Pages Menu
Categories Menu

Chi sono e ciò in cui credo

Mi chiamo Haiaty Varotto. Sono nato nel 1988 in Brasile. Sono nato in un paese di religione cattolica romana e la mia famiglia seguiva alcune tradizioni di questa religione, anche se erano poco praticanti. Essendo nato in un paese cattolico romano, e di famiglia cattolica, da bambino presi parte ad alcuni dei sacramenti di questa religione, come ad esempio il battesimo e la cresima. Poi, ricordo che in qualche modo, la mia famiglia venne a conoscenza dell’ambiente evangelico protestante. Cominciammo ad andare in qualche culto evangelico e per un po’ di tempo presi parte ad alcuni di questi incontri, tenuti in alcune comunità evangeliche. Diciamo che io ho sempre creduto nell’esistenza di Dio, inteso come un essere personale che aveva creato tutte le cose, ma ancora questo Dio non lo conoscevo, nonostante abbia partecipato da bambino sia nei sacramenti della chiesa cattolica romana e sia in alcuni incontri dell’ambiente evangelico protestante.

Quando avevo 12 anni, la mia famiglia decise di venire in Italia. In Italia ho vissuto la mia adolescenza sperimentando i piaceri della vita e del peccato fino alla età di 17 anni. Fino a quell’età ho speso la mia vita, le mie forze a servizio del peccato ubbidendolo nelle sue concupiscenze. Ero un fornicatore, facevo delle risse, schiavo di svariati vizi, ero un orgoglioso, passavo le giornate e le serate dietro ai divertimenti di svariato genere come i videogiochi, le discoteche, i viaggi, etc..

Poi mio padre cominciò a frequentare una comunità evangelica dove si convertì. Mi ricordo che egli mi parlava ogni sera, prima che io uscissi con gli amici, del Signore Gesù Cristo e del Suo evangelo. Per un po’ di tempo resistetti a questo messaggio, infatti ricordo che non vedevo l’ora che finisse il discorso per uscire di casa. Ma una sera, le cose andarono diversamente. Mentre lui parlava dello stesso messaggio, fui convinto di peccato dallo Spirito Santo di Dio, e riconobbi che ero un peccatore, che avevo trasgredito i Suoi comandamenti e che la Sua ira era sopra la mia vita, per tutte quelle trasgressioni. Ero colpevole di aver commesso moltitudini di crimini contro le Sue leggi. Avevo mentito, avevo rubato, avevo fornicato, non avevo amato il mio prossimo e non Lo avevo mai amato con tutto me stesso. In seguito a questa convinzione di peccato, confessai i miei peccati all’Eterno e credetti con tutto il mio cuore nel sacrificio espiatorio e propiziatorio di Cristo Gesù. Credetti in Lui e nel messaggio dell’evangelo, cioè, che Gesù Cristo, il Figlio di Dio, il giusto, era venuto su questa terra, aveva camminato senza commettere peccato, ed era morto sulla croce per perdonare le mie trasgressione e per rimettere i miei peccati, e al terzo giorno, Egli risuscitò dai morti per giustificarmi davanti all’IDDIO e Padre Suo. In quel momento nacqui di nuovo, non per mia volontà, ma per volontà di Dio, il quale mi aveva preordinato a vita eterna e che in quell’occasione mi convinse di peccato e mi aperse il cuore per credere in Cristo.

