Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

La fede degli eletti di Dio

Cristo Gesù è morto per tutti (“diede se stesso qual prezzo di riscatto per tutti” 1 Timoteo 2:6) – e quindi non solo per alcuni, come dicono i Calvinisti – ma non tutti crederanno in Lui per essere salvati perché non tutti sono stati eletti da Dio a salvezza in Cristo prima della fondazione del mondo (cfr. Efesini 1:4-5). Per cui beneficeranno del sacrificio di Cristo soltanto gli eletti di Dio, i cui nomi sono scritti nel libro della vita dell’Agnello sin dalla fondazione del mondo. Non è forse scritto che “tutti quelli che erano ordinati a vita eterna, credettero” (Atti 13:48)? Per cui non tutti coloro che ascoltano l’Evangelo credono, perché non tutti sono ordinati a vita eterna. Il Vangelo va però annunziato ad ogni creatura, secondo il comando del Signore Gesù.

Questa è la volontà di Dio. Che non possono credere tutti è ampiamente confermato dalla Parola di Dio. Per esempio l’anticristo (la bestia) e il falso profeta che devono venire, non potranno credere nel Vangelo per essere salvati, in quanto devono andare in perdizione. Dio li ha predestinati ad andare in perdizione. Il loro destino è segnato. Non è forse scritto infatti:

“E la bestia fu presa, e con lei fu preso il falso profeta che avea fatto i miracoli davanti a lei, coi quali aveva sedotto quelli che aveano preso il marchio della bestia e quelli che adoravano la sua immagine. Ambedue furon gettati vivi nello stagno ardente di fuoco e di zolfo” (Apocalisse 19:20)? E non è forse scritto anche che “tutti gli abitanti della terra i cui nomi non sono scritti fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell’Agnello che è stato immolato, l’adoreranno [la bestia]” (Apocalisse 13:8)?

Come dunque potete vedere, la salvezza non può essere ottenuta da tutti gli uomini, perché sia la bestia che il falso profeta, come anche tutti coloro i cui nomi non sono scritti nel libro della vita sin dalla fondazione del mondo (naturalmente anche i nomi della bestia e del falso profeta non sono scritti nel libro della vita) i quali adoreranno la bestia, NON POTRANNO CREDERE in quanto sono dei “vasi d’ira preparati per la perdizione” (Romani 9:22). Questo conferma pienamente che Dio fa grazia a chi vuole Lui fare grazia, secondo che disse a Mosè: “Farò grazia a chi vorrò far grazia, e avrò pietà di chi vorrò aver pietà” (Esodo 33:19). Notate bene che il Signore dice che farà grazia non a chi vorrà essere graziato, ma a chi Lui vorrà fare grazia, e questo perché il proponimento dell’elezione di Dio dipende non dalla volontà dell’uomo ma dalla volontà di Dio, cioè di Colui che chiama (cfr. Romani 9:11).

Quindi, per concludere, da un lato Cristo Gesù è morto per tutti, e a tutti va annunciato il Vangelo e per tutti bisogna pregare affinché siano salvati, ma dall’altro lato soltanto coloro che sono stati eletti a salvezza crederanno nell’Evangelo, appunto perché Dio li ha eletti per salvarli dai loro peccati. Gli altri non potranno credere, perché non fanno parte degli eletti. Ecco perché la fede è chiamata “la fede degli eletti di Dio” (Tito 1:1), e Paolo dice ai santi di Tessalonica che “non tutti hanno la fede” (2 Tessalonicesi 3:2): perché non tutti gli uomini sono stati eletti a salvezza, ma solo alcuni. Noi quindi siamo in obbligo di rendere grazie a Dio per averci dato di credere nel Vangelo, per averci dato la fede degli eletti di Dio. A Lui sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Abbiamo la libertà di accostarci a Dio per mezzo di Cristo

“Nel quale abbiamo la libertà d’accostarci a Dio, con piena fiducia, mediante la fede in Lui. “ (Ef 3:12) Se...

Le scarpe bianche e la fede di Nancy

Era nata con i piedi deformi e portava delle scarpe ortopediche che la costringevano a camminare facendo dei gran movimenti...

2007: la grande frode finanziaria perpetrata a danno di tanti nelle Assemblee di Dio del Canada

Nel mio archivio ho trovato il seguente articolo apparso su ICN-News nel 2007 concernente il gravissimo scandalo finanziario verificatosi allora...

Chiudi