Pages Menu
Categories Menu

Posted by on Dic 28, 2023 | 0 comments

Ecco, costoro sono empi

“Ma, quant’è a me, quasi inciamparono i miei piedi;

poco mancò che i miei passi non sdrucciolassero.

Poiché io portavo invidia agli orgogliosi,

vedendo la prosperità degli empi.

Poiché per loro non vi son dolori,

il loro corpo è sano e pingue.

Non son travagliati come gli altri mortali,

né son colpiti come gli altri uomini.

Perciò la superbia li cinge a guisa di collana,

la violenza li cuopre a guisa di vestito.

Dal loro cuore insensibile esce l’iniquità;

le immaginazioni del cuor loro traboccano.

Sbeffeggiano e malvagiamente ragionan d’opprimere;

parlano altezzosamente.

Metton la loro bocca nel cielo,

e la loro lingua passeggia per la terra.

Perciò il popolo si volge dalla loro parte,

e beve copiosamente alla loro sorgente,

e dice: Com’è possibile che Dio sappia ogni cosa,

che vi sia conoscenza nell’Altissimo?

Ecco, costoro sono empi:

eppure, tranquilli sempre, essi accrescono i loro averi.

Invano dunque ho purificato il mio cuore,

e ho lavato le mie mani nell’innocenza!

Poiché son percosso ogni giorno,

e il mio castigo si rinnova ogni mattina.

Se avessi detto: Parlerò a quel modo,

ecco, sarei stato infedele alla schiatta de’ tuoi figliuoli.

Ho voluto riflettere per intender questo,

ma la cosa mi è parsa molto ardua,

finché non sono entrato nel santuario di Dio,

e non ho considerata la fine di costoro.

Certo, tu li metti in luoghi sdrucciolevoli,

tu li fai cadere in rovina.

Come sono stati distrutti in un momento,

portati via, consumati per casi spaventevoli!

Come avviene d’un sogno quand’uno si sveglia,

così tu, o Signore, quando ti desterai,

sprezzerai la loro vana apparenza.”

(Sl 73:2-20)

Da questo passaggio si evincono le seguenti caratteristiche degli empi:

  • Sono orgogliosi: gli empi sono persone piene di orgoglio; si credono chissà che cosa e disprezzano o sottostimano gli altri; sono arroganti; pensano che tutto gira intorno a loro; sono persone che faticano ad ammettere i propri errori; che faticano a stimare gli altri più di loro; che non vogliono ascoltare nessuno, ancor di meno quelli che essi ritengono inferiori. Non accettano riprensione e ammonimenti da nessuno.
  • Sono superbi: la superbia li cinge come una collana. Si sentono in alto e disprezzano gli altri in basso. Parlano continuamente di loro, delle loro opere, di quello che hanno fatto, di come grazie a loro è successo quello o quell’altro; Come detto prima questa loro superbia è evidente per come si conducono, per come parlano (ripetono sempre i loro successi, minimizzano i successi degli altri e cosi via); il solo pensiero che qualcun’altro faccia qualcosa meglio di loro li manda su tutte le furie. Non vogliono rivali; vogliono signoreggiare sugli altri e avere potere e influenza sugli altri.
  • Sono violenti: gli empi sono persone violente, che devono sfogare la loro indole violenta in qualche modo sia con azioni violente oppure con parole violente. Cercano in tutti modi di fare del male a coloro che ritengono nemici; a loro non interessa nulla: non interessa se si rendono odiosi, o ridicoli, ma quello che a loro interessa è sfogare la loro violenza e appagare la loro carnalità. Sono persone inclini alle contese, alle divisioni, agli scontri e cosi via.
  • Hanno un cuore insensibile dal quale esce l’iniquità: sono persone che fanno cose ingiuste ed inique, talvolta giustificandole persino con la bibbia, e che a loro non interessa nulla degli altri; non interessa se scandalizzano altri con la loro condotta iniqua; operano in maniera ingiusta, iniqua, a danno degli altri, ma a loro non importa nulla perchè hanno un cuore insensibile. Sono persone spietate, prive di misericordia e di empatia; non ci pensano neanche a provare ad immedesimarsi negli altri e a provare empatia per loro. Se gli altri sono scandalizzati dalla loro condotta dicono “peggio per loro” o “problemi loro”. Se qualcuno viene ferito dalle loro azioni per loro è indifferente; non sono in grado di provare pietà ed empatia.
  • Le immaginazioni del cuore loro traboccano: si immaginano le cose nei loro cuori e le danno per certe. Si creano dei “film” mentali che esiste solo nella loro mente e su questi basano i loro ragionamenti, i loro discorsi, le loro conclusioni ed i loro giudizi. Non se ne inventano poche di cose, ma ne inventano tante proprio perchè le immaginazioni del loro cuore traboccano. Essi si creano tutte queste immaginazioni per scagliarsi con violenza contro i loro nemici oppure per innalzare loro stessi.
  • Sono degli schernitori: prendono piacere nello sbeffeggiare e nello schernire il prossimo, principalmente quelli che ritengono loro nemici. Arrivano persino a usare mezzi ridicoli (ad esempio i fotomontaggi) e altri simili cose per sfogare la loro carnalità il loro voler schernire il prossimo. Sono dei buffoni da mensa, gente da poco che non vale nulla e che non si fa problemi a usare mezzucci per cercare di schernire e di danneggiare l’immagine del prossimo.
  • Ragionano d’opprimere: stanno del continuo a pensare a come opprimere coloro che hanno preso di mira. Passano intere giornate a pensare a cosa fare o a cosa dire per poter fare del male al prossimo. Talvolta ciò diventa per loro una vera e propria ossessione arrivando a non fare altro che a pensare e a ragionare sulla prossima mossa da fare o sulla prossima cosa da dire per poter danneggiare chi hanno preso di mira. Se non si inventano nulla di nuovo riciclano cose vecchie; non riescono a stare fermi senza ragionare sul come opprimere.
  • Parlano altezzosamente: si esprimono in modo superbo o arrogante; il loro modo di parlare, il loro tono di voce e le parole che usano manifestano presunzione, arroganza, superficialità e saccenza; si mostrano spesso poco rispettosi nei confronti degli altri proprio perchè quello che pensano gli altri a loro non interessa essendo che devono essere gli altri che li devono ascoltare. Credono di sapere tutto; ad esempio: credono che con poche settimane di ricerca sanno più cose di gente laureata che da anni fa un certo mestiere, e cosi via; S’esaltano del continuo, sia da soli sia tra di loro; stanno sempre a parlare dei loro successi, o di ipotetici discorsi che farebbero gli altri nei loro confronti essendo convinti che siano stimati o apprezzati (quando la realtà oggettiva è l’opposto).
  • Mettono la loro bocca nel cielo e la loro lingua passeggia per la terra: parlano come se sapessero tutto, come se fossero Dio. Parlano come se fossero con lo bocca nel cielo; quello che dicono e che danno per certo, loro sono convinti (e cercano di convincere gli altri) che sia la realtà oggettiva delle cose; non mettono in conto che magari le cose non stanno come pensano; no, per loro questo è troppo; non sbagliano e il appena c’è il pensiero che possano sbagliare esso viene subito allontanato. La loro lingua passeggia per la terra, nel senso che continuano a fare discorsi come se sapessero tutto, come se quello che dicono stia esattamente nel modo che pensano e tale discorsi raggiungono sempre più persone. Insomma parlano con arroganza e prepotenza come se fossero Dio; come se sapessero tutto di tutti; Parlano a nome di altri, o a nome di un intera nazione, come se avessero i dati oggettivi per supportare  quello che dicono quando in realtà non hanno proprio nulla ma sono solo l’ennesima immaginazione del loro cuore superbo.

