Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 2 comments

E’ morto Robin Williams: un uomo che prendeva piacere a farsi beffe di Gesù Cristo

E’ morto il noto attore Robin Williams. Era un uomo che prendeva piacere nel farsi beffe del Signore Gesù Cristo, come potete vedere e sentire in questo suo spettacolo. Qui si fa beffe del suo concepimento nel seno di Maria, di quando Gesù era bambino, del suo essere ebreo, dell’«ultima cena» che mangiò con i suoi discepoli, di quando disse ai suoi discepoli “Uno di voi mi tradirà” ed essi “cominciarono a dirgli ad uno ad uno: Sono io quello, Signore?”; e di altre cose.
A persone come costui la Scrittura dice: “Guai a voi che ora ridete, perché farete cordoglio e piangerete” (Luca 6:25). E difatti costoro quando muoiono smettono di ridere, perché si ritrovano in mezzo al fuoco dell’inferno a piangere e stridere i denti.
Chi ha orecchi da udire, oda

 

 

 

Fonte

 

2 Comments

  1. …quindi ora per curare la depressione bisogna rivolgersi a un prete? O basta andare in chiesa, prendere la comunione, confessarsi e non rinnegare il nome di Dio?
    mah….

    • I preti non possono fare nulla. Seguire la falsa religione cattolica con i suoi dogmi non servirà a niente. Per curare la depressione devi rivolgerti direttamente a DIO nel nome di Gesù chiedendoGli di liberarti da questa oppressione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
La differenza tra il battesimo ministrato dallo Spirito Santo e quello ministrato da Cristo, e tra le lingue come segno e le lingue come dono

CONFUTAZIONE DEL LIBRO SCRITTO DA TOMMASO HEINZE CONTRO CERTE DOTTRINE PENTECOSTAL Ora, Tommaso Heinze cita due passi che secondo lui...

Pastore ADI ad incontro ecumenico

Tommaso Fiorentini, pastore della chiesa ADI di Gallipoli, ha partecipato (come si può vedere dalla locandina sotto) alla ‘Settimana di...

Vasco Rossi, stai andando all’inferno. Ravvediti e credi nel Vangelo di Cristo, il salvatore del mondo

In questa intervista che Luigi Ciotti ti ha fatto negli studi di Rai Uno per la rubrica «Le ragioni della speranza», tu...

Chiudi