Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

La massoneria smascherata: la dottrina segreta

300px-Храм_I

Nella Massoneria esiste una dottrina segreta che persino tanti massoni non conoscono, ed essa è strettamente collegata al 3° grado della Massoneria, che è quello di Maestro Massone per ottenere il quale il candidato si deve sottoporre ad un rituale particolare che si basa sulla leggenda di Hiram.

Hiram infatti – quello che nella Massoneria viene definito l’architetto del tempio di Salomone che ogni giorno disponeva il lavoro per gli operai che dovevano completarlo – è il personaggio chiave del rituale d’iniziazione al Grado di Maestro. Cosa succede infatti in questo rituale? Che il candidato a Maestro Massone impersonifica Hiram Abif, e durante il rituale sperimenterà la morte e la resurrezione di Hiram così come raccontata nella leggenda. Ecco dunque brevemente la leggenda di Hiram, come viene presentata dai Massoni e raffigurata in questo rituale.

Salomone – interpretato nel rituale dal Maestro Venerabile – aveva stabilito Hiram Sopraintendente e Direttore dei Lavori, e il numero degli operai alle dipendenze di Hiram era enorme. Hiram aveva diviso gli operai in tre Categorie: gli Apprendisti; i Compagni d’Arte; e i Maestri. E ciascuna categoria aveva parole e segni segreti per mezzo dei quali gli operai si riconoscevano fra di loro e si facevano riconoscere per ricevere il salario secondo il tipo di Lavoro svolto. Si entrava nel Tempio per tre porte distinte: quella destinata agli Apprendisti era posta all’Occidente; quella destinata ai Compagni era posta al Mezzogiorno; quella destinata ai Maestri era posta all’Oriente. Ma ecco che tre Compagni d’Arte (chiamati ‘i ruffiani’ e che nel rituale sono interpretati da tre membri della loggia), essendo insoddisfatti del loro salario, ma non ancora meritevoli dell’aumento, ordirono un complotto e decisero di farsi dare da Hiram la Parola Sacra, di strappargliela anche con la violenza pur di poter percepire il salario riservato ai Maestri. E così al tramonto, i tre Compagni d’Arte si nascosero nel Tempio e aspettarono (‘armati’ rispettivamente di un regolo, di una squadra e di un maglietto) che il Maestro Hiram venisse, com’era suo solito fare ogni sera, ad ispezionare il Lavoro della giornata. E così quando arrivò Hiram, essendo che egli si rifiutò di svelare loro la Parola Segreta, dicendo: ‘Potete avere la mia vita, ma la mia integrità non l’avrete mai’, i tre lo uccisero. I ruffiani allora seppellirono Hiram. Nel rituale il candidato – che è bendato ed accompagnato da un massone -, dopo che viene ‘colpito’ dai tre, viene messo in una bara!

Vengono compiute delle ricerche per ordine del re, ma il suo cadavere non viene trovato. Le ricerche continuano, fino a che viene trovata una tomba, e il corpo di Hiram è in essa. Il suo cadavere era stato nella tomba 15 giorni. Il re Salomone allora da l’ordine che il corpo di Hiram sia sollevato usando la presa dell’Apprendista e quella del Compagno d’Arte, ma il tentativo non ha successo. Il Re Salomone dichiara che il suo timore è quello che con la morte di Hiram Abif la parola del Maestro Massone sia andata perduta. Quindi la prima parola detta dopo che Hiram sarà sollevato dalla tomba costituirà la parola sostitutiva. A quel punto, il Re Salomone solleva Hiram – ossia Hiram viene fatto tornare dal regno dei morti – tramite una presa particolare, una stretta di mano massonica denominata ‘la presa del leone’ che costituisce la vera presa di un Maestro Massone. Il Re Salomone allora sussurra all’orecchio di Hiram la parola sostitutiva di quella perduta, e questa parola è Ma-Ha-Bone. E così tutti esultano, perchè Hiram è rinato nel nuovo Maestro! Dopo ciò, il Maestro Venerabile fa leggere al Maestro Massone il giuramento che lo impegnerà fino alla morte!