Ero diventato una nuova creatura: avevo un nuovo cuore e una nuova mente! E di questo mi accorsi perchè il peccato che prima amavo, come ad esempio quello della fornicazione, era diventato qualcosa che non volevo più fare, perchè non volevo più peccare contro DIO, ma volevo servirLo e dare la mia vita per Lui. I miei desideri erano cambiati. La mia volontà era cambiata. Tutto era nuovo! E questo perchè “ se uno è in Cristo, egli è una nuova Creatura; le cose vecchie son passate: ecco, son diventate nuove”. (2 Co 5:17). Cominciai a frequentare una comunità evangelica pentecostale e presi la decisione di battezzarmi. Dopo il battesimo però, cominciai a trascurare la comunione con Dio e lasciai che il Suo Spirito Santo si spegnesse. Cosi, poco tempo dopo, mi sviai dalle vie del Signore e tornai nel mondo, a godere i piaceri di questa vita. Rimasi un po’ di tempo lontano dalle sante e giuste vie dell’IDDIO Altissimo, ma Egli nella Sua grande misericordia e grazia, mi ha di nuovo donato il ravvedimento e mi ha attirato di nuovo a Lui. Ora sono alcuni anni che lo servo con ogni zelo e con tutto me stesso. Voglio vivere soltanto per la Sua gloria perchè per me ora il vivere è Cristo e il morire è guadagno. La comunione con Lui e con il Suo Spirito Santo è la cosa più preziosa per me e il solo pensiero di allontanarmi da Lui di nuovo, è qualcosa di terribile per me.

Sono stato amato, perdonato, redento e liberato dal mio Signore Gesù Cristo. La Sua grazia è sovrabbondata nella mia vita laddove il peccato era abbondato. Egli solo è Colui che può salvare le anime degli uomini e può dare all’uomo la vera pace, la letizia e la vita eterna. Chiunque crede in Lui come dicono le Scritture, ottiene la remissione dei propri peccati e la via eterna.

Se tu che leggi questa breve testimonianza non hai ancora fatto pace con Dio e non hai ancora ottenuto il perdono dei tuoi peccati, ti esorto a ravvederti dei tuoi crimini contro Dio, di pentirti per il male da te commesso e di credere con tutto il cuore che Gesù Cristo è il Figlio di Dio, il Messia, venuto su questa terra per salvare gli uomini peccatori. Credi con tutto il tuo cuore nell’evangelo, e cioè che Gesù Cristo morì sulla croce per i nostri peccati, che fu sepellito, e che risuscitò dai morti al terzo giorno per la nostra giustificazione apparendo a molti dei Suoi discepoli secondo le Scritture. Se lo farai, otterrai la pace con DIO e sarai considerato giusto davanti a Lui per i meriti di Cristo.

Sappi che se non ti ravvedi ma rimani nella tua situazione di peccato, con i tuoi crimini ancora non perdonati, quando morrai, tu sarai giustamente condannato dall’Eterno, che è un giusto giudice, e andrai prima all’inferno, dove c’è un fuoco con fiamme non attizzate da mani d’uomo e poi sarai gettato nel lago ardente di fuoco e di zolfo dove soffrirai dolori e sofferenze atroci e indicibili, non per migliaia o milioni di anni, ma per sempre nei secoli dei secoli.

Salvato per la sola grazia di Dio, senza opere, mediante la sola fede nell’Agnello di DIO, Gesù Cristo

