Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Le opere della carne: la dissolutezza

La dissolutezza rientra tra le opere della carne. Infatti è scritto: 

Or le opere della carne sono manifeste, e sono: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregoneria, inimicizie, discordia, gelosia, ire, contese, divisioni, sètte, invidie, ubriachezze, gozzoviglie, e altre simili cose; circa le quali io vi prevengo, come anche v’ho già prevenuti, che quelli che fanno tali cose non erederanno il regno di Dio.” ( Galati 5:19-21)

Che cos’è la dissolutezza? Si tratta della mancanza di ogni freno morale con conseguente condotta di vita; in altre parole una vita dissoluta è quando una persona viola i limiti della decenza e del pudore (licenziosità) in maniera sfrenata arrivando anche alla depravazione. Il dissoluto non ha regole n’è limiti morali ma si lascia e si abbandona a qualsiasi cosa senza porsi dei freni

I credenti nel Signore devono bandire la dissolutezza; non devono lasciarsi andare a comportamenti o ad una condotta dissoluta come fanno i pagani secondo che è scritto:

“Questo dunque io dico e attesto nel Signore: non comportatevi più come si comportano i pagani nella vanità dei loro pensieri, con l’intelligenza ottenebrata, estranei alla vita di Dio, a motivo dell’ignoranza che è in loro, a motivo dell’indurimento del loro cuore. Essi, avendo perduto ogni sentimento, si sono abbandonati alla dissolutezza, fino a commettere ogni specie di impurità con avidità insaziabile.”(Efesini 4:17-19).

Al contrario, i santi devono avere autocontrollo sulla propria volontà e sui propri desideri e devono essere sobri dominando ogni concupiscenza della carne (le quali guerreggiano contro le anime nostre). Cosi facendo, daremo gloria a Dio con la nostra condotta.

Sappiate che nella chiesa si sono introdotti degli empi che volgono la grazia di Dio in dissolutezza, i quali con il loro dolce parlare riescono a sedurre i credenti che non vegliano, portandoli a fare cose dissolute. State molto attenti e, una volta individuati, riprendete costoro severamente davanti a tutti e guardatevi da loro. 

I dissoluti non entreranno nel regno di Dio ma se ne andranno in perdizione, prima nelle fiamme dell’inferno, e successivamente nel lago ardente di fuoco e di zolfo. Non vi illudete pensando che L’Eterno tolleri una condotta dissoluta; non è cosi. Badate dunque alla vostra condotta affinché essa non sia una condotta dissoluta.

Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Dio ha fatto con noi un nuovo patto, non di lettera ma di spirito

Dio aveva promesso tramite Geremia che avrebbe concluso con la casa d’Israele e con la casa di Giuda un patto...

La vera vita cristiana secondo un ateo

In un opuscolo, in circolazione alla fine del XIX secolo, scritto da un ateo, si potevano leggere queste parole: «Se...

Perché Roberto Benigni ha riscosso tanto successo in ambito evangelico

  Capisco perché a tanti sedicenti Cristiani è piaciuto il discorso di Roberto Benigni sui dieci comandamenti. Non solo perché...

Chiudi