Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

“Il Signore mi ha aperto gli occhi”

Mi è arrivato poco fa questo messaggio da parte di una sorella in Cristo che è stata membro comunicante delle Assemblee di Dio in Italia per circa trent’anni, a cui Dio nella sua grande misericordia ha aperto gli occhi e quando questo è accaduto è andata via dalle ADI. È un messaggio che conferma quanto ormai noi diciamo da molti anni, e che sempre più fratelli e sorelle stanno confermando. Ho fiducia nel Signore che anche questa testimonianza contribuirà a fare uscire dalle ADI quelli che di cuore puro invocano il Signore, i quali vogliono servire il Signore Gesù Cristo con pura coscienza. La grazia del nostro Signore Gesù sia con tutti coloro che lo amano con purità incorrotta. (Giacinto Butindaro)

“Caro fratello Giacinto, anche io ringrazio il Signore di non frequentare più le ADI. Per anni ho difeso questa organizzazione, pensando che fosse la Chiesa “perfetta”, detentrice della “sana dottrina” (Così mi veniva detto), che solo in mezzo a loro il Signore salvava, guariva, compiva miracoli, che non si conformava a questo mondo come facevano invece le cosiddette chiese “libere” dove tutto era permesso. Difendevo pastori corrotti, che non avevano nessun ministerio da parte di Dio, ma solo smania di essere qualcuno, di apparire, di avere un incarico, un pulpito, che in privato non facevano altro che parlare male di altri pastori poi invece quando si incontravano si riempivano la bocca di tanto amore… che ipocriti… Questi personaggi li vedi arrivare in comunità con la loro valigetta per svolgere una professione, non per servire il Signore. Sono bugiardi, imbroglioni, arroganti, arrivisti. Difendevo l’organizzazione da fratelli come te che mettevano in guardia da questi lupi, gente a cui la “sana dottrina “non importa proprio nulla, dei fratelli che dicono le cose come stanno sulla base della Parola di Dio a loro non importa nulla, anzi non vedono l’ora che se ne vanno dalla comunità perché “creano problemi”… A loro importano i credenti che stanno zitti e calano la testa senza obiettare… questi sì che sono fratelli che amano l’opera del Signore secondo loro…. vengono elogiati e “premiati” con qualche incarico. A seguito di alcuni avvenimenti accaduti all’interno della comunità che frequentavo, il Signore mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto vedere la realtà che stavo vivendo …. E sono scappata. Pace.”
 

[Tratto dal blog “Chi ha orecchie da udire oda”, amministrato da Giacinto Butindaro]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Cotesti tali sono dei falsi ministri

"Poiché cotesti tali sono dei falsi apostoli, degli operai fraudolenti, che si travestono da apostoli di Cristo. E non c'è...

DIO è luce e per la Sua luce noi vediamo la Luce

“Disse dunque: «L’Eterno è venuto dal Sinai, e s’è levato su loro da Seir; ha fatto splendere la sua luce dal monte...

Gli Ebrei che negano che Gesù è il Messia (o Cristo) non sono né nostri fratelli e neppure nostri amici

  Gli Ebrei che negano che Gesù è il Messia (o Cristo) non sono né nostri fratelli e neppure nostri...

Chiudi