Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Gli Ebrei che non credono che Gesù è il Cristo vanno all’inferno

 

Gli Ebrei increduli sono quegli Ebrei che non credono che Gesù di Nazareth è il Cristo (o Messia). Essi quindi, pur essendo discendenti di Abrahamo, non sono figli di Abrahamo, come neppure figliuoli di Dio, in quanto figli di Abrahamo e figli di Dio si diventa credendo che Gesù è il Cristo.

Dice infatti Paolo ai santi della Galazia: “Coloro i quali hanno la fede, son figliuoli d’Abramo” (Galati 3:7), ed anche: “Siete tutti figliuoli di Dio, per la fede in Cristo Gesù” (Galati 3:26). Che cosa sono allora? Sono figliuoli d’ira, perché essi sono sotto il peccato (“tutti, Giudei e Greci, sono sotto il peccato” Romani 3:9), cioè schiavi del peccato, ed è per questo quindi che anche a loro va detto di ravvedersi e di credere nel Vangelo, affinché credendo nella Buona Novella che Gesù è il Cristo diventino figli d’Abrahamo e figli di Dio, e siano salvati dai loro peccati. E difatti questo fu il messaggio che prima Gesù (cfr. Marco 1:15) e poi gli apostoli rivolsero agli Ebrei (cfr. Atti 20:21).

Cosa accadrà loro se perseverano nella loro incredulità? Moriranno nei loro peccati – come tutti gli increduli – andandosene nelle fiamme dell’inferno. Gesù fu molto chiaro nei loro confronti:

“Se non credete che sono io (il Cristo), morrete nei vostri peccati” (Giovanni 8:24).

Giacinto Butindaro

 

[Tratto dal blog ‘Chi ha orecchie per udire, oda’ di G. Butindaro]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Peccatore, riconciliati con Dio altrimenti berrai il calice della Sua ira

Ascoltami per il bene dell’anima tua. Leggi bene ed attentamente quello che sto per dirti: tu sei nato nel peccato,...

Pastore condannato per aver sfruttato sessualmente di una 14 enne

Quanti operatori di iniquità che ci sono nelle Chiese! Ogni tanto le autorità ne prendono qualcuno e lo mettono in...

Vasi d’ira preparati per la perdizione

“L’Eterno ha fatto ogni cosa per uno scopo; anche l’empio, per il dì della sventura” (Proverbi 16:4) Molti si scandalizzano...

Chiudi