Questo è il rituale massonico con cui un Compagno d’Arte diventa Maestro Massone.

maestro-massone-fasi-rituale

Ora, questo rituale costituisce il più importante simbolo della massoneria, in quanto sull’Indiana Masonic Monitor (un documento ufficiale che è una sorta di manuale guida della Gran Loggia dell’Indiana) si legge quanto segue:

‘La Leggenda del Terzo Grado. Questo è il più importante e significativo simbolo leggendario della Massoneria. E’ stato tramandato d’età in età tramite tradizione orale, ed è stato preservato in ogni rito Massonico, praticato in qualsiasi nazione o lingua, senza alcuna essenziale alterazione ‘ (pag. 38),

e la ragione per cui il 3° nella Massoneria riveste questa così grande importanza è perchè

‘tramite la sua leggenda e tutto il suo rituale, è sottinteso che noi siamo stati redenti dalla morte del peccato e il sepolcro della contaminazione’ (Ibid., pag. 145).

Albert Mackey ha poi affermato sul 3° grado:

‘L’importante proposito del grado è quello di simboleggiare le grandi dottrine della resurrezione del corpo e dell’immortalità dell’anima […] il Maestro Massone rappresenta un uomo salvato dalla tomba dell’iniquità ed elevato alla fede della salvezza’ (Albert G. Mackey, A Manual of the Lodge, 1862, pag. 96).

Quindi, questo dimostra che anche la Massoneria ha un piano di salvezza per i suoi adepti, checché ne dicano i scrittori massoni quando affermano – sapendo di mentire – che la massoneria non ha una dottrina sulla salvezza o una salvezza da offrire!

Ma questo rituale massonico così importante per la Massoneria, che eleva il Compagno d’arte al grado di Maestro Massone, ha un significato segreto sconcertante. Il massone J. D. Buck, 32° grado, afferma infatti

‘Nel terzo grado il candidato impersonifica Hiram, che è stato mostrato essere identico al Cristo dei Greci, e ai Dii-Sole di tutte le altre nazioni. A questo punto la superiorità della Massoneria su tutte le Religioni esoteriche consiste in questo: tutte queste religioni prendono il simbolo per la cosa simboleggiata. Cristo era originariamente come il Padre. Ora Egli è fatto identico al Padre. Nel deificare Gesù, tutta l’umanità è privata del Cristo quale potenza eterna all’interno di ogni anima umana, un Cristo latente in ogni uomo. Nel deificare così un solo uomo, essi hanno reso orfana tutta l’umanità! D’altro canto, la Massoneria, nel far sì che ogni candidato impersonifichi Hiram, ha preservato l’insegnamento originale, che è un glifo universale. Pochi candidati possono essere consapevoli che Hiram che essi hanno rappresentato e personificato è idealmente e precisamente lo stesso che Cristo. Eppure è senza dubbio così’ (J. D. Buck, Symbolism of Freemasonry or Mystic Masonry and the Greater Mysteries of antiquity, pag. 133-134).

Cosa significa questo? Che il candidato a Maestro Massone nel rituale di iniziazione impersonifica Cristo, che muore e risorge, e redime quindi sè stesso. E difatti sempre lo stesso Buck afferma:

‘Ogni anima deve operare la sua stessa salvezza, e prendere il Regno dei Cieli con la forza. La salvezza per fede e l’espiazione vicaria non furono insegnate da Gesù come sono interpretate oggi, e queste dottrine non sono neppure insegnate nelle scritture esoteriche. Esse sono delle posteriori e ignoranti perversioni delle dottrine originali. Nella Chiesa Primitiva, come nella Dottrina Segreta, non esisteva un solo Cristo per tutto il mondo, ma un potenziale Cristo in ogni uomo’ (J. D. Buck, op. cit., pag. 57),

ed ancora:

‘E’ molto più importante che gli uomini debbano sforzarsi per diventare Cristo, del fatto che debbano credere che Gesù era Cristo. Se lo stato di Cristo [Christ-state] può essere raggiunto da un solo essere umano durante l’intera evoluzione della razza, allora l’evoluzione dell’uomo è una farsa e la perfezione umana una impossibilità’ (Ibid., pag. 62).

