Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Una parola agli afflitti

L’afflizione è un qualcosa che può capitare a chiunque per svariate ragioni.

Se sei afflitto a causa dei tuoi peccati e a motivo della tua disubbidienza, quello che devi fare è riconoscere i tuoi errori, chiedere perdono a Dio che è misericordioso e portare frutto degni di ravvedimento cercando di non peccare più. Così potrai dire come il salmista: “Prima che io fossi afflitto, andavo errando; ma ora osservo la tua parola.” (Sl 119:67) e “È stato un bene per me l’essere afflitto, ond’io imparassi i tuoi statuti.” (Sl 119:71)

Se sei afflitto a motivo della parola di Dio, a motivo della fede e a motivo di giustizia allora sappi che grande è il tuo premio nei cieli e quindi devi sopportarle con pazienza amando e benedicendo coloro che ti perseguitano o che ti fanno del male. Questa è la volontà di Dio.

Se sei afflitto a motivo di una prova nella quale Dio ti ha messo, sii paziente (cfr Rm 12:12), accetta la Sua volontà, abbi fiducia in Lui e non ti disperare. “t’ho provato nel crogiuolo dell’afflizione.“ (Is 48:10) .Tieniti stretto/a all’Eterno che ha udito la tua preghiera e che è potente per trarti fuori. Sappi che le prove sono necessarie (cfr 1 Pi 1:6) perché la prova della nostra fede produce pazienza (cfr Rm 5:3) e costanza (cfr Giacomo 1:3), difatti è scritto persino di considerarle come motivo di grande allegrezza secondo che è scritto: “Fratelli miei, considerate come argomento di completa allegrezza le prove svariate in cui venite a trovarvi” (Giacomo 1:2) .

Inoltre sappi che l’Eterno è fedele e non permetterà che siate provati al di là delle vostre forze ma vi sosterrà in ogni prova. Egli vi prova anche per sapere quello che avete nel cuore, se Lo amate e se lo servite con tutto il vostro cuore anche nei momenti di afflizione e di tribolazione.

Certo, è facile amare Dio e benedirlo nei momenti quando tutto va bene, difficile invece è farlo quando si è in mezzo alla fornace ardente della prova. Non vi lasciate scoraggiare nella prova, ma siate pazienti e costanti tenendo sempre nel vostro cuore e nella vostra mente la sovranità di Dio e di come Egli ha cura di coloro che lo amano e osservano i Suoi comandamenti. Ricordati che “se affligge, ha altresì compassione, secondo la moltitudine delle sue benignità; giacché non è volentieri ch’egli umilia ed affligge i figliuoli degli uomini.” (Lam 3:32-33)

Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Il deserto fiorisce per volere di Dio

Pace fratelli. Voglio raccontarvi una visione che il Signore mi ha concesso per confermarmi la dottrina della predestinazione e che...

Sexy Shop ‘Cristiani’

Fratelli nel Signore, era inevitabile che questo accadesse, visto quanta mondanità e carnalità regna nella stragrande maggioranza delle Chiese Evangeliche,...

Drogarsi è peccato. Non vi drogate

Drogarsi è peccato. Coloro che si drogano trasgrediscono il comandamento di Dio di essere sobri (cfr 1 Pi 5:8, 1...

Chiudi