Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Nel 1889, Albert Pike proclama che la religione massonica si basa sul culto a Lucifero

pike-33

Il 14 Luglio 1889 Albert Pike – Sovrano Gran Commendatore del Supremo Consiglio del R.S.A.A. (Rito Scozzese Antico e Accettato) della Giurisdizione Sud degli Stati Uniti dal 1859 fino alla sua morte – pubblica le istruzioni per i ventitre Consigli Supremi del mondo. Egli rivela chi è il vero oggetto dell’adorazione massonica:

«A voi, Grandi Istruttori Generali Supremi vi diciamo questo, che potete ripeterlo ai Fratelli del 32º, 31º e 30º Grado: la religione massonica dovrebbe essere, da tutti noi iniziati agli alti Gradi, mantenuta nella purezza della dottrina luciferina»

(cfr. A.C. De La Rive, La Femme et l’Enfant dans la Franc-Maçonnerie Universelle [La donna e il bambino nella Massoneria Universale], pag. 588).

[Fonte: blog di Illuminato Butindaro, estratti dal libro “La Massoneria Smascherata”, di Giacinto Butindaro]

Albert Pike è stato un massone molto importante per la massoneria e i suoi scritti sono molto considerati e apprezzati in essa. E’ evidente dunque che la massoneria non è soltanto un istituzione filantropica come vogliono far credere ma è una vera e propria religione che offre il suo culto a Lucifero (che viene chiamato come il grande architetto dell’universo o GADU). E questa religione ha fra i suoi adepti le persone più importanti e influenti della terra che hanno il controllo su molte cose che influenzano la vita degli uomini. 

Soltanto Gesù Cristo, il Figlio di DIO può liberarvi dalla massoneria e dall’influenza luciferina di costoro. 

Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Giudizio di DIO su Oklahoma City

‘Il violento tornado che ha colpito ieri Oklahoma City ripreso da un gruppo di ‘cacciatori’ di tornado. Il video mostra...

La parte di chi non avrà creduto nell’Evangelo

La salvezza che Dio ha provveduto è in Cristo Gesù, e in nessun altro, secondo che è scritto: “E in...

Giovanni Calvino denunciò, approvò e difese l’uccisione di Michele Serveto

Il caso Serveto   Il medico spagnolo Michele Serveto, fuggito dal carcere di Vienne, in Francia, dove era detenuto a...

Chiudi