Pages Menu
Categories Menu

Posted by | 0 comments

Quello che conta è la perseveranza fino alla fine

Purtroppo molti credenti iniziano il cammino Cristiano bene, anzi benissimo. Appena nascono di nuovo, dopo essersi ravveduto e aver creduto con tutto il cuore nell’evangelo di Gesù Cristo, iniziano il cammino amando Dio, essendo timorosi di Lui, essendo molto zelanti nel servire Cristo, difendendo e diffondendo la verità ed essendo attaccati fedelmente alla Parola di Dio, ma poi con il tempo si raffreddano, si spengono, si guastano.

Alcuni si sviano dalla sana dottrina, altri diventano tiepidi, altri mondani, altri carnali, altri proprio malvagi e cattivi. Lo stato attuale di tali credenti è tragico perché non sono più graditi al Signore, non portando più frutto, non santificandosi più nel timore di Dio, essendo tiepidi, carnali e mondani . La Parola di Dio ci fa sapere chiaramente che coloro che muoiono senza la santificazione, quindi essendo tiepidi, carnali, mondani NON EREDITERANNO IL REGNO DI DIO. Se ne andranno all’inferno, tra le fiamme, in attesa del giudizio finale, dopo il quale saranno gettati nel lago ardente di fuoco e di zolfo, e lì saranno tormentati nei secoli dei secoli. Questa è la fine che spetta a coloro che smettono di portare frutto, che si intiepidiscono, che diventano malvagi, ribelli, carnali e mondani. Che nessuno SI ILLUDA! Dio non è un uomo che possa mentire, quello che ha detto lo farà. Queste cose ce le ha fatte sapere per mezzo della Sua Parola e certamente Egli veglierà su di essa per portarla ad effetto.

Ora perché avviene questa tragica fine? Ecco alcuni motivi:

– SMETTONO DI VEGLIARE, quando è comandato di vegliare (cfr Mt 26:41, Mc 13:37, Atti 20:31, 1 Co 16:13, 1 Pi 5:8). Se prima erano sempre attenti, sempre in guardia sapendo che c’è un leone in giro che va cercando chi possa divorare e sapendo che siamo in guerra e non in vacanze, ora non vegliano più, non stanno più attenti alle macchinazioni del diavolo.

– CESSANO DI PREGARE, quando è comandato di non cessare di pregare (cf 1 Tess 5:17). Se prima erano zelanti nella preghiera tutti i giorni, almeno un ora al giorno e anche di più, pregando e lottando in essa per il regno di Dio e per la chiesa. Ora non si studiano più di avere, o di mantenere, quella vita di preghiera ogni giorno, in ginocchio, per un tempo consistente dove cercano l’Eterno con tutto il cuore e dove si accostano con piena certezza di fede davanti al trono di Dio.

– CESSANO DI MEDITARE LA PAROLA DI DIO E DI ESSERE ATTACCATI AD ESSA – quando è comandato di stare attaccato alla fede parola (cfr Tito 1:9). Se prima la Parola di Dio era il loro diletto, meditandola, esaminandola e studiandola del continuo, ora non lo fanno più: ora si stancano e si annoiano.Se prima difendevano la parola di Dio dai vari lupi rapaci in mezzo alla chiesa, ora non lo fanno più. Se prima diffondevano la verità, ora non lo fanno più.

– ABBANDONANO LA COMUNIONE FRATERNA – quando è comandato di non farlo (cfr Ebrei 10:25). Se prima avevano desiderio di vedere, sentire e avere comunione con coloro che amano e temono Dio, ora non lo fanno più. Si trovano ogni sorta di scusa e di vano ragionamento per stare lontani della assemblea dei giusti e della comunione fraterna.

– SI RIEMPIONO CON LE COSE DEL MONDO – avendo lasciato le prime tre, il loro cuore si riempie delle cose del mondo, e non hanno più quelle forze spirituali per camminare in maniera sana nella fede. Pensano continuamente nelle cose di questo mondo e non curano più la comunione con Dio, la meditazione della Sua parola e la comunione con gli altri santi che camminano nel timore di Dio.

E’ conseguenza naturale che se uno si mette a disubbidire ai comandamenti di Dio e a fare di testa propria finirà MALE, MOLTO MALE. E questo è ciò che è avvenuto in passato, sta avvenendo nel presente e continuerà ad avvenire nel futuro con molti credenti.

Fratelli e sorelle nel Signore non siate tra questi. Non importa se avete iniziato bene, quello che conta è la costanza e la perseveranza. Potete anche aver iniziato benissimo, facendo tanto per il Signore, ma se alla fine buttate via tutto, non sarà servito a niente. E’ una cosa molto seria. Dovete badare a voi stessi per non cadere: VEGLIATE, PREGATE, MEDITATE LE PAROLA DI DIO, STATE CON COLORO CHE AMANO E TEMONO DIO. Fate queste cose OGNI GIORNO, senza stancarvi e senza lasciarvi prendere da disperazioni o ansie varie.

Se siete tra questi, che vi siete raffreddati e  guastati, e avete letto fino a qui, datemi ascolto per il bene della vostra anima: c’è ancora speranza se non avete rinnegato Cristo e se non avete bestemmiato contro lo Spirito Santo! RAVVEDETEVI IMMEDIATAMENTE. Andate dal Signore, confessateGli le vostre mancanze, chiedeteGli perdono, portate frutti degni di ravvedimento (es: se avete fatto del male a qualcuno chiedetegli perdono, se avete rubato restituite) e tornate a fare le opere di prima, amando e temendo YHWH e il Signore Gesù Cristo.

 

Haiaty Varotto

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
Una nuova vita …. fuori dalle ADI

Fratelli nel Signore, vogliamo raccontarvi con questa testimonianza scritta, la nostra esperienza di fede. Premetto che la presente, non ha...

DIO è misericordioso. Immensa è la Sua misericordia.

DIO è misericordioso. Egli è il Padre delle misericordie. A Lui appartiene la misericordia. La Sua misericordia è molto grande,...

Il Nuovo Ordine Mondiale

I massoni e gli illuminati si sono prefissati di instaurare sulla terra un Nuovo Ordine Mondiale. Per capire un pò...

Chiudi