Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Terrapiattismo: cavallo di Troia nella guerra della comunicazione


 
PRIMO PRESUPPOSTO
 
Ormai è noto, a quasi tutti i navigatori del web, che si sta diffondendo il movimento della teoria della “terra piatta”, i cui membri per AGGREGAZIONE e per partito preso, senza prove certe e validi ragionamenti, credono alla stessa stregua di una setta, che la terra non abbia una forma sferica e sia circondata da un muro di ghiaccio, presentata dalla comunità scientifica e dai media come sferica, per INGANNARE tutte le persone del mondo. Punto fondamentale come primo presupposto da considerare nella riflessione sul movimento della terrapiatta è L’INGANNO GLOBALE.
 
SECONDO PRESUPPOSTO
 
L’altro presupposto di cui bisogna tenere conto, è il fatto che oggi stiamo vivendo o almeno assistendo alla guerra della comunicazione, perché la comunicazione non è stata mai così libera come lo è oggi. Infatti tutti comunicano le proprie esperienze di vita e la realtà che li circonda attraverso la pubblicazione di scritti, video e fotografie; ciò IMPEDISCE ai media prezzolati dalle varie lobby di potere di pubblicare le notizie di attualità imprimendo la direzione come più gli aggrada in base agli interessi del momento di chi li governa, non riescono, quindi, a spingere tutte le cose verso la direzione che si sono prefissati. Insomma, risulta chiaro che la libertà di comunicazione esistente oggi non concede ai media ufficiali di esporre i fatti e gli avvenimenti secondo il timbro che più gli fa comodo, perché vengono sconfessati dalla realtà pubblicata da tante persone, le quali stanno perdendo la fiducia verso tali media ufficiali. Faccio un esempio, quando i media vogliono sminuire una manifestazione pubblica, scrivono che hanno partecipato a tale manifestazione poche centinaia di persone; invece, le foto e i video dei partecipanti dimostrano chiaramente che i manifestanti erano diverse migliaia e le piazze erano piene, dimostrando chiaramente così che i media ufficiali non sono credibili.
 
In mezzo a tale difficoltà dei media nell’usare la comunicazione per indirizzare l’opinione pubblica verso la direzione voluta dalle lobby di potere, è sorta, di conseguenza, una guerra di tipo COMUNICATIVO. Naturalmente chi detiene il potere dei media non è disposto a cederlo per nessuna ragione, quindi si trova in guerra o almeno in concorrenza con tutti i navigatori del web, i quali all’occorrenza e casualmente svolgono l’opera del giornalista imparziale e veritiero, screditando così, per la maggior parte delle volte senza neppure esserne coscienti, il tipo e la qualità dell’informazione proposta dai media ufficiali. Dunque, come secondo presupposto della mia riflessione ho individuato la GUERRA DELLA COMUNICAZIONE, che vede contrapposti tutti gli internauti dotati almeno di un cellulare e di un collegamento ad internet, e il tipo della comunicazione VENDUTA dai MEDIA UFFICIALI.
IL FATTO OGGETTO DELLA RIFLESSIONE
 
Il sito “Dagospia”, tra le altre cose, scrive questo:
 

“COMPLOTTISMI TERRA TERRA – LA SCIENZIATA ASHELEY LANDRUM ATTACCA YOUTUBE: “AIUTA I TERRAPIATTISTI. È RESPONSABILE DELLA DIFFUSIONE DI TEORIE BISLACCHE. E GLI ALLOCCHI CI CASCANO” – 11 SETTEMBRE, DINOSAURI, VACCINI E SCIE CHIMICHE: TUTTI I COMPLOTTI CHE CONTINUANO A GIRARE NONOSTANTE LE PROMESSE DI UNA REGOLAZIONE DA PARTE DI GOOGLE – VIDEO -”

 
Alla luce di ciò, voglio farvi notare come vengono associati alla ridicola teoria del terrapiattismo, diversi argomenti particolarmente importanti per tutta la società moderna, e si tratta di cose molto serie, come i vaccini, che taluni ritengono che possano provocare la morte o particolari tipi di malattie nei bambini ed anche negli adulti:
 
– i fatti dell’11 settembre che giustificano e vedono nascere la reazione violenta al terrorismo con le guerre e con il forte restringimento della libertà personale attraverso la legiferazione di apposite norme;
 
– i vaccini che sono proposti dalle case farmaceutiche e ritenute da molti solo un business che mette a repentaglio la salute e addirittura la vita dei bambini che vengono sottoposti alle vaccinazioni;
 
le scie chimiche che tutti vediamo presenti nel cielo, di cui non si conosce molto.
 
