovete vagliare OGNI VISIONE o OGNI ESPERIENZA ALLA LUCE DELLE SACRE SCRITTURE. Ritenere le cose che sono confermate dalle Scritture e rigettare tutto il resto.

  6. Bisogna adorare solo Dio poichè nelle scritture lo dice sempre, chi crede e adora qualsiasi altra cosa che non viene da Dio è opera del maligno. Lucifero significa angelo di luce ed è perfino in grado di far miracoli e quando si traveste da angelo di luce devia i credenti, per di più i cattolici i quali gli è stato insegnato di pregare gli idoli e le statue. Le apparizioni della madonna (cosa fatta da mani d’uomo) sono eventi satanici, la madonna non può salvare solo Cristo (Dio fattosi uomo) può!

Rispondi a Astral7 Annulla risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
La massoneria confutata: la Bibbia

Dottrina massonica   I massoni considerano la Bibbia come il ‘Volume della Legge Sacra’, ed è uno degli ‘attrezzi’ usati...

Principi spirituali per lo studio e la meditazione delle Sacre Scritture (La Bibbia)

  Studiare  e meditare la Bibbia, la parola di DIO, è un'azione che tutti i credenti nati di nuovo dovrebbero...

Ferdinando Imposimato: ‘Il Gruppo Bilderberg è uno dei responsabili della strategia della tensione’

Interessante intervista fatta al magistrato Ferdinando Imposimato, che conferma che il gruppo Bilderberg governa il mondo in maniera ‘invisibile’. Foto:...

Chiudi