Ecco dunque la dottrina segreta della Massoneria, che l’uomo entrando nella Massoneria, e diventando Maestro Massone, si redime da sè stesso diventando Cristo o meglio raggiungendo lo stato di Cristo. Il concetto di Hiram ‘risorto’ sta infatti a identificare il raggiungimento dell’Illuminazione, che comunque nella pratica il Maestro Massone non ha raggiunto ancora perchè poi a partire da questo grado il Maestro Massone dovrà proseguire il suo percorso in cerca della verità e della luce. Come dice infatti Albert Pike a coloro che raggiungono il grado successivo a quello di Maestro Massone:

‘Voi avete fatto il primo passo attraverso la soglia, il primo passo verso il «Sancta Sanctorum», il cuore del Tempio. Voi siete sul cammino che ascende alla «montagna della verità» e dipende dalla vostra capacità di mantenere il segreto, dalla vostra obbedienza, dalla vostra fede, il poter progredire nella via dell’illuminazione scozzese’ (Albert Pike, Morals and Dogma, Edizione Italiana, Vol. 2, pag. 5-6 – 4° Maestro Segreto).

E questo percorso implica un processo di studio e di riflessione ovviamente che avrà come oggetto i libri di importanti esponenti Massoni, e che hanno come obbiettivo quello di far diventare l’uomo un dio. Infatti Manly P. Hall (1901-1990), massone del 33° grado molto conosciuto nella Massoneria, ha affermato:

L’uomo è un dio che si sta facendo, e come nei miti mistici dell’Egitto, egli viene modellato nella ruota del vasaio. Quando la sua luce brilla per sollevare e preservare tutte le cose, egli riceve la triplice corona della divinità e si unisce a quella folla di Maestri Massoni che, nelle loro vesti di Azzurro e Oro, stanno cercando di disperdere l’oscurità della notte con la triplice luce della Loggia Massonica’ (Manly P. Hall, The Lost Keys of Freemasonry, Macoy Publishing and Supply Co., Richmond, Va, 1976, pag. 92 – ‘Man is a god in the making, and as in the mystic myths of Egypt, on the potter’s wheel he is being molded. When his light shines out to lift and preserve all things, he receives the triple crown of godhood and joins that throng of Master Masons who, in their robes of Blue and Gold, are seeking to dispel the darkness of night with the triple light of the Masonic Lodge’).

E’ chiaro che i massoni ci tengono a sottolineare il valore simbolico della morte e della resurrezione del candidato che impersonifica Hiram, ma sta di fatto che l’iniziato sottoponendosi a questo rituale che simboleggia la morte e la rinascita, non fa altro che proclamare che si salva imitando Hiram, ossia preferendo morire come Hiram piuttosto che tradire la fiducia della Massoneria, e per essere salvato quindi non deve credere nella morte e nella resurrezione del Signore Gesù Cristo, perchè la dottrina dell’espiazione compiuta da Cristo è una dottrina posteriore che è stata pervertita, ma semplicemente deve imitare la condotta virtuosa del loro Gran Maestro Hiram Abif, che pur di non rivelare la parola segreta si fece uccidere. E quindi il ‘salvatore’ dei Massoni è Hiram, che ‘si fece uccidere per salvare la Massoneria e i futuri Massoni’, ma è il loro salvatore in questo senso, che Hiram ha mostrato loro la maniera in cui ci si salva e quindi essi devono imitare Hiram affinchè possano sperimentare il Cristo latente in ogni uomo e guadagnarsi così l’entrata nella Gran Loggia Celeste ed andare a passare l’eternità con il loro Grande Architetto dell’Universo. In altre parole, il piano di salvezza che offre la Massoneria è imitare Hiram – che mostra praticamente ai massoni la maniera per essere salvati – per ‘rinascere’ e guadagnarsi il Paradiso, che poi nella pratica significa che ogni uomo è il salvatore di sè stesso, per cui se non si salva da sè, non sarà salvato.