Questa associazione di teorie, concetti e fenomeni, di cui uno è assolutamente accertato che sia falso (IL TERRAPIATTISMO), questo si trascina con la sua cattiva reputazione anche gli altri, verso il baratro dell’inganno mentale. L’obiettivo in realtà sono gli altri concetti che sono temuti, contro i quali non hanno argomenti sufficienti per affrontarli direttamente con la massa delle persone, sanno che non sono credibili e cercano di allontanare da essi più persone possibile, provando a renderli odiabili alle masse alla stessa stregua del terrapiattismo, con l’associazione a tale teoria assurda, che non era creduta neppure nel medioevo.
 
Quindi, l’assurdità del terrapiattismo va vista con maggiore interesse dal punto di vista dei presupposti che ho esposto in precedenza, cioé che veramente è in atto un INGANNO GLOBALE, certe lobby di potere cercano di far accettare a tutte le masse di persone attraverso la COMUNICAZIONE ciò che essi vogliono, trovando tuttavia nel web un ostacolo dimostratosi molto ostico da superare, non trovando altro modo che dare origine ad UNA FORTE E MASSICCIA CENSURA. Ecco perché molti parlano contro la libertà di pubblicare quello che uno desidera. Ci è lecito porci la domanda: se si ponesse in atto una massiccia censura del web, chi dovrebbe decidere quali notizie possono essere pubblicate e quali no?
Le lobby di potere hanno interesse che la comunicazione si concentri nel minor persone possibile, per poterle meglio controllare e filtrare. Ma il web non è per ora controllabile, non riescono a fermare la comunicazione di massa verso la massa e per la massa, senza nessun orientamento specifico, ma assolutamente libero.
 
Quindi, con l’avanzare del fenomeno del TERRAPIATTISMO, che magari è stato anche originato e/o sostenuto dalle stesse lobby di potere, teoria che è innocua e non produce danni ai loro interessi, viene usato per far accettare alla massa che UNA CENSURA sia UNA COSA BUONA PER TUTTI e che dovrebbero TUTTI QUANTI DESIDERARLA E CHIEDERLA, CHE SIA NECESSARIA per eliminare queste baggianate.
 
Capite dunque il pericolo che corre la libertà di espressione nel web a causa di questo modo di operare? Capite perché i potenti, che non possono più controllare e indirizzare il pensiero delle masse con la comunicazione, se la prendono con i social media?
 
Sul PIATTISMO DELLA TERRA si sta combattendo una battaglia molto più importante di quello che si può credere, perché c’è veramente un tentativo DI INGANNO GLOBALE, che concerne nel mettere il bavaglio e censurare la libera comunicazione, facendola passare come una COSA NECESSARIA e per il bene di tutti. Quando i potenti si muovono ed hanno degli interessi, le cose sono sempre più profonde di quelle che vengono da loro evidenziate, perchè ciò che mostrano non è come appare, e quello che realmente è, non appare.
 
Vi scrivo queste cose per farvi riflettere, sia a voi terrapiattisti insensati che vi state facendo usare dagli stessi che voi pensate si debbano combattere con quella maniera insensata aderendo alle scemenze della teoria della terrapiatta; e dico anche a voi che non credete nella terrapiatta, affinché riflettiate che è in atto una guerra della comunicazione, la quale è molto più importante che dimostrare che il sole tramonta ad ovest e sorge ad est.
 
L’aspetto positivo di tutta questa guerra della comunicazione è il fatto che molti stanno imparando ad ascoltare, a stare attenti a tutto ciò che si dice e a fare le valutazioni corrette su molte cose, perché molte volte la realtà non è come ci viene presentata dai media ufficiali e molti se ne stanno accorgendo. Più il tempo passa e maggiormente i media ufficiali perderanno credibilità per la gente.
Badate dunque come ascoltate, e badate anche che nessuno vi seduca con vani ragionamenti, né sulla piattezza della terra, né con nessun’altra cosa.
 
Giuseppe Piredda
 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Siamo stati affrancati dal peccato per servire la giustizia

Paolo dice: "Così anche voi fate conto d’essere morti al peccato, ma viventi a Dio in Cristo Gesù" (Rom. 6:11)....

Gli Ebrei che non credono che Gesù è il Cristo vanno all’inferno

  Gli Ebrei increduli sono quegli Ebrei che non credono che Gesù di Nazareth è il Cristo (o Messia). Essi...

Sintesi biografica di uomini e donne di preghiera: Jonathan Goforth

“Devi andare avanti sulle tue ginocchia” fu il consiglio che Hudson Taylor diede a un giovane missionario canadese di nome...

Chiudi