Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Sei nella fede?

 

L’apostolo Paolo dice:

“Esaminate voi stessi per vedere se siete nella fede; provate voi stessi” (2 Corinzi 13:5).

Per cui ti esorto a esaminarti per vedere se sei nella fede! Come puoi capire che sei nella fede? Se a questa domanda: «Credi tu nell’Evangelo di Cristo?», puoi rispondere, «Sì, io credo che Gesù di Nazareth è il Cristo, che è morto per i nostri peccati, secondo le Scritture, che fu seppellito, che risuscitò dai morti il terzo giorno, secondo le Scritture, e che apparve ai suoi discepoli», perché questo è l’Evangelo di Cristo che ci hanno trasmesso gli apostoli per ordine di Cristo (cfr. 1 Corinzi 15:1-11), e che “è potenza di Dio per la salvezza d’ogni credente; del Giudeo prima e poi del Greco; poiché in esso la giustizia di Dio è rivelata da fede a fede, secondo che è scritto: Ma il giusto vivrà per fede” (Romani 1:16-17).

Per cui se hai creduto in questa Parola sei salvato dai tuoi peccati e giustificato. E lo Spirito di Dio abita in te e ti attesta tutto ciò. Essendo nella fede quindi hai la certezza che se morissi in questo momento, moriresti in Cristo e quindi la tua anima andrebbe in cielo ad abitare con il Signore, secondo che è scritto: “Noi siamo dunque sempre pieni di fiducia, e sappiamo che mentre abitiamo nel corpo, siamo assenti dal Signore (poiché camminiamo per fede e non per visione); ma siamo pieni di fiducia e abbiamo molto più caro di partire dal corpo e d’abitare col Signore” (2 Corinzi 5:6-8). E questo perché “chi crede ha vita eterna” (Giovanni 6:47). Ed hai anche la certezza che parteciperai alla resurrezione dei giusti, che avverrà quando Cristo apparirà dal cielo (cfr. Atti 24:15; 1 Tessalonicesi 4:16). D’altronde “la fede è certezza di cose che si sperano” (Ebrei 11:1), e tu hai la fede, per grazia di Dio!

Ma sappi che se non puoi rispondere nella sopra citata maniera, allora non sei nella fede, e quindi sei schiavo del peccato e l’ira di Dio è sopra di te perché sei un suo nemico nella tua mente e nelle tue opere malvagie, e perciò se tu morissi in questo momento te ne andresti in perdizione, cioè nelle fiamme dell’inferno (cfr. Luca 16:23-24), e a suo tempo parteciperai alla resurrezione degli ingiusti, che sarà una resurrezione di condanna perché coloro che vi parteciperanno saranno giudicati secondo le loro opere e gettati nel fuoco eterno dove saranno tormentati per l’eternità (cfr. Atti 24:15; Apocalisse 20:12-15).

Non ti senti dunque salvato dai tuoi peccati, giustificato da Dio e non puoi dire di avere la vita eterna? Ciò significa che non sei nella fede, perché non hai creduto nell’Evangelo di Cristo! Ravvediti dunque e credi nell’Evangelo.

Giacinto Butindaro

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Ci sarà un unico regno mondiale da cui spunterà l’anticristo

Dal passaggio di Daniele che si trova sotto, insieme ad altri passaggi di Apocalisse, si capisce chiaramente che ci sarà...

Sulle origini occulte del Nazismo

Alfred Ernst Rosenberg, l’ideologo del Terzo Reich, condannato a morte per crimini contro l’umanità e crimini di guerra al processo...

Un altro “ministro” di pratiche anti-bibliche: Jacob Caraballo

Ecco un'altro falso ministro che insegna e pratica cose anti-bibliche come la caduta a terra e la cosiddetta "benedizione di...

Chiudi