E queste non sono mie congetture, ma è quello che insegnano i Massoni, infatti in uno scritto dal titolo ‘La vicenda di Hiram Abif’ presente sul sito massonico del Supremo Consiglio d’Italia e di San Marino si legge quanto segue:

La massoneria insegna la redenzione individuale e la salvazione, come compito che è nelle possibilità e nelle responsabilità di ogni singolo individuo massone. In fondo Hiram può essere considerato un esempio e quindi un salvatore, nell’indicare che ogni uomo è il salvatore e redentore di se stesso e se non salva se stesso, egli non arriverà alla salvezza. Hiram salva moralmente se stesso e, seguendo questo esempio, ogni massone può salvarsi. I tre assassini rappresentano il vizio, la corruzione, le tentazioni. Hiram ci insegna la strada per arrivare alla salvazione di se stessi nei confronti di se stessi, dell’umanità e del divino. Ci traccia quindi la via per la rinascita, dopo ogni morte che può verificarsi nella nostra esistenza fino a quella biologica’ (http://www.massoneriascozzese.it/).

E quindi questo piano di salvezza massonico è un piano diabolico, che porta all’inferno coloro che lo seguono perchè la Scrittura proclama che la salvezza è solo in Cristo Gesù, secondo che ha detto l’apostolo:

“E in nessun altro è la salvezza; poiché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad esser salvati” (Atti 4:12),

in quanto Gesù Cristo è il Figlio di Dio morto per i nostri peccati e risorto a cagione della nostra giustificazione. E per ottenere la salvezza bisogna credere nella sua morte espiatoria e nella sua resurrezione. Chi crede in Lui sarà salvato, mentre chi non crede in Lui sarà condannato a spendere l’eternità nel fuoco.

Peraltro voglio farvi notare che sottoporsi a questo rituale massonico o approvare il suo significato spirituale equivale a negare che Gesù di Nazareth è IL CRISTO, che è proprio quello che il diavolo vuole che gli uomini facciano, perchè egli sa che l’uomo nasce d’acqua e di Spirito proprio quando crede che Gesù di Nazareth è il Cristo di Dio (1 Giovanni 5:1), ossia l’Unto del quale Dio aveva predetto la venuta tramite i suoi antichi profeti e che nella pienezza dei tempi è morto per i nostri peccati e risorto per la nostra giustificazione tre giorno dopo.

Non solo, sottoporsi a questo rituale o approvarne il significato equivale a negare sia il Padre che il Figlio, in quanto l’apostolo Giovanni dice:

“Chi è il mendace se non colui che nega che Gesù è il Cristo? Esso è l’anticristo, che nega il Padre e il Figliuolo. Chiunque nega il Figliuolo, non ha neppure il Padre; chi confessa il Figliuolo ha anche il Padre” (1 Giovanni 2:22-23).

E quindi questo così importante rituale massonico contribuisce a tenere delle anime sotto la potestà di Satana, e a menarle nel fuoco eterno.

Massoni, ascoltatemi, siete stati ingannati, e quindi vi state illudendo di poter entrare in cielo imitando il vostro Hiram; poichè ve ne andrete all’inferno se non vi ravvedete e credete che Gesù è il Cristo morto e risorto per acquistarci con il suo prezioso sangue una redenzione eterna, che appunto perchè l’ha acquistata Lui si può ricevere solo per grazia, ossia gratuitamente.

Tratto dal libro ‘La massoneria smascherata’ di G. Butindaro

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Fuggite l’immoralità sessuale

Fratelli e sorelle nel Signore, FUGGITE ogni forma di immoralità sessuale perchè gli immorali non erediteranno il regno di DIO....

La santificazione: sulla calunnia

Voi fratelli dovete bandire la calunnia. Ma che cosa è la calunnia? La calunnia è un’accusa inventata contro qualcuno per...

La comprensione delle sacre scritture

Essendo che la Bibbia è un libro composto da scritti ispirati dallo Spirito del Signore per comprenderla è necessario la...

Chiudi