Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

I 144 mila sono uomini vergini scelti per essere primizie a Dio e all’Agnello

“Poi vidi, ed ecco l’Agnello che stava in piè sul monte Sion, e con lui erano centoquarantaquattromila persone che aveano il suo nome e il nome di suo Padre scritto sulle loro fronti. E udii una voce dal cielo come rumore di molte acque e come rumore di gran tuono; e la voce che udii era come il suono prodotto da arpisti che suonano le loro arpe. E cantavano un cantico nuovo davanti al trono e davanti alle quattro creature viventi ed agli anziani; e nessuno poteva imparare il cantico se non quei centoquarantaquattromila, i quali sono stati riscattati dalla terra. Essi son quelli che non si sono contaminati con donne, poiché son vergini. Essi son quelli che seguono l’Agnello dovunque vada. Essi sono stati riscattati di fra gli uomini per esser primizie a Dio ed all’Agnello. E nella bocca loro non è stata trovata menzogna: sono irreprensibili.” (Ap 14:1-5)

La scrittura dice in maniera chiara che i 144 mila sono degli UOMINI VERGINI, che non si sono contaminati con donne, scelti da Cristo per essere primizie a Dio e all’Agnello e quindi non possono essere tutti gli eletti e tutti i riscattati. 

Rigettate le ciance di coloro che vogliono per forza ‘spiritualizzare’ questo passaggio (e cosi molti altri). State molto attenti a coloro che vogliono sempre ‘spiritualizzare’ le cose perchè facendo cosi sono nate eresie dannose come quella che il fuoco dell’inferno non è letterale e la nuova Gerusalemme non è letterale.

Come leggete? Come sta scritto? Cosi credete. Soltanto quando non si può accettare il significato letterale, allora si può cercare un interpretazione alternativa.

 

Haiaty Varotto

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
La massoneria confutata: i giuramenti

Dottrina massonica I giuramenti massonici, pena lesioni e morte violenta in caso della loro violazione, sono ministrati alla fine dell’iniziazione...

I contradditori devono essere convinti, non arsi vivi sul rogo come ha fatto Giovanni Calvino

Sta scritto: «Poiché il vescovo bisogna che sia irreprensibile, come economo di Dio; non arrogante, non iracondo, non dedito al...

Francesco Toppi: ‘Giobbe era orgoglioso della propria giustizia e della propria rettitudine’

Francesco Toppi, ex presidente delle ADI, ha scritto riguardo alle sofferenze patite da Giobbe: ‘Il lettore superficiale di questo libro,...

Chiudi