Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

La massoneria confutata: i giuramenti

Dottrina massonica

I giuramenti massonici, pena lesioni e morte violenta in caso della loro violazione, sono ministrati alla fine dell’iniziazione in ogni grado Massonico, ed hanno lo scopo di proteggere i segreti dei gradi. Questi giuramenti sono considerati inviolabili e sono quella cosa che rendono un uomo massone. Si può dire che questi giuramenti sono la pietra angolare della Massoneria.
Ecco per esempio il giuramento che deve prestare l’iniziato al grado di Apprendista, e quindi colui che entra nella Massoneria: ‘Liberamente, spontaneamente, con pieno e profondo convincimento dell’animo, con assoluta e irremovibile volontà, alla presenza del Grande Architetto dell’Universo, prometto e giuro di non palesare giammai i segreti della Massoneria, di non far conoscere ad alcuno ciò che mi verrà svelato, sotto pena di aver tagliata la gola, strappato il cuore e la lingua, le viscere lacere, fatto il mio corpo cadavere e in pezzi, indi bruciato e ridotto in polvere, questa sparsa al vento per esecrata memoria di infamia eterna. Prometto e giuro di prestare aiuto e assistenza a tutti i fratelli liberi muratori su tutta la superficie della terra, prometto e giuro di consacrare tutta la mia esistenza al bene e al progresso della mia patria, al bene e al progresso di tutta l’umanità, prometto e giuro di adempiere ed eseguire tutte le leggi, i regolamenti e le disposizioni tutte nell’Ordine e di portare ossequio e obbedienza alla suprema autorità e a tutti quanti sono i miei superiori. Prometto e giuro di conservarmi sempre onesto, solerte e benemerito cittadino ossequiente alle leggi dello stato, amico membro della mia famiglia e massone per abbattere sempre il vizio e propugnare la virtú. Prometto e giuro di non attentare all’onore delle famiglie dei miei fratelli. Finalmente giuro di non appartenere ad alcuna società che sia in opposizione con la libera massoneria, sottoponendomi rispetto alle pene personali piú gravi e terribili’.

 

Confutazione

Dio ci comanda di non giurare

 

Il Signore Gesù Cristo ci ha comandato di non giurare: “Avete udito pure che fu detto agli antichi: Non ispergiurare, ma attieni al Signore i tuoi giuramenti. Ma io vi dico: Del tutto non giurate, né per il cielo, perché è il trono di Dio; né per la terra, perché è lo sgabello dei suoi piedi; né per Gerusalemme, perché è la città del gran Re. Non giurar neppure per il tuo capo, poiché tu non puoi fare un solo capello bianco o nero. Ma sia il vostro parlare: Sì, sì; no, no; poiché il di più vien dal maligno” (Matteo 5:33-37), e Giacomo, il fratello del Signore, ha confermato questo comando dicendo: “Ma, innanzi tutto, fratelli miei, non giurate né per il cielo, né per la terra, né con altro giuramento; ma sia il vostro sì, sì, e il vostro no, no, affinché non cadiate sotto giudicio” (Giacomo 5:12).
Oltretutto, nel caso del Massone egli deve giurare di violare la Parola di Dio, perchè egli si impegna a non riprovare e a non mettere in guardia le persone dai ‘diabolici segreti’ della Massoneria che sono delle opere infruttuose delle tenebre che invece la Scrittura comanda di smascherare. Per non parlare poi delle pene orribili che uno giura di subire nel caso di violazione di questi giuramenti. Non c’è che dire: la Massoneria è proprio una religione il cui padre è il diavolo!

 

Tratto dal libro: ‘La massoneria smascherata’ di G. Butindaro

 

 

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
Leggi altro:
conoscendodio
DIO è retto. Egli si compiace della rettitudine.

“Quanto alla Ròcca, ...

mare
A proposito dell’andare al mare…

In questa nazione, v...

mocio
Il battesimo nel secchio per mocio lava pavimenti

In questo video pote...

Chiudi