Haiaty Varotto

Ciò in cui credo

  • C’è un solo vero Dio, formato da tre persone distinte: Il Padre, YHWH, il Figlio, Gesù Cristo ,e lo Spirito Santo. I tre sono uno.
  • Gesù è il Cristo di Dio, il Figlio di Dio venuto sulla terra per morire sulla croce per i nostri peccati, essere seppellito e risuscitare il terzo giorno, secondo le scritture. 
  • Gesù era vero uomo e vero Dio. In Lui abitavano entrambe le nature.
  • La salvezza e la giustificazione è per grazia, e la si ottiene soltanto per mezzo della fede, senza le opere della legge. Nessuno può in alcun modo guadagnarsi la salvezza o la giustizia di Dio attrraverso le proprie opere.
  • Le buone opere sono conseguenti alla salvezza ottenuta per fede. Se non ci sono le buone opere, o i frutti buoni, allora ciò è evidenza che la fede è morta e pertanto non ha alcun valore.
  • Lo Spirito Santo è una persona, e non un forza. Egli è Dio, con il Padre e Gesù Cristo. Quantunque sia Dio, non va pregato nè adorato nè cantato (perchè non ci sono esempi nelle scritture)
  • La preghiera è fondamentale per un cammino Cristiano sano nella fede. Un credente deve passare ogni giorno un tempo consistente in essa, fatta in ginocchio, per ricercare la faccia di Dio, in comunione con Dio. La donna deve pregare con un velo, mentre l’uomo deve avere il capo scoperto.
  • Le meditazione e lo studio della Parola di Dio ogni giorno è fondamentale per un cammino sano nella fede. Un credente deve leggere e meditare ogni giorno la Parola di Dio.
  • La Bibbia è la Parola di Dio. Credo in tutto quello che vi è scritto senza dubitare di alcuno dei racconti e dei fatti che vi sono narrati (es: Adamo ed Eva, il Diluvio, Sodoma e Gomorra, etc..). Essa è composta da sessantasei libri sacri che portano i seguenti nomi: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio, Giosuè, Giudici, Ruth, 1 Samuele, 2 Samuele, 1 Re, 2 Re, 1 Cronache, 2 Cronache, Esdra, Nehemia, Ester, Giobbe, Salmi, Proverbi, Ecclesiaste, Cantico dei cantici, lsaia, Geremia, Lamentazioni, Ezechiele, Daniele, Osea, Gioele, Amos, Abdia, Giona, Michea, Nahum, Habacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malachia, Matteo, Marco, Luca, Giovanni, Atti degli apostoli, Romani, 1 Corinzi, 2 Corinzi, Galati, Efesini, Filippesi, Colossesi, 1 Tessalonicesi, 2 Tessalonicesi, 1 Timoteo, 2 Timoteo, Tito, Filemone, Ebrei, Giacomo, 1 Pietro, 2 Pietro, 1 Giovanni, 2 Giovanni, 3 Giovanni, Giuda, Apocalisse.
  • Dio ha eletto coloro che saranno salvati e ha già deciso coloro che saranno vasi d’ira. Ha predestinato alcuni alla salvezza ed altri alla perdizione. Non esiste il libero arbitrio.
  • Gli angeli esistono e vengono mandati in aiuto dei santi in alcune occasioni oppure come messaggeri di Dio per far sapere o far conoscere delle cose ai santi o alle persone.
  • I demoni esistono e sono spiriti maligni che operano per sedurre e distruggere le persone.
  • Satana esiste. E’ un essere spirituale malvagio, che si è insuperbito, e che sarà legato per mille anni, dopo i quali verrà gettato nello stagno ardente di fuoco e di zolfo.
  • Ogni uomo che nasce, nasce con la natura di Adamo, cioè una natura peccaminosa e pertanto nascono come figli d’ira. E’ soltanto mediante il ravvedimento e il credere nell’evangelo che l’uomo può nascere di nuovo ed ottenere la vita eterna.
  • L’evangelo di Dio è il seguente “Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le Scritture; fu seppellito; risuscitò il terzo giorno, secondo le Scritture; apparve a molti dei Suoi discepoli.”. Non esistono altri evangeli. Ogni altro evangelo è anatema.
  • Dio giudica con giudizi tremendi gli uomini che sono sulla terra. Per l’ira sua vengono i terremoti, le alluvioni, le tempeste, e ogni catastrofe naturale.
  • I santi possono perdere la salvezza. In altre parole, è possibile scadere dalla grazia. Se un credente si mette a fare il male, o si corrompe nel suo cuore, o si insuperbisce, e cosi via allora anche se è stato salvato in passato, se ne andrà all’inferno.
  • Senza la santificazione nessuno vedrà il Signore. La Santificazione è il processo di abbandonare il peccato, le concupiscenze carnali e tutto ciò che non è secondo la volontà di Dio. Si tratta di ubbidire ai comandamenti dell’Eterno, fuggendo il male, conducendoci in modo da esserGli graditi nel condurci, nel nostro rapporto con gli altri, nel parlare, nell’agire e nel pensare. Coloro che fanno il male, o vivono nel peccato oppure vivono secondo la carne non entreranno nel regno di Dio.
  • Non si deve mangiare carne con il sangue nè cibi sacrificati agli idoli.
  • Non necessariamente essere poveri è una maledizione di Dio. Così come non necessariamente essere ricchi significa essere benedetti da Dio.
  • La chiesa non è un edificio fisico ma un edificio spirituale, formata dai santi che sono le pietre viventi. Dove sono radunati due o tre nel nome di Gesù, quella è già la chiesa.
  • La Chiesa locale deve essere condotta da un pastore e da degli anziani (o vescovi) aiutati da dei diaconi.
  • I credenti che sono nati di nuovo devono battezzarsi per immersione nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il battesimo non è necessario per la salvezza ma è la richiesta di una buona coscienza.
  • La cena del Signore è un ordinamento del Signore.
  • Il battesimo con lo Spirito Santo è un esperienza successiva alla nuova nascita e consiste nel rivestimento di potenza dall’Alto. Il segno dell’avvenuto battesimo con lo Spirito Santo è il parlare in altre lingue.
  • I ministeri sono 5 e sono: l’apostolo, l’evangelista, il profeta, il pastore e il dottore.
  • I doni dello Spirito Santo sono ancora presenti e sono i seguenti: parola di sapienza; parola di conoscenza; fede; doni di guarigioni; potenza d’operar miracoli; profezia; il discernimento degli spiriti; diversità di lingue, e la interpretazione delle lingue.
  • Iddio ancora oggi concede sogni, visioni e rivelazioni potenti.
  • Dio ancora oggi guarisce da qualsiasi malattia. Non c’è malattia che Dio non possa guarire.
  • Il Matrimonio è indissolubile. Soltanto la morte di uno dei due scioglie il vincolo del matrimonio. Se uno si risposa commette adulterio.
  • Alla donna non è permesso insegnare la Parola di Dio nè di usare autorità sul marito.
  • Gesù ritornerà dai cieli, e al suo ritorno, ci sarà la prima resurrezione dai morti. Dopo il suo ritorno, Egli regnerà su questa terra assieme ai suoi eletti per mille anni. Non ci sarà nessun rapimento segreto prima della venuta di Gesù.
  • L’uomo è fatto di corpo, anima e spirito. 
  • Se uno muore da incredulo, o da malvagio, o da peccatore, o da sviato, l’anima sua scende nelle fiamme del’inferno.
  • Un cristiano quando muore va nel paradiso celeste di Dio.
  • Questi cieli e questa terra, dopo i mille anni, saranno distrutti. Ci saranno nuovi cieli e nuova terra.
  • Ci sarà un giudizio finale, dove i peccatori risusciteranno per essere giudicati e condannati da Dio ad un eterno tormento. 

