Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

L’apostolo Paolo, se fosse stato nell’abbondanza, non avrebbe continuato a ricevere offerte dei santi

“Poiché questo non si fa per recar sollievo ad altri ed aggravio a voi, ma per principio di uguaglianza;” (2 Co 8:13)

“e quando, durante il mio soggiorno fra voi, mi trovai nel bisogno, non fui d’aggravio a nessuno, perché i fratelli, venuti dalla Macedonia, supplirono al mio bisogno; e in ogni cosa mi sono astenuto e m’asterrò ancora dall’esservi d’aggravio.” (2 Co 11:9)

Per taluni, se un ministro predica cose giuste, scrive dei libri o fa altro per la chiesa allora, anche se si trova nell’abbondanza, è giusto che riceva le svariate offerte dei santi perchè ha dato gratuitamente quelle cose (cosa che gli è comandata di fare quella di dare gratuitamente, quindi non c’è nulla di straordinario o di cui vantarsi perché ha fatto quello che gli era comandato).
 
I santi possono (anzi devono) dare dei soldi (non importa la quantità, non si disprezzano le offerte) per provvedere e per il mantenimento dei ministri, ma SE QUESTI ULTIMI STANNO BENE e non hanno bisogno di nulla, allora tali offerte devono essere destinate A CHI NE HA VERAMENTE BISOGNO in quel momento.
 
Questo mi sembra una cosa ELEMENTARE nel Cristianesimo e non ci vuole tanto a capirlo. Basta aver letto le epistole dell’apostolo Paolo, il quale era disposto persino a LAVORARE per non recar alcun aggravio ai santi.

“Perché, fratelli, voi la ricordate la nostra fatica e la nostra pena; egli è lavorando notte e giorno per non essere d’aggravio ad alcuno di voi, che v’abbiam predicato l’Evangelo di Dio.” (1 Tessalonicesi 2:9)

Ma secondo voi, uno che era disposto a lavorare per non aggravare i santi, se fosse nell’abbondanza, avrebbe mai potuto ricevere i soldi dei fratelli, sapendo che nella chiesa ci sono altri più bisognosi? Ve lo dico io con CERTEZZA: CERTO CHE NO. Non l’avrei fatto io, che non oso neanche lontanamente paragonarmi all’apostolo Paolo. Infatti se a me qualche fratello mi facesse un offerta per quello che scrivo o faccio per la chiesa ed io non avessi bisogno di nulla gli direi “fratello/sorella, ti ringrazio dell’offerta e per il pensiero che hai avuto ma al momento non ne ho bisogno. Questi soldi dagli a qualcuno che ne ha più bisogno di me”. Proprio come fanno coloro che veramente hanno a cuore quelli che sono nel bisogno, ma non con le parole soltanto. Ecco questo è quello che andrebbe fatto.
 
Ma purtroppo ci sono certuni che vogliono GIUSTIFICARE questa condotta da riprovare. Eh no, NON LA LASCEREMO PASSARE una cosa di questo tipo. Non è giusto davanti a Dio neanche davanti al mondo. A questi certuni dico: ovviamente siccome non potete giustificare una tale condotta riprovevole con le sacre scritture, potete pure provare ad attaccare il ragionatore con le vostre calunnie, con i vostri racconti dei fatti distorti rispetto a come stanno le cose, con le vostre bugie, con i vostri sprezzi e discorsi da nulla, con le vostre minacce di denunce, etc.. come state facendo, ma non importa; non sarà questo a fermarci. Noi, CON L’AIUTO DI DIO, CONTINUEREMO A RIPROVARE CON FORZA una tale condotta e a far suonare la tromba e voi dovrete rendere conto a Dio.
 
Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Contro il teatro ‘cristiano’

Prefazione   Roma, Agosto 2011   Fratelli, questo mio scritto ha lo scopo di mettervi severamente in guardia dal teatro...

Maria non rimase sempre vergine, come invece dice la teologia papista

La Scrittura dice: “Or la nascita di Gesù Cristo avvenne in questo modo. Maria, sua madre, era stata promessa sposa...

Ravvedetevi e convertitevi!

Voi uomini e donne che leggete , leggete attentamente quello che sto per dirvi: Voi tutti che siete peccatori, che...

Chiudi