Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Non esiste unione tra i membri della Chiesa di Cristo Gesù se non si ha la stessa dottrina, lo stesso timore di Dio e lo stesso Spirito

Avendo visto un video di un convegno dal titolo: “Divisioni nelle Chiese evangeliche: problema dottrinale o spirituale?”,1 la cui pagina che lo presenta porta la data del 10 novembre 2016, mi sono sentito in cuore di rispondere e scrivere questo articolo. Essenzialmente gli oratori del video vogliono inculcare ai cristiani della Chiesa che bisogna essere uniti nonostante ci siano delle divergenze dottrinali anche notevoli.

Le cose stanno, dal punto di vista biblico, come dicono costoro, oppure le Scritture insegnano altrimenti? Ed è appunto per dimostrarvi che non sempre si può essere uniti con i fratelli, se ci sono divergenze importanti dottrinali oppure se la condotta di certuni è intollerabile e contraria alle dottrine professate.

Voglio iniziare il mio ragionamento col citarvi il passo del profeta, che dice:

«Due uomini camminano eglino assieme, se prima non si sono concertati?» (Amos 3:3)

Gli oratori che parlano nel video, invece, contrariamente a quanto è scritto nella Parola di Dio, pretendono, e gli sembra strano che così non avvenga, che tutti debbano camminare assieme anche se uno crede una cosa e l’altro invece ne crede una diversa e contraria.

Cari nel Signore, voglio presentarvi degli esempi concreti, per comprendere che non con tutti si può camminare assieme:

  • Uno crede che Gesù è Dio, mentre un altro, invece, non loro crede; come faranno ad andare d’accordo quando parlano, quando pregano, quando predicano la Parola, quando rispondono alle domande su Gesù? Inoltre, vi ricordo che se uno non crede che Gesù di Nazaret è Dio, è un eretico e tale eresia mena alla perdizione eterna. Come si può, dunque, andare d’accordo e camminare assieme ad uno che non crede che Gesù è Dio? Per un vero credente, ciò è assolutamente impossibile.
  • Uno crede nella dottrina della Trinità, cioè crede che I TRE SONO UNO, mentre un altro non ci crede, ma pensa che ci sia UNO SOLTANTO e non esistano contemporaneamente TRE PERSONE DISTINTE l’una dall’altra che formano UN UNICO E VERO DIO; come faranno a camminare assieme se non si concertano prima? Non potranno camminare assieme, quindi è bene dividersi, ognuno seguirà il suo percorso.
  • Uno crede che Iddio ancora oggi parla tramite sogni visioni, che fa MIRACOLI, che battezza con lo Spirito santo con il segno di parlare in altre lingue, mentre altri non lo credono possibile perché i miracoli di Dio sono cessati (da questa incredulità che noi pentecostali definiamo come “CESSAZIONISTI” quelli che non credono che Dio ancora oggi compia miracoli potenti esattamente come sono avvenuti e sono stati descritti nella Bibbia). Cosa accade (l’ho visto personalmente) quando una persona racconta in comunità di aver ricevuto una VISIONE DA DIO, mentre altri nella comunità credono e insegnano che le visioni sono solo dal diavolo e non da Dio? Possono trovarsi d’accordo e camminare assieme quelle due parti? Non mi pare che sia possibile, infatti per esperienza ho visto che quelli che non credevano si sono molto adirati nel sentire certe cose, sono mutati persino nel sembiante talmente la cosa li ha turbati.
  • Uno crede che Dio ancora oggi punisce i peccatori, siano essi credenti o non credenti, mentre altri non ci credono, anzi, dicono che Dio non punisce nessuno e che se uno è colpito da qualche male è il diavolo ad averlo fatto. Questi due modi di credere e di vedere la giustizia di Dio, portano ad avere un diverso TIMORE verso DIO, quindi ci saranno di quelli che temeranno Dio e si santificano, mentre ci saranno di quelli che non LO temono per niente e si danno a soddisfare ogni tipo di piacere della vita, tanto, non ne comprendono i motivi per cui rinunciarvi. Come potranno fare questi e quelli a camminare assieme? Non potranno, quindi non rimane loro che separarsi.
  • Uno crede che Dio ancora oggi guarisce dalle malattie, con potenza e gloria, mentre altri non ci credono e si affidano alle medicine e alle operazioni degli uomini e si assiste a preghiere, quindi, che mostrano una fede TOTALMENTE diversa l’una dall’altra, contrastanti, opposte. Pertanto, come faranno a camminare assieme se non hanno la medesima fede e non hanno pari consentimento? Non gli rimane che dividersi.

Ho potuto constatare che l’elemento principale che divide l’un credente dall’altro è la FEDE che uno ha in Dio e nella Sua Parola. La nostra condotta, il nostro parlare, la nostra preghiera, tutta la nostra vita dipende soprattutto dalla fede che noi abbiamo in Dio e nella Sua Parola.