Ecco queste sono alcune delle caratteristiche che hanno degli empi. Alcuni di questi empi ne hanno alcune tra queste caratteristiche, mentre altri, le hanno proprio tutte.

Ce ne sono tanti di empi in giro, anche in mezzo alla chiesa e nei pulpiti, tra anziani e ministri. Ne ho conosciuto diversi che hanno esattamente tutte queste caratteristiche descritte in questo Salmo (d’altronde le scritture sono fedeli e veraci). Sono orgogliosi, arroganti, superbi, abbondano di immaginazioni nei loro cuori, sono beffardi, insensibili e violenti. Gente da cui stare lontana chilometri.

Iddio permette che questi empi prosperino; accrescano i loro averi e abbiano influenza sulle persone; e questo Iddio lo permette affinché i giusti siano provati. Talvolta questa prosperità degli empi può portare il giusto a essere confuso e a dire “Invano dunque ho purificato il mio cuore,e ho lavato le mie mani nell’innocenza!” perchè magari mentre l’empio prospera il giusto invece soffre. Questo è un modo che Dio opera per provare il giusto per vedere se rimane fermo nella verità e nella giustizia.

Ma non bisogna porre mente e considerare il fatto che prosperino; bisogna considerare la loro fine: la loro fine sarà una fine terribile. Anche se Dio permette che prosperino, che siano in piena salute e accrescano i loro beni, questo non significa che Dio è con loro. Per questo si illudono pensando che loro strade e le loro vie siano “benedette da Dio” o che Dio non è contro di loro; misurano la benedizione di Dio in termini di salute e in termini di beni e ricchezze. Ma appunto sono degli illusi perchè quello che spetta loro è tremendo. 

Gli empi cadranno in rovina; saranno distrutti da Dio quando l’Eterno si desterà e alla loro morte, se non si sono ravveduti, se ne andranno all’inferno, in attesa di essere giudicati da Dio e gettati nello stagno ardente di fuoco e di zolfo.

Guardatevi dagli empi, principalmente da quelli in mezzo alla chiesa che sono travestiti da ministri di Cristo (vi ricordo che per scoprirli basta guardare alle loro opere e ai loro frutti). Non siate loro compagni e non fate parte a questi loro peccati altrimenti vi attirate l’ardente ira di Dio.

Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: