Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Le opere della carne: discordia

La discordia rientra tra le opere della carne, secondo che è scritto:

Or le opere della carne sono manifeste, e sono: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregoneria, inimicizie, discordia, gelosia, ire, contese, divisioni, sètte, invidie, ubriachezze, gozzoviglie, e altre simili cose; circa le quali io vi prevengo, come anche v’ho già prevenuti, che quelli che fanno tali cose non erederanno il regno di Dio.” ( Galati 5:19-21).

Che cos’è la discordia? Secondo alcune definizioni del dizionario si tratta della “mancanza di concordia, disunione degli animi e delle volontà” ed anche la “differenza di opinioni su un fatto, una questione, un argomento particolare; dissenso, contrasto, discordanza” (dizionario Treccani). Esempi di discordia sono: quando due parenti non si trovano d’accordo per una determinata questione; oppure quando si hanno opinioni diverse su determinati argomenti, etc..

La discordia è un opera della carne come è scritto nella Parola di Dio. Essendo un opera della carne, i santi del Signore devono lottare contro di essa e bandirla; I credenti devono cercare invece di essere sempre di pari consentimento, di una sola mente e di un solo sentire; e questo pari consentimento dev’essere BASATO SULLA PAROLA DI DIO e non su proprie vedute e sui vari “secondo me”. Quando si affronta un argomento o una questione bisogna sempre investigare la somma delle Sacre Scritture per vedere prima di tutto quale sia la volontà di Dio su tale questione, e poi bisogna raccogliere tutti i fatti, tutte le prove, e investigare a fondo arrivando cosi ad un giusto giudizio. Una volta agito cosi, allora i santi devono farsi un’opnione/esprimere un giudizio ed operare di pari consentimento. Questa è la volontà di Dio.

Purtroppo succede che ci siano delle discordie tra fratelli; quando ciò succede bisogna cercare di risolverle, con carità e sapienza, laddove sia possibile farlo; per risolvere bisogna che le parti in discordia facciano come già scritto nel paragrafo sopra: cercare di ben capire quale sia la volontà di Dio riguardo alla questione che ha causato la discordia analizzando ogni cosa attraverso la somma delle Sacre Scritture, che è la massima autorità e la fonte di verità assoluta, essendo non la parola di un uomo, ma la parola dell’Iddio vivente e vero. Una volta che si è esaminato a fondo la questione analizzando tutti i fatti, le prove, i ragionamenti, etc.. attraverso la luce della somma della Parola di Dio, allora chi si è trovato nella parte del torto deve abbandonare l’errore ed essere di pari consentimento con gli altri che sono nella verità e nella volontà di Dio. Notate che in una questione dove sorge della discordia può anche succedere che entrambe le parti siano nell’errore, sia totalmente oppure anche solo parzialmente. In tal caso, le cose che sono in errore vanno abbandonate da entrambe le parti. In tutto ciò, bisogna stare molto attenti con l’orgoglio perchè a volte, l’orgoglio, impedisce chi è nell’errore di riconoscere di aver sbagliato e quindi lo porta a rimanere nel torto pur di non ammettere lo sbaglio. Un’altra considerazione riguardo a quando ci sono delle discordie tra fratelli è che a volte, se si trattano di cose piccole o di cose non gravi (ovviamente cose gravi come peccati gravi, eresie e scandali vanno trattate diversamente),  bisogna patire qualche torto e diciamo “mandare giù la cosa”, anche quando si ha ragione, piuttosto che continuare nella discordia. Questo lo si fa per amore al Signore e per amore agli altri fratelli. Iddio che sa ogni cosa, premierà colui che opera cosi ha operato per un bene maggiore e per la pace di tutti.

Chi fa nascere, provoca, semina o fomenta discordia tra persone, principalmente tra fratelli, con l’obiettivo di separare e dividere, fa un opera malvagia e detestabile, e si attira l’ira di Dio. Infatti chi semina discordia tra i fratelli compie un opera che è in abominio all’Eterno, secondo che è scritto:

“Sei cose odia l’Eterno, anzi sette gli sono in abominio: gli occhi alteri, la lingua bugiarda, le mani che spandono sangue innocente, il cuore che medita disegni iniqui, i piedi che corron frettolosi al male, il falso testimonio che proferisce menzogne, e chi semina discordie tra fratelli” (Pv 6:16-19)

Dunque bandite la discordia, studiatevi in ogni cosa di avere il pari consentimento nella sana dottrina e nella volontà di Dio e agite con sapienza.

Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Un esercito di massoni, che hanno la massoneria nel cuore, ha invaso il Movimento Pentecostale

Si trovano in gran numero anche dietro i pulpiti dei locali di culto delle Chiese Pentecostali, e dietro le cattedre...

Attenzione al video musicale di Angelo Maugeri «Ricomincio A Viaggiare»!

  Due fotogrammi tratti dal video musicale «Angelo Maugeri ft. Kike Pavón – Ricomincio A Viaggiare». Come potete vedere da...

Abbiamo la libertà di accostarci a Dio per mezzo di Cristo

“Nel quale abbiamo la libertà d’accostarci a Dio, con piena fiducia, mediante la fede in Lui. “ (Ef 3:12) Se...

Chiudi