Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Quello che avvenne a Gesù Cristo avvenne per il determinato consiglio di Dio

 

Ricordiamoci che quello che avvenne a Gesù Cristo, quando a Gerusalemme il popolo chiese a Ponzio Pilato con gran grida che Gesù fosse crocifisso e Pilato volle soddisfare la loro richiesta, avvenne per il determinato consiglio di Dio. Per cui quando leggiamo:

“Ma i capi sacerdoti e gli anziani persuasero le turbe a chieder Barabba e far perire Gesù. E il governatore prese a dir loro: Qual de’ due volete che vi liberi? E quelli dissero: Barabba. E Pilato a loro: Che farò dunque di Gesù detto Cristo? Tutti risposero: Sia crocifisso. Ma pure, riprese egli, che male ha fatto? Ma quelli vie più gridavano: Sia crocifisso! E Pilato, vedendo che non riusciva a nulla, ma che si sollevava un tumulto, prese dell’acqua e si lavò le mani in presenza della moltitudine, dicendo: Io sono innocente del sangue di questo giusto; pensateci voi. E tutto il popolo, rispondendo, disse: Il suo sangue sia sopra noi e sopra i nostri figliuoli. Allora egli liberò loro Barabba; e dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso” (Matteo 27:20-26),

teniamo bene a mente che ciò fu fatto a Gesù perché Dio aveva innanzi determinato che ciò gli avvenisse (cfr. Atti 4:27-28).

Dio mandò ad effetto in questa maniera la Sua parola che aveva pronunciato per bocca dei suoi profeti, secondo cui il Suo Cristo doveva morire per i nostri peccati! 

Sì, Gesù, il Cristo di Dio, fu crocifisso perché così Dio nel suo grande amore per noi aveva innanzi decretato. Come disse l’apostolo Paolo:

“… gli abitanti di Gerusalemme e i loro capi, avendo disconosciuto questo Gesù e le dichiarazioni de’ profeti che si leggono ogni sabato, le adempirono, condannandolo. E benché non trovassero in lui nulla che fosse degno di morte, chiesero a Pilato che fosse fatto morire” (Atti 13:27-28). 

Ma la storia di Gesù non finì con la sua morte in croce, perché dopo essere stato posto in un sepolcro,

“Iddio lo risuscitò dai morti; e per molti giorni egli si fece vedere da coloro ch’eran con lui saliti dalla Galilea a Gerusalemme” (Atti 13:30-31),

e questo perché Dio aveva innanzi decretato anche la sua resurrezione dai morti, secondo che aveva detto il profeta:

“Tu non permetterai che il tuo Santo vegga la corruzione” (Atti 13:35).

Dio dunque ha mantenuto la Sua parola. Egli è fedele. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

 

Giacinto Butindaro

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Richard Baxter e il risveglio a Kidderminster

Abbiamo bisogno della realtà del risveglio, perché a Chiesa ritorni alla passata purezza e potenza apostolica. Solo questo genere di...

‘La mia esperienza nelle ADI’ La sorella Nunzia Sasso racconta come e perchè è stata rigettata da una comunità ADI

Ecco la testimonianza della sorella Nunzia Sasso, che, dopo essere stata salvata da Dio in seno ad una comunità ADI...

Principi spirituali per lo studio e la meditazione delle Sacre Scritture (La Bibbia)

  Studiare  e meditare la Bibbia, la parola di DIO, è un'azione che tutti i credenti nati di nuovo dovrebbero...

Chiudi