Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Perseverate in queste cose

«Ed erano perseveranti nell’attendere all’insegnamento degli apostoli, nella comunione fraterna, nel rompere il pane e nelle preghiere» (Atti 2:42)

Tali parole scritte da Luca nel ricordare i fatti apostolici che sono avvenuti, ci ricordano che tutti noi che abbiamo creduto che Gesù è il Cristo di Dio e siamo nati da Dio, dobbiamo perseverare …

… nello studiare gli insegnamenti degli apostoli

la prima Chiesa attendeva di continuo agli insegnamenti degli apostoli, e ne hanno avuto un gran bene, sia in termini di conoscenza di Dio e di verità, sia per quanto riguarda le opere di carità verso i poveri; quindi, anche ai dì d’oggi, i santi che studiano e mettono in pratica gli insegnamenti scritti degli apostoli, ne riceveranno un grande beneficio per ogni cosa.

… nella comunione fraterna

una delle cose che opera lo Spirito santo dentro i credenti è farli crescere nell’amore, che si manifesta anche nel desiderio di incontrare i fratelli e stare insieme a loro, non soltanto per i culti, ma sempre, in ogni occasione possibile. Se non si ha il desiderio di stare in comunione con i fratelli, per pregare e parlare delle cose del Signore, allora bisogna esaminarsi bene, per vedere se si è ancora nella fede e se eventualmente non ci si è sviati dalla verità.

… nel prendere la cena del Signore

rompere il pane è uno dei modi con cui le Scritture fanno riferimento alla santa cena (cfr 1 Corinzi 10:16-17); essa può essere presa anche tutti i giorni (cfr Atti 2:46), però stando molto attenti a non prenderla indegnamente, altrimenti i giudizi di Dio possono piombare addosso alla persona indegna (cfr 1 Corinzi 11:28-32). Cari nel Signore, state dunque attenti a come vi conducete e a come vi accostate alla cena del Signore, per per non mangiare e bere un giudizio di Dio su sé stesso.

… nella preghiera

bisogna perseverare nella preghiera, soprattutto in quella personale, in ginocchio fatta a casa, prendendosi del tempo sufficiente (non cinque minuti) per rendere l’adorazione privata a Dio, per chiedere misericordia per i propri peccati, per intercedere per tutti i santi, e per tutti gli altri bisogni che possono esserci nella vita di ognuno. Se uno crede in Dio deve abbondare nella preghiera, nella vera preghiera, quella fatta in ginocchio e con tutto il cuore, perché Iddio è degno di ricevere la nostra adorazione e tutta la gloria. La mancanza di perseveranza nella preghiera è uno dei primi segnali di sviamento dalla fede e dall’amare Iddio, e si incomincia ad amare il mondo.

Cari nel Signore, tali cose che vi ho elencate sopra, sono delle cose basilari per la crescita di ogni credente, e perseverando in tali cose i santi non saranno mai smossi dalla verità e non si tireranno indietro nel momento della prova e della persecuzione. Fatevi dunque animo, perché per essere veri discepoli di Gesù Cristo, degni di tale chiamata e vocazione, c’è bisogno di impegno per mettere in pratica ciò che Dio vuole.

Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giuseppe Piredda

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Il vescovo e il diacono

Secondo quello che insegna la Scrittura chi desidera assumere nella Chiesa l’ufficio di vescovo desidera un’opera buona perché vuole fare...

Nel 1889, Albert Pike proclama che la religione massonica si basa sul culto a Lucifero

Il 14 Luglio 1889 Albert Pike – Sovrano Gran Commendatore del Supremo Consiglio del R.S.A.A. (Rito Scozzese Antico e Accettato)...

Solo gli apostoli parlarono in lingue il giorno della Pentecoste?

Introduzione In un suo scritto dal titolo ‘A Pentecoste lo Spirito discese solo sui dodici apostoli’ pubblicato sul suo sito...

Chiudi