ALTRO SU VARIE COSE

  • Prendere in prestito non è peccato. Fare uno uso sbagliato di questo strumento(sovraindebitarsi), o entrare nel vortice del debito si, perchè è stoltezza.
  • Investire non è peccato. Amare il denaro ed essere avidi si.
  • Bere sobriamente bevande che contengono alcool non è peccato. Ubriacarsi si.
  • I ministri del vangelo, che sono nell’abbondanza e hanno già di che provvedersi, non possono in alcun modo gravare sulla chiesa a scapito di chi è nel bisogno.
  • Un credente non può in alcun modo partecipare a sette segrete di nessun tipo come ad esempio non può in alcun modo far parte della massoneria o degli illuminati o dei Gesuiti o cose simili.
  • Il credente non è obbligato ad osservare giorni o feste di alcun tipo.
  • Il credente non deve praticare in alcun modo la violenza.
  • Esiste un induramento parziale nel cuore degli ebrei fino alla venuta di Gesù Cristo. Poi, tutto Israele sarà salvato.
  • Bisogna essere sottomessi alle autorità umane. Vanno disubbidite invece quando ci ordinano qualcosa che va contro la volontà di Dio.
  • La lavanda dei piedi va praticata.
  • Le donne devono vestirsi con la gonna, essendo essa un abito femminile ed essendo i pantaloni un abito maschile. Così l’uomo non deve vestirsi con la gonna o con abiti femminili. L’Eterno ha ordinato che la donna non si vesta da uomo, e l’uomo non si vesta da donna. 
  • …….Tutto il resto pubblicato sul sito

Molte altre cose non sono scritte qui, in questa pagina, ma sono scritte all’interno di questo sito. Tutte le cose che sono scritte o condivise nel sito sono cose in cui io credo.

Haiaty Varotto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: