Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Gesù Cristo: l’Agnello di Dio che è stato immolato quando fu ucciso dai Giudei

L’agnello che doveva essere mangiato alla festa di Pasqua stabilita da Dio in Egitto, doveva essere immolato dagli Ebrei, secondo che è scritto nella legge:

“L’Eterno parlò a Mosè e ad Aaronne nel paese d’Egitto, dicendo: ‘Questo mese sarà per voi il primo dei mesi: sarà per voi il primo dei mesi dell’anno. Parlate a tutta la raunanza d’Israele, e dite: Il decimo giorno di questo mese, prenda ognuno un agnello per famiglia, un agnello per casa; e se la casa è troppo poco numerosa per un agnello, se ne prenda uno in comune col vicino di casa più prossimo, tenendo conto del numero delle persone; voi conterete ogni persona secondo quel che può mangiare dell’agnello. Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, dell’anno; potrete prendere un agnello o un capretto. Lo serberete fino al quattordicesimo giorno di questo mese, e tutta la raunanza d’Israele, congregata, LO IMMOLERÀ sull’imbrunire. E si prenda del sangue d’esso, e si metta sui due stipiti e sull’architrave della porta delle case dove lo si mangerà. E se ne mangi la carne in quella notte; si mangi arrostita al fuoco, con pane senza lievito e con dell’erbe amare. Non ne mangiate niente di poco cotto o di lessato nell’acqua, ma sia arrostito al fuoco, con la testa, le gambe e le interiora” (Esodo 12:1-9).

L’agnello pasquale prefigurava l’Agnello di Dio ben preordinato prima della fondazione del mondo che doveva essere manifestato negli ultimi tempi per noi, e difatti quando l’Agnello di Dio è stato manifestato è stato anch’egli immolato, difatti l’apostolo Paolo ha scritto:

“Poiché anche la nostra pasqua, cioè Cristo, È STATA IMMOLATA” (1 Corinzi 5:7).

Che Gesù Cristo, l’Agnello di Dio, è stato immolato, è chiaramente attestato da Giovanni nel libro dell’Apocalisse quando afferma:

“Poi vidi, in mezzo al trono e alle quattro creature viventi e in mezzo agli anziani, un Agnello in piedi, che PAREVA ESSERE STATO IMMOLATO, ed avea sette corna e sette occhi che sono i sette Spiriti di Dio, mandati per tutta la terra. Ed esso venne e prese il libro dalla destra di Colui che sedeva sul trono. E quando ebbe preso il libro, le quattro creature viventi e i ventiquattro anziani si prostrarono davanti all’Agnello, avendo ciascuno una cetra e delle coppe d’oro piene di profumi, che sono le preghiere dei santi. E cantavano un nuovo cantico, dicendo: Tu sei degno di prendere il libro e d’aprirne i suggelli, perché SEI STATO IMMOLATO e hai comprato a Dio, col tuo sangue, gente d’ogni tribù e lingua e popolo e nazione, e ne hai fatto per il nostro Dio un regno e de’ sacerdoti; e regneranno sulla terra. E vidi, e udii una voce di molti angeli attorno al trono e alle creature viventi e agli anziani; e il numero loro era di miriadi di miriadi, e di migliaia di migliaia, che dicevano con gran voce: Degno è L’AGNELLO CHE È STATO IMMOLATO di ricever la potenza e le ricchezze e la sapienza e la forza e l’onore e la gloria e la benedizione. E tutte le creature che sono nel cielo e sulla terra e sotto la terra e sul mare e tutte le cose che sono in essi, le udii che dicevano: A Colui che siede sul trono e all’Agnello siano la benedizione e l’onore e la gloria e l’imperio, nei secoli dei secoli. E le quattro creature viventi dicevano: Amen! E gli anziani si prostrarono e adorarono” (Apocalisse 5:6-14).

Ma quando fu immolato l’Agnello di Dio? Quando fu ucciso dai Giudei, sì, perché furono i Giudei a ucciderlo, infatti Gesù lo aveva preannunciato ai suoi discepoli in questi termini: “

Il Figliuol dell’uomo sta per esser dato nelle mani degli uomini; E L’UCCIDERANNO, e al terzo giorno risusciterà” (Matteo 17:22-23).

E l’apostolo Pietro, il giorno della Pentecoste, lo confermò pienamente dicendo agli Ebrei a Gerusalemme:

“Uomini israeliti, udite queste parole: Gesù il Nazareno, uomo che Dio ha accreditato fra voi mediante opere potenti e prodigî e segni che Dio fece per mezzo di lui fra voi, come voi stessi ben sapete, quest’uomo, allorché vi fu dato nelle mani, per il determinato consiglio e per la prescienza di Dio, VOI, per man d’iniqui, inchiodandolo sulla croce, LO UCCIDESTE” (Atti 2:22-23).

Dunque, se qualcuno vi viene a dire che Gesù non fu ucciso da nessuno, o che non fu ucciso dai Giudei, sappiate che vi sta predicando una menzogna, vi sta annunciando un altro Gesù e quindi un altro Vangelo. Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

A Gesù Cristo, il Giusto, che fu ucciso dai Giudei (affinché morisse per i nostri peccati), ma Dio risuscitò dai morti il terzo giorno, affinché si adempissero le Scritture, sia la gloria e la lode ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Confutazione dei ‘branhamiti’: la sposa di Cristo e la chiesa

La dottrina branhamita   Per essere la Sposa di Cristo bisogna uscire dalle denominazioni. William Branham era contro il denominazionalismo...

Pokemon GO – un’opera del diavolo

Riprovate questo gioco dei Pokemon, perché i Pokemon si prefiggono di corrompere i bambini e i ragazzi spingendoli verso la...

Io esalto e predico Gesù di Nazareth, il Cristo di Dio

Gesù di Nazareth era conosciuto come il falegname, non portava vestimenti magnifici, non viveva nelle delizie, e non aveva dove...

Chiudi