Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Tre importanti domande

1) Come viene salvato l’uomo dai suoi peccati? Credendo (cioè mediante la fede) e quindi per grazia, secondo che è scritto: “Poiché gli è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede” (Efesini 2:8), e quindi non in virtù d’opere buone che abbia fatto affinché egli non si glori nel cospetto di Dio (cfr. Tito 3:5; Efesini 2:9).

2) Credendo in che cosa? Nell’Evangelo, cioè nella «Buona Novella che Gesù è il Cristo» (Atti 5:42), e quindi che “Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le Scritture; che fu seppellito; che risuscitò il terzo giorno, secondo le Scritture; che apparve” (1 Corinzi 15:3-5), “ai testimoni ch’erano prima stati scelti da Dio” (Atti 10:41). Quindi coloro che non credono nell’Evangelo rimangono sotto il peccato, l’ira di Dio resta sopra di loro e moriranno nei loro peccati andandosene nelle fiamme dell’Ades. Non c’è salvezza fuori dall’Evangelo, perché non c’è salvezza fuori da Gesù Cristo, secondo che è scritto: “E in nessun altro è la salvezza; poiché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad esser salvati” (Atti 4:12).

3) Perché non tutti credono? Perché non tutti sono stati eletti da Dio a salvezza prima della fondazione del mondo, infatti “la fede nel Figliuolo di Dio” (Galati 2:20) è “la fede degli eletti di Dio” (Tito 1:1; cfr. Efesini 1:4; 2 Tessalonicesi 2:13). Credono dunque nell’Evangelo, dopo averlo udito, coloro che sono ordinati a vita eterna, esattamente come accadeva ai giorni degli apostoli secondo che è scritto: “e tutti quelli che erano ordinati a vita eterna, credettero” (Atti 13:48). I quali sono chiamati a serbare la fede fino alla fine per essere salvati dal Signore nel Suo regno celeste, secondo che è scritto: “Ora Iddio vi ha riconciliati nel corpo della carne di lui, per mezzo della morte d’esso, per farvi comparire davanti a sé santi e immacolati e irreprensibili, se pur perseverate nella fede, fondati e saldi …” (Colossesi 1:22-23), ed anche: “Ancora un brevissimo tempo, e colui che ha da venire verrà e non tarderà; ma il mio giusto vivrà per fede; e se si trae indietro, l’anima mia non lo gradisce. Ma noi non siamo di quelli che si traggono indietro a loro perdizione, ma di quelli che hanno fede per salvar l’anima” (Ebrei 10:37-39). Per cui “chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato” (Matteo 24:13) dal Signore nel suo regno celeste, come fu salvato il nostro caro fratello Paolo da Tarso (cfr. 2 Timoteo 4:7,18).

G. Butindaro

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
L’ombra della massoneria sulle Assemblee di Dio in Italia (ADI) – parte 23 – il parlare massonico presenti nelle ADI sul mondo e le sue concupiscenze

  Albert Pike ha affermato: ‘La Massoneria non perde il suo tempo a disprezzare il mondo, con la sua splendida...

Guardatevi dalle eresie e da alcune pratiche di Torben Sondergaard, capo del movimento “l’ultima riforma”

Torben Sodengard è il fondatore del movimento "the last reformation" (l'ultima riforma) e fondatore della "pioneer school" (scuola dei pionieri)....

La Massoneria vuole far venire il dubbio nei seguaci di Gesù Cristo

Le seguenti parole del massone Albert Pike riassumono bene l’obbiettivo del diabolico credo massonico, che è quello di far venire il dubbio...

Chiudi