Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Non ti stimar savio da te stesso; temi l’Eterno e ritirati dal male.

“Non ti stimar savio da te stesso; temi l’Eterno e ritirati dal male;  questo sarà la salute del tuo corpo, e un refrigerio alle tue ossa.” (Pv 3:7)

La scrittura ci esorta a non stimarci savi da noi stessi; Questo è anche confermato da questo passaggio: “Altri ti lodi, non la tua bocca; un estraneo, non le tue labbra.” (Pv 27:2). Uno non si deve inorgoglire perchè si reputa savio o intelligente. Se uno ha ricevuto da Dio sapienza, che sia umile e non si insuperbisca, tema l’Eterno e fugga il male.

Infatti coloro che temono all’Eterno se ne stanno al sicuro mentre gli empi non hanno pace e sono pieni di guai. Inoltre chi teme l’Eterno degli eserciti fugge le vie del male perchè ama le vie del bene. E questo per lui è un ristoro e salute essendo che sarà preservato dalle conseguenze del peccato e delle male azioni.

Dunque non ti stimar savio da te stesso; temi l’Eterno e ritirati dal male.

 

Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Contro la ‘chiamata all’altare’

C’è una pratica senza alcun fondamento biblico diffusissima in ambito evangelico, quando si tengono delle riunioni di evangelizzazione, che consiste...

Come bisogna fare per ricevere le offerte dei santi nelle comunità

Ecco come si ricevevano le offerte nel Tempio all’epoca di Gesù: «E postosi a sedere dirimpetto alla cassa delle offerte,...

Evidenze scientifiche di correlazione tra i vaccini e la SIDS (sindrome della morte improvvisa del lattante)

Secondo Wikipedia, la SIDS (sindrome della morte improvvisa del lattante) è: nota anche come sindrome della morte improvvisa infantile o...

Chiudi