Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by | 0 comments

“Poiché è giunto il tempo in cui dovete essere scannati” – Alcuni esempi dell’ardente ira di Dio

L’ira di Dio è terribile. Egli è terribile (incute terrore), severo e tremendo quando dà corso alla Sua ira. E’ cosa spaventevole cadere nelle Sue mani. Egli è giusto e retto quando giudica e presso di Lui non v’è iniquità alcuna. 

Riflettete bene su questi passaggi, e considerate cosa significhi attirarsi l’ardente ira di Dio facendo il male:

“Perciò, così parla l’Eterno degli eserciti, l’Iddio di Israele: Ecco, io farò mangiar dell’assenzio a questo popolo e gli farò bere dell’acqua avvelenata. Io li disperderò fra le nazioni, che né loro né i loro padri han conosciuto; e manderò dietro a loro la spada, finché io li abbia consumati…….Poiché la morte è salita per le nostre finestre, è entrata nei nostri palazzi per far sparire i bambini dalle strade e i giovani dalle piazze. Di’: Così parla l’Eterno: I cadaveri degli uomini giaceranno come letame sull’aperta campagna, come una mannella che il mietitore si lascia dietro e che nessuno raccoglie.” (Geremia 9:15-22)

“E l’Eterno mi disse: ‘Non pregare per il bene di questo popolo. Se digiunano, non ascolterò il loro grido; se fanno degli olocausti e delle offerte, non li gradirò; anzi io sto per consumarli con la spada, con la fame, con la peste’.” (Geremia 14:11-12)

“Io manderò contro di loro quattro specie di flagelli, dice l’Eterno: la spada, per ucciderli; i cani, per trascinarli; gli uccelli del cielo e le bestie della terra, per divorarli e per distruggerli…Poiché chi avrebbe pietà di te, o Gerusalemme? Chi ti compiangerebbe? Chi s’incomoderebbe per domandarti come stai? Tu m’hai respinto, dice l’Eterno; ti sei tirata indietro; perciò io stendo la mano contro di te, e ti distruggo; sono stanco di pentirmi. Io ti ventolo col ventilabro alle porte del paese, privo di figli il mio popolo, e lo faccio perire, poiché non si converte dalle sue vie. Le sue vedove son più numerose della rena del mare; io faccio venire contro di loro, contro la madre de’ giovani, un nemico che devasta in pien mezzodì; faccio piombar su lei, a un tratto, angoscia e terrore. Colei che avea partorito sette figliuoli è languente, esala lo spirito; il suo sole tramonta mentr’è giorno ancora; è coperta di vergogna, di confusione; e il rimanente di loro io lo do in balìa della spada de’ loro nemici, dice l’Eterno’. “(Geremia 15:3)

“Poiché così m’ha parlato l’Eterno, l’Iddio d’Israele: Prendi di mano mia questa coppa del vino della mia ira, e danne a bere a tutte le nazioni alle quali ti manderò. Esse berranno, barcolleranno, saran come pazze, a motivo della spada ch’io manderò fra loro. E io presi la coppa di mano dell’Eterno, e ne diedi a bere a tutte le nazioni alle quali l’Eterno mi mandava: a Gerusalemme e alle città di Giuda, ai suoi re ed ai suoi principi, per abbandonarli alla rovina, alla desolazione, alla derisione, alla maledizione, come oggi si vede; …….Così parla l’Eterno degli eserciti: Ecco, una calamità passa di nazione in nazione, e un gran turbine si leva dalle estremità della terra. In quel giorno, gli uccisi dall’Eterno copriranno la terra dall’una all’altra estremità di essa, e non saranno rimpianti, né raccolti, né seppelliti; serviranno di letame sulla faccia del suolo. Urlate, o pastori, gridate, voltolatevi nella polvere, o guide del gregge! Poiché è giunto il tempo in cui dovete essere scannati; io vi frantumerò, e cadrete, come un vaso prezioso.  Ai pastori mancherà ogni rifugio, e le guide del gregge non avranno via di scampo. S’ode il grido de’ pastori e l’urlo delle guide del gregge; poiché l’Eterno devasta il loro pascolo;  e i tranquilli ovili son ridotti al silenzio, a motivo dell’ardente ira dell’Eterno. Egli ha abbandonato il suo ricetto, come un leoncello, perché il loro paese è diventato una desolazione, a motivo del furor della spada crudele, a motivo dell’ardente ira dell’Eterno.” (Geremia 25:15-38)

Dunque da queste passaggi si può chiaramente capire che Dio punisce severamente coloro che fanno il male, i quali dopo essere stati ammoniti ed esortati a pentimento, persistono nelle loro vie malvagie e si rifiutano di convertirsi.

Non attiratevi l’ira ardente di Dio. Convertitevi dalle vostre vie malvagie se ne state percorrendo qualcuna. Se ancora non siete riconciliati con Dio, ravvedetevi e credete all’evangelo che è il seguente: Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le scritture, fu seppellito e risuscitò il terzo giorno, secondo le scritture e apparve a molti dei suoi discepoli.

Date retta alle esortazioni e alle riprensioni che vi arrivano all’orecchio. Dio è buono e misericordioso ma è anche giusto e tremendo. Temete Dio.

 

Haiaty Varotto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi altro:
L’ombra della massoneria sulle Assemblee di Dio in Italia (ADI) – parte 6 – esponenti delle ADI assieme a massoni

Umberto Gorietti e altri esponenti delle Assemblee di Dio in bella posa con i massoni: la prova visiva della collusione...

Quando il cardinale Jorge Bergoglio ospitò nella cattedrale la potentissima massoneria ebraica

Il 12 Novembre del 2012, presso la Cattedrale di Buenos Aires centinaia di persone parteciparono alla commemorazione da parte della...

La conversione di un giornalista incaricato di ridicolizzare la conversione

L’Evangelista Torrey doveva tenere una serie di riunioni destinate agli studenti dell’Università di Cambridge. Un giornale del libero pensiero delegò...

Chiudi