Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Richard Baxter e il risveglio a Kidderminster

Abbiamo bisogno della realtà del risveglio, perché a Chiesa ritorni alla passata purezza e potenza apostolica. Solo questo genere di realtà, ci preparerà a confrontarci con un mondo che perisce e ad incontrare il nostro Re.

Richard Baxter fu uno strumento in un risveglio di questo tipo. Egli possedeva quella rara combinazione di zelo profetico e gentilezza pastorale. Nel 1647, arrivò nella vecchia chiesa di Kidderminster che allora aveva 3000 abitanti avventati e senza Dio contenti di restare in quel modo. Fu qui che iniziò un potente risveglio. Alla fine della sua permanenza, l’intera comunità fu miracolosamente trasformata dalla potenza dello Spirito Santo. Prima che Baxter arrivasse a Kidderminster il luogo sembrava un pezzo di terra arida e desolata, ma dopo che il suo lavoro fu benedetto dall’Alto divenne un paradiso. I malvagi furono cambiati in buoni e i buoni in migliori. Durante questo risveglio, la chiesa di Kidderminster si riempì a tal punto che dovettero costruire altre cinque navate per far sedere tutti. Baxter scrive:

“Mentre passavo per le strade la mattina, potevo sentire centinaia di donne che cantavano dei salmi nelle loro famiglie. Quando arrivai qui, c’era solo una famiglia per ogni via che lodava e cercava Dio. Quando me ne andai, c’erano alcune strade dove non si trovava una famiglia che non lodasse Dio”.

Baxter sparse le fiamme del risveglio con il miracolo della predicazione. Molti credevano che fosse uno dei più potenti predicatori che avesse mai predicato ad una congregazione inglese. Egli riteneva che si dovesse predicare come se non si fosse mai sicuri di poterlo fare di nuovo e come un uomo morente a uomini morenti. I suoi sermoni erano una combinazione di parole taglienti e uno spirito gentile e pieno d’amore. Baxter parlava costantemente come uno che era stato faccia a faccia con Gesù. Portava gli altri a toccare il cielo con le sue parole perché aveva toccato il cielo con la preghiera.

Anche dopo aver consumato l’anima sua nella predicazione della Parola, sentiva di aver fatto solo metà del suo dovere. Sapeva che questa doveva essere accompagnata dal tocco personale e individuale di un pastore. Aveva stabilito che ogni famiglia potesse venire a casa sua dove prendeva ogni membro da parte invitandolo dolcemente a prendere una decisione per Cristo. Raramente una famiglia lasciava la casa di Baxter senza lacrime agli occhi. J.C. Ryle scrisse nel suo diario:

“Mentre alcuni pastori discutevano sul diritto divino dell’essere episcopali o presbiteriani, Baxter andava di casa in casa cercando di far riconciliare gli uomini con Dio. Mentre altri si lasciavano coinvolgere dalla politica, Baxter viveva una vita sacrificata e predicava giornalmente l’Evangelo”.

  Per via del suo grande successo tra gli abitanti di Kidderminster divenne pastore di pastori. Nell’ammaestramento dei pastori, Baxter scrive:

“Dobbiamo sentirci verso la nostra fratellanza come un padre con i propri figli; il più grande amore di una madre non deve superare il nostro. Dobbiamo essere pronti al travaglio in preghiera per far sì che Cristo sia formato in loro. Dovranno vedere che ci interessa di più la loro salvezza, che la nostra libertà, il nostro onore e la nostra vita. Fate in modo di avere un profondo amore per la fratellanza e fateglielo percepire dal vostro parlare e dalla vostra condotta”.

La passione per le anime di Baxter andava oltre i confini dell’Inghilterra. Sperava di vedere, un giorno, la nascita di un’università e di un centro d’addestramento, dove i pastori si potessero preparare a raggiungere alcune delle numerose nazioni infedeli con il pieno e puro Evangelo. Quindi non dovrebbe sorprenderci che Baxter ammirasse John Eliot, il famoso missionario pioniere tra gli indiani della Nuova Inghilterra. Una visione apostolica e uno zelo missionario del genere erano molto rari nella Chiesa del XVII secolo.

Il risveglio di Kidderminster fu ottenuto soltanto grazie alle preghiere di Baxter e di una manciata di persone. L’epilessia, i tumori ed ogni genere di peccati svanirono in risposta alle preghiere della chiesa di Baxter. Durante questo risveglio passavano ore e ore con il cuore aperto in preghiere ferventi e digiuni. Armato con l’arma della preghiera, Baxter distrusse roccaforti demoniache e ridusse in lacrime potenti magistrati. Baxter superava ogni ostacolo perché aveva il cuore aperto e delle ginocchia callose. Con la preghiera fervente superò la povertà, la malattia, la maldicenza, l’emarginazione e le divisioni. Richard Baxter considerava la preghiera come la prima e l’ultima cosa che un pastore e un uomo di risveglio debbano fare per avere successo.

Alla luce di tutte le promesse di risveglio delle Scritture, possiamo veramente sperare di vedere un risveglio senza pregare in questo modo? Abbiamo bisogno di pastori che non parlino soltanto di risveglio, ma che siano pronti al travaglio per il risveglio. Oggi, la Chiesa ha ogni tipo di riunione, da quella di preghiera a quella dei miracoli, eppure non abbiamo ancora il risveglio. Semplici riunioni e conferenze non potranno mai sostituire la potenza e l’autorità delle preghiere di un vero pastore:

“Fra il portico e l’altare piangano i sacerdoti, ministri dell’Eterno, e dicano: ‘Risparmia o Eterno, il tuo popolo, e non esporre la tua eredità all’obbrobrio, ai motteggi delle nazioni !’ Perché si direbbe fra i popoli: ‘Dov’è il loro Dio?’” (Gioele 2:17).

Temo che molti pastori stiano semplicemente aspettando una mossa di Dio, rifiutando i mezzi dell’Eterno. Il Padre desidera visitarci.

“Conosciamo l’Eterno, sforziamoci di conoscerlo! Il suo levarsi è certo, come quello dell’aurora; egli verrà a noi come la pioggia, come la pioggia di primavera che annaffia la terra” (Osea 6:3). Come Elia, dovremo pregare e pregare di nuovo, prima di vedere le prime nuvole di pioggia del vero risveglio. Cari pastori, “Chiedete all’Eterno la pioggia nella stagione di primavera !” (Zaccaria 10:1)

 

[Tratto da http://www.pentecoste.altervista.org/Risveglio/Biografie.html]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Abbiate piena fiducia di DIO

La fiducia è un atteggiamento per cui si confida nelle altrui o proprie possibilità, e che produce un sentimento di...

Il pastorello del Navajo

Il Navajo è una riserva indiana del Nuovo Messico, negli Stati Uniti, situata fra il deserto e le montagne. Un...

Laura Bottici (M5S), domanda al presidente Napolitano di spiegare la sua affiliazione alla loggia segreta “Three Eyes”

Ecco il video dell’intervento di fine seduta in Aula della portavoce M5S al Senato Laura Bottici nella giornata di lunedì...

Chiudi