Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Quello che avvenne a Gesù Cristo avvenne per il determinato consiglio di Dio

 

Ricordiamoci che quello che avvenne a Gesù Cristo, quando a Gerusalemme il popolo chiese a Ponzio Pilato con gran grida che Gesù fosse crocifisso e Pilato volle soddisfare la loro richiesta, avvenne per il determinato consiglio di Dio. Per cui quando leggiamo:

“Ma i capi sacerdoti e gli anziani persuasero le turbe a chieder Barabba e far perire Gesù. E il governatore prese a dir loro: Qual de’ due volete che vi liberi? E quelli dissero: Barabba. E Pilato a loro: Che farò dunque di Gesù detto Cristo? Tutti risposero: Sia crocifisso. Ma pure, riprese egli, che male ha fatto? Ma quelli vie più gridavano: Sia crocifisso! E Pilato, vedendo che non riusciva a nulla, ma che si sollevava un tumulto, prese dell’acqua e si lavò le mani in presenza della moltitudine, dicendo: Io sono innocente del sangue di questo giusto; pensateci voi. E tutto il popolo, rispondendo, disse: Il suo sangue sia sopra noi e sopra i nostri figliuoli. Allora egli liberò loro Barabba; e dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso” (Matteo 27:20-26),

teniamo bene a mente che ciò fu fatto a Gesù perché Dio aveva innanzi determinato che ciò gli avvenisse (cfr. Atti 4:27-28).

Dio mandò ad effetto in questa maniera la Sua parola che aveva pronunciato per bocca dei suoi profeti, secondo cui il Suo Cristo doveva morire per i nostri peccati! 

Sì, Gesù, il Cristo di Dio, fu crocifisso perché così Dio nel suo grande amore per noi aveva innanzi decretato. Come disse l’apostolo Paolo:

“… gli abitanti di Gerusalemme e i loro capi, avendo disconosciuto questo Gesù e le dichiarazioni de’ profeti che si leggono ogni sabato, le adempirono, condannandolo. E benché non trovassero in lui nulla che fosse degno di morte, chiesero a Pilato che fosse fatto morire” (Atti 13:27-28). 

Ma la storia di Gesù non finì con la sua morte in croce, perché dopo essere stato posto in un sepolcro,

“Iddio lo risuscitò dai morti; e per molti giorni egli si fece vedere da coloro ch’eran con lui saliti dalla Galilea a Gerusalemme” (Atti 13:30-31),

e questo perché Dio aveva innanzi decretato anche la sua resurrezione dai morti, secondo che aveva detto il profeta:

“Tu non permetterai che il tuo Santo vegga la corruzione” (Atti 13:35).

Dio dunque ha mantenuto la Sua parola. Egli è fedele. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

 

Giacinto Butindaro

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Preghiera ecumenica nella diocesi pontina

  E’ un articolo uscito il 22 gennaio 2016 sul sito della Diocesi di Latina e mostra per l’ennesima volta...

Massoneria e servizi segreti americani alle origini della Comunità Europea

Le informazioni del video dicono quanto segue: «La massoneria e i servizi segreti americani all’origine del sogno comunitario di Jean...

Coraggio soldato!

Soldati di Cristo Gesù, IDDIO ci ha rivolto una celeste vocazione e ci ha fatto diventare Suoi figliuoli purificandoci dalla...

Chiudi