Cari nel Signore, per tutto ciò che è emerso in merito alla Massoneria e all’agenda che sta portando avanti e che vuole introdurre anche in mezzo alla Chiesa dei santi, cioè creare una religione unica mondiale nella quale non c’è posto per Gesù di Nazaret, il Cristo di Dio come lo conosciamo dalle Scritture, voi capirete bene a cosa servano certi discorsi fatti per spingere tutti ad avere UNA SORTA DI COMUNIONE forzata tra tutte le religioni, una comunione nella diversità, facendosi violenza per poter camminare assieme, perché la luce non può essere unita alle tenebre. Infatti, come potranno camminare assieme mussulmani, cattolici, evangelici, buddisti, mormoni ed altri ancora? Ciò non è possibile, soprattutto non è possibile per i figlioli di Dio che sono REALMENTE nati di nuovo, che hanno in loro lo Spirito di Dio, che non sopportano le eresie ed il peccato, le menzogne, la stoltezza, la follia e tutto ciò che va contro la volontà di Dio.

Avviene che la Massoneria mette l’uomo AL CENTRO DELL’UNIVERSO E DI TUTTO, essa spinge a camminare tutti insieme forzatamente; ma noi cristiani mettiamo al centro di TUTTO il Signore Iddio che ha fatto i cieli e la terra, ed è per questo che non è possibile camminare assieme con tutti, ma i veri cristiani che si santificano e credono a tutto ciò che sta scritto nella Bibbia, possono camminare soltanto con quelli che hanno lo stesso cuore, la stessa mente e lo stesso Spirito.

Badate bene alle cose che vi sto dicendo e non dimenticate mai che Gesù non è venuto sulla terra in carne simile a quella dell’uomo per UNIRE TUTTI ASSIEME, anzi, Egli è venuto per dividere, come Lui stesso ha dichiarato:

«Chiunque adunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io riconoscerò lui davanti al Padre mio che è ne’ cieli. Ma chiunque mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io rinnegherò lui davanti al Padre mio che è nei cieli. Non pensate ch’io sia venuto a metter pace sulla terra; non son venuto a metter pace, ma spada. Perché son venuto a dividere il figlio da suo padre, e la figlia da sua madre, e la nuora dalla suocera; e i nemici dell’uomo saranno quelli stessi di casa sua. Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; e chi ama figliuolo o figliuola più di me, non è degno di me; e chi non prende la sua croce e non vien dietro a me, non è degno di me.» (Matteo 10:32-38)

Non sono abbastanza chiare le parole di Gesù “Non pensate ch’io sia venuto a metter pace sulla terra; non son venuto a metter pace, ma spada.”? A me quelle parole di Gesù Cristo mi sono molto chiare, e sto vedendo sempre di più come si avverano di continuo in mezzo alla Chiesa, e così deve essere, perché non è possibile che Dio abbia mentito. Chi parla di UNIONE DELLA CHIESA A TUTTI I COSTI, parla contro Dio e fa DIO BUGIARDO, quindi fate attenzione a non seguire tali persone, che parlano da nemici della Parola di Dio. Credete, piuttosto, a tutto ciò che sta scritto nella Bibbia, e non alle vane parole seduttrici di certi uomini.

Ed eccovi altre parole di Gesù, nella esposizione su come praticare la disciplina nella Chiesa, che parlano anche di divisione dagli impenitenti e non di unione a tutti i costi:

«Se poi il tuo fratello ha peccato contro di te, va’ e riprendilo fra te e lui solo. Se t’ascolta, avrai guadagnato il tuo fratello; ma, se non t’ascolta, prendi teco ancora una o due persone, affinché ogni parola sia confermata per bocca di due o tre testimoni. E se rifiuta d’ascoltarli, dillo alla chiesa; e se rifiuta di ascoltare anche la chiesa, siati come il pagano e il pubblicano.» (Matteo 18:15-17)

Vedete, Gesù ci ha insegnato che se uno pecca e non si ravvede, rimane impenitente, dopo aver ricevuto l’ammonizione e la riprensione di tutta la Chiesa, non rimane che separarsi, dividersi e stare lontani da quel peccatore, e lo deve fare tutta la Chiesa, non solo quello che ha subito il torto.

Quindi, vedete fratelli nel Signore, dal punto di vista sia pratico che biblico, come non si può assolutamente camminare con tutti? E tenete anche a mente chi sono e cosa vogliono coloro che, invece, vogliono per forza una unione tra credenti che sono diversi su molte cose.

Diletti e fedeli nel Signore, badate dunque a voi stessi, badate bene a cosa vi stanno insegnando i vostri conduttori, e badate che nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

1 – Link alla pagina col video: https://www.evangelici.info/divisioni-delle-chiese-evangeliche-problema-dottrinale-o-spirituale

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Quelli di ‘Scegli Gesù’ ‘evangelizzano’ saltando sul fuoco

Questi sono quelli di ‘Scegli Gesù’ della ‘pastora’ Roselen Faccio di Milano. Osservate cosa fanno nelle strade, per ‘evangelizzare’. Come...

Perchè il Capodanno non va festeggiato

Fratelli, voglio che sappiate perchè non si addice ai santi festeggiare il capodanno. La ragione è perchè si tratta di...

Dio fa grazia a chi vuole far grazia

Dio disse a Mosè: “Farò grazia a chi vorrò far grazia, e avrò pietà di chi vorrò aver pietà” (Esodo...

Chiudi