Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Non impedite il parlare in altre in lingue, quelle vere

Nella Bibbia si parla di altre lingue che si parlano da parte dello Spirito santo dal momento che si viene battezzati con lo Spirito santo, dal momento che si viene ripieni di potenza, come ha detto Gesù nel primo capitolo di Atti.

Eccovi, dunque, un ordine di Paolo, perché anche all’epoca, come ci sono pure oggi, c’erano coloro che volevano impedire il parlare in altre lingue.

《Pertanto, fratelli, bramate il profetare, e non impedite il parlare in altre lingue》(1 Corinzi 14:39)

È doveroso dire che, per quanto riguarda la salvezza siamo tutti uguali, pentecostali e cessazionisti. Siamo tutti salvati per fede mediante la nuova nascita effettuata dallo Spirito santo. Con la nuova nascita tutti riceviamo una misura di Spirito santo, e l’esperienza della nuova nascita è anche chiamata battesimo di Spirito, perché è lo Spirito santo che rigenera.

Come promesso da Dio attraverso: i profeti, Giovanni Battista, Gesù e Pietro, dopo la nuova nascita vi è un’altra esperienza definita dalla Parola come battesimo con lo Spirito santo, o anche dono dello Spirito santo, per mezzo del quale noi vasi di terra veniamo riempiti di Spirito santo fino a traboccare, e questo traboccamento avviene con il parlare in altre lingue.

Noi pentecostali non siamo superiori a nessun altro credente, tuttavia è doveroso notare come i cessazionisti annullano una grande promessa di Dio, permettendosi pure di insultare i pentecostali e bestemmiando lo Spirito santo affermando che le lingue sono dal diavolo.

Dalla loro parte, certo, e sono io tra i primi ad averlo detto a partire dal 1991, che la maggior parte delle lingue che si sentono sono false, ma ciò non annulla che la promessa e il segno delle lingue siano presenti nella Bibbia ed è questo che i credenti devono accettare, non tanto le testimonianze personali, ma la Parola di Dio.

Siccome possiamo incorrere nel prendere soldi falsi, non prendiamo nessun soldo in contanti?

Ciò sarebbe insensato. Semmai ci attrezziamo per riconoscere il falso e non procediamo nel rigettare tutto il buono con il cattivo. Ci vuole impegno, studio e mantenere gli occhi aperti.

Siccome ci sono falsi fratelli, quelli che si definiscono fratelli sono falsi? 

Siccome ci sono falsi dottori, tutti i dottori sono falsi?

Siccome ci sono quelli che dicono che Cristo è già tornato, Egli a suo tempo non tornerà?

Fratelli cessazionisti, dico a voi, aprite gli occhi e non fatevi sedurre da ragionamenti vani e antibiblici. 

Giuseppe Piredda

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Testimonianza di una studentessa nord-coreana

  Fratelli e sorelle, vi incoraggio a pregare con costanza, ferventemente e con perseveranza per i nostri fratelli e sorelle...

In difesa degli Scritti Sacri

Se ogni Scrittura è ispirata da Dio (cfr. 2 Timoteo 3:16), in quanto “degli uomini hanno parlato da parte di...

Pietro Tacchi Venturi: il gesuita di Mussolini

C’è un solo uomo dell’establishment vaticano per il quale la porta dello studio di Mussolini era sempre aperta, dagli anni...

Chiudi