Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Voglio parlare di Gesù il Nazareno

voglioparlare

Gesù fu generato dallo Spirito Santo nel seno di una giovane vergine di nome Maria; nacque a Betlemme, città di Davide; fu allevato a Nazareth; e battezzato da Giovanni il Battista nelle acque del fiume Giordano. E dopo che Dio lo unse di Spirito Santo, egli andò attorno insegnando nelle sinagoghe e predicando l’evangelo del Regno, e sanando ogni malattia ed ogni infermità fra il popolo. Fu odiato senza ragione dal mondo, e tradito da uno dei suoi discepoli di nome Giuda Iscariota che lo diede nelle mani dei capi sacerdoti e degli anziani in cambio di denaro. Fu condannato a morte dal Sinedrio a Gerusalemme, e dato nelle mani del governatore della Giudea Ponzio Pilato, a cui i Giudei chiesero di crocifiggerlo. Pilato dunque sentenziò che fosse crocifisso. E quindi, dopo essere stato flagellato dai soldati, Gesù fu menato al luogo detto ‘Il Teschio’ e qui fu crocifisso in mezzo a due malfattori. Dopo che Gesù rese lo spirito, venne un uomo di nome Giuseppe d’Arimatea che chiese a Pilato il corpo di Gesù, e ottenutolo lo depose in un sepolcro. Ma il terzo giorno Dio lo risuscitò dai morti, e apparve ai suoi discepoli. E dopo quaranta giorni fu assunto in cielo alla destra di Dio, dove angeli, principati e potenze gli sono sottoposti. E tutto questo avvenne per il determinato consiglio di Dio, perché così Dio aveva decretato.

Questa è la storia di Gesù il Nazareno, il Cristo, il Figlio di Dio che Dio nel suo grande amore ha mandato nel mondo per essere la propiziazione per i nostri peccati. Sì, il Santo ed il Giusto morì per i nostri peccati, sparse il suo sangue per la remissione dei nostri peccati, affinché noi mediante la sua morte fossimo riconciliati con Dio.

Io credo in Lui, e di Lui voglio parlare fino a che avrò un alito di vita, annunciando agli uomini la sua morte espiatoria e la sua resurrezione dai morti, esortandoli a ravvedersi e a credere in Lui per ottenere la remissione dei peccati e la vita eterna. Perché – come disse uno dei suoi apostoli di nome Pietro – in nessun altro è la salvezza; poiché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad esser salvati.

A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

[Tratto dal blog ‘Chi ha orecchie per udire, oda’ di G. Butindaro]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Guardatevi dai predicatori del messaggio della prosperità

    “…Perchè molti camminano (ve l’ho detto spesso e ve lo dico anche ora piangendo), da nemici della croce...

Confutazione dei ‘branhamiti’: il divorzio

La dottrina branhamita   All’uomo è permesso risposarsi mentre la moglie è ancora viva. Branham insegnava che nel caso la...

Il deserto fiorisce per volere di Dio

Pace fratelli. Voglio raccontarvi una visione che il Signore mi ha concesso per confermarmi la dottrina della predestinazione e che...

Chiudi