Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Guai a coloro che fanno le opere loro nelle tenebre

“Guai a quelli che si ritraggono lungi dall’Eterno in luoghi profondi per nascondere i loro disegni, che fanno le opere loro nelle tenebre, e dicono: ‘Chi ci vede? chi ci conosce?’ (Isaia 29:15).

 
Uomini e donne, fratelli e sorelle, che fate delle cose NASCOSTE NELLE TENEBRE,  pensando di essere ‘tranquilli’ perchè nessuno vi vede e che quindi siete al riparo e al sicuro, sappiate che vi state illudendo perchè anche se nessun uomo vi vede, pure l’Eterno ha l’occhio su di voi e vede ogni cosa e sappiate inoltre che a voi aspettano I GUAI perchè IDDIO prima o poi fa venire alla luce le cose nascoste e umilia coloro che operano nelle tenebre. E’ solo una questione di tempo. E anche se riusciste a sfuggire alla giustizia degli uomini non potrete scampare a quella divina, che vi perseguiterà e vi colpirà nel suo furore e indignazione.

Se state facendo delle cose nelle tenebre, pensando che tanto nessuno vi vede, vi esorto IMMEDIATAMENTE a smettere, a chiedere perdono a DIO e ad abbandonare le vostre vie malvagie. Sappiate che se disprezzate questa esortazione e continuate nelle vostre vie malvagie VI RIEMPIRETE DI GUAI, perchè:

“Tribolazione e angoscia sopra ogni anima d’uomo che fa il male;” (Rm 2:9)

 

Dovete temere l’Eterno perchè Egli è un fuoco consumante, un Dio tremendo e terribile e non lascia il colpevole impunito.

 

Haiaty Varotto

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
DIO è il nostro redentore. Presso di Lui v’è abbondanza di redenzione.

DIO è il nostro redentore. Egli è il redentore di Israele e del Suo popolo. Il nostro redentore ha nome...

Il silenzio di molti evangelici riguardo alla massoneria parla

Come mai tanti Evangelici che sono sempre pronti a parlare contro di noi, – ripeto come mai – invece contro la...

Un esortazione a non abbandonare la comunione fraterna e la comune adunanza

  "non abbandonando la nostra comune adunanza come alcuni son usi di fare, ma esortandoci a vicenda; e tanto più,...